Ultime Notizie
Investing Pro 0
🚨 Il nostro dato Pro rivela il vero vincitore della stagione degli utili Accedi ai dati

Il diverbio tra USA e Arabia Saudita non influenzerà i piani dell’OPEC+

Da Ellen R Wald PhDMaterie prime27.10.2022 16:54
it.investing.com/analysis/il-diverbio-tra-usa-e-arabia-saudita-non-influenzera-i-piani-dellopec-200457817
Il diverbio tra USA e Arabia Saudita non influenzerà i piani dell’OPEC+
Da Ellen R Wald PhD   |  27.10.2022 16:54
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
CL
-3,49%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
NYF
-3,79%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

Le relazioni tra la Casa Bianca e la leadership saudita si sono decisamente incrinate da quando l’OPEC+, guidata dall’Arabia Saudita, ha deciso di tagliare la produzione di petrolio contro la volontà dell’amministrazione Biden. La Casa Bianca ha anche espresso rabbia per la recente sentenza dell’Arabia Saudita che condanna un cittadino statunitense a 16 anni di prigione per aver scritto dei tweet non graditi al governo saudita. Alcuni analisti definiscono questo fatto un “nuovo minimo” per le relazioni tra Stati Uniti e Arabia Saudita. Gli operatori si chiedono se questo crescente battibecco porterà a qualcosa. Avrà un impatto sulla produzione globale di petrolio o sul mercato nel suo complesso?

La prima cosa da capire è che l’amministrazione Biden voleva un aumento della produzione da parte dell’OPEC+ nella speranza di far scendere i prezzi del petrolio nel breve periodo. L’8 novembre si terranno le elezioni. Sebbene non sia in gioco la presidenza, lo sono tutti i seggi del Congresso e 1/3 dei seggi del Senato. Di solito, il partito che detiene la presidenza (il Partito Democratico) viene incolpato per i prezzi elevati del gas e dei servizi, come quelli che stiamo vedendo attualmente negli Stati Uniti. Se i Democratici perdono troppi seggi al Congresso e al Senato, il loro programma sarà ostacolato dalla legislatura. Ecco perché la squadra di Biden è particolarmente preoccupata per le ripercussioni politiche del rincaro della benzina in vista delle elezioni.

C’è da dire che alle elezioni mancano meno di due settimane. Una volta concluse le elezioni, la Casa Bianca subirà meno pressioni politiche per spingere verso una riduzione dei prezzi del petrolio, almeno fino alle prossime elezioni del 2024. I trader non si sorprenderanno se la retorica della Casa Bianca su questo tema si placherà subito dopo le elezioni.

Se il team di Biden vuole darsi da fare per ridurre i prezzi dell’energia a beneficio dei consumatori, ci sarebbero diverse azioni che potrebbero contribuire a promuovere la produzione nazionale di energia e a rendere più facile il trasporto dei prodotti energetici necessari alle aree che ne hanno bisogno. Per esempio, la Casa Bianca potrebbe semplificare e chiarire la situazione normativa per i produttori nazionali. Ciò darebbe ai produttori fiducia nel futuro della produzione negli Stati Uniti e li incentiverebbe a investire per aumentare la produzione. Potrebbe sospendere il Jones Act, rendendo così disponibili molte più navi per il trasporto di prodotti come il gasolio e il carburante da riscaldamento verso il nord-est, dove le scorte sono scarse. Biden potrebbe intervenire sui dazi sull’acciaio che rendono difficile per i produttori di petrolio ottenere i prodotti siderurgici specifici di cui hanno bisogno.

Tuttavia, queste azioni andrebbero in contrasto con le politiche “verdi” sostenute dalla Casa Bianca e dal partito democratico, quindi ci sono poche possibilità che la Casa Bianca intraprenda tali azioni. In realtà, potremmo presto assistere a un calo della produzione statunitense a causa delle sfide normative e dell’elevato costo delle forniture e della manodopera per la produzione. Se escludiamo la regione del Permiano, la produzione statunitense è in calo.

In realtà, il governo americano può o vuole fare ben poco per fare pressione sull’Arabia Saudita affinché aumenti la produzione di petrolio, anche se il governo americano volesse farlo dopo le elezioni. Tendenzialmente, i presidenti degli Stati Uniti hanno sempre evitato di commentare pubblicamente la politica petrolifera saudita, anche quando questa ha causato situazioni economiche e politiche dannose. I presidenti del passato non hanno mai cercato di forzare la mano all’Arabia Saudita attraverso altre vie, come la sospensione delle vendite di armi o il rifiuto degli aiuti militari. L’Arabia Saudita è il secondo più grande cliente dell’industria bellica statunitense e questa industria ha una lobby molto forte a Washington. La lobby non permetterà certo al governo statunitense di rovinare le sue relazioni con l’Arabia Saudita.

Con grande probabilità, il governo statunitense farà poco o nulla per l’Arabia Saudita e continuerà a perseguire le politiche petrolifere desiderate. Ciò significa che i trader possono aspettarsi una riduzione delle quote di produzione da parte dell’OPEC+, mentre il gruppo si prepara a quella che molti ritengono una prossima recessione globale.

Il diverbio tra USA e Arabia Saudita non influenzerà i piani dell’OPEC+
 

Articoli Correlati

Il diverbio tra USA e Arabia Saudita non influenzerà i piani dell’OPEC+

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (1)
Simona Perotta
Simona Perotta 27.10.2022 23:01
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Gli yankee litigano con tutti, una piaga sono
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email