Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Il petrolio salirà ancora con un’eventuale escalation del conflitto in Medio Oriente?

Pubblicato 10.10.2023, 15:54
Aggiornato 07.04.2022, 10:55

Secondo gli analisti, è improbabile che il conflitto tra Hamas e Israele metta a rischio i flussi del petrolio, ma un’eventuale escalation e il coinvolgimento di Stati Uniti e Iran potrebbero far impennare i prezzi del greggio.

L’escalation delle tensioni tra Israele e Hamas ha innescato un’immediata impennata dei prezzi del greggio, con il Brent che lunedì ha sfiorato gli 88 dollari al barile. Gli analisti ritengono che il conflitto in corso non rappresenti una minaccia imminente per l’approvvigionamento di petrolio. Tuttavia, un potenziale coinvolgimento dell’Iran e degli Stati Uniti potrebbe portare a una guerra per procura e spingere i prezzi del petrolio a nuovi livelli.

Prezzi del petrolio in ripresa a fronte di potenziali interruzioni dell’approvvigionamento

I prezzi del greggio sono aumentati di circa il 4% domenica, in seguito all’escalation dello scontro tra Israele e Hamas, che ha scatenato potenziali preoccupazioni per la produzione e il trasporto di petrolio in Medio Oriente.

Il Brent, standard mondiale, è salito del 3,97% a 87,94 dollari al barile, mentre il West Texas Intermediate (WTI) è salito del 4,13% a 86,21 dollari. Nonostante l’impennata, i prezzi sono ancora inferiori ai livelli di oltre 90 dollari al barile raggiunti la scorsa settimana.

I prezzi del petrolio sono diminuiti questo mese, perdendo circa 10 dollari al barile prima che Hamas attaccasse Israele. Il messaggio della Federal Reserve sui tassi d’interesse “più alti più a lungo” e il rallentamento della crescita hanno pesato sulle prospettive della domanda di petrolio, annullando il precedente rally che ha spinto i prezzi del greggio a 100 dollari al barile.

Tuttavia, l’ultima escalation in Medio Oriente porterà probabilmente alla volatilità del mercato petrolifero, poiché gli investitori si concentrano sulle possibili interruzioni dell’offerta.

È improbabile che lo scontro Hamas-Israele interrompa i flussi di petrolio, ma una potenziale guerra potrebbe farlo

È improbabile che i recenti attacchi mettano a rischio immediato i flussi di petrolio, dato che né la Palestina né Israele sono attori di primo piano nel settore. Ciononostante, c’è la possibilità che il conflitto sfoci in una catastrofica guerra per procura e che coinvolga più Paesi, come gli Stati Uniti e l’Iran, entrambi motori del mercato petrolifero.

“Il modo in cui l’Arabia Saudita, l’Iran e gli Stati Uniti saranno coinvolti in questa situazione sarà fondamentale. Il rischio geopolitico non tende a rimanere a lungo sui mercati, ma ci sono molti impatti di secondo ordine che potrebbero derivare dagli sviluppi di questo fine settimana nelle settimane, nei mesi e negli anni a venire”, ha dichiarato lunedì Jim Reid, analista presso Deutsche Bank (ETR:DBKGn).

Teheran è accusata dai funzionari statunitensi di essere coinvolta negli attacchi di Hamas e qualsiasi ritorsione contro l’Iran potrebbe portare alla chiusura dello Stretto di Hormuz, l’unico passaggio marittimo dal Golfo Persico all’oceano aperto. L’Iran ha già minacciato di chiudere lo stretto.

Inoltre, se il coinvolgimento dell’Iran nella guerra dovesse scatenare una risposta da parte di Israele o degli Stati Uniti, sarebbe probabile una forte impennata dei prezzi del greggio a causa del rischio percepito di interruzione.

***

Il presente articolo è stato pubblicato originariamente su The Tokenist. Consultate la newsletter gratuita di The Tokenist, Five Minute Finance, per un’analisi settimanale delle principali tendenze nel campo della finanza e della tecnologia.

Né l’autore, Tim (BIT:TLIT) Fries, né questo sito web, The Tokenist, forniscono consulenza finanziaria. Vi invitiamo a consultare la nostra politica del sito web prima di prendere decisioni finanziarie.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.