Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Intelligenza Artificiale vs. Corsa alle Armi: Il Duello Trimestrale tra USA ed UE

Pubblicato 28.03.2024, 09:43
MSFT
-
NOVN
-
AAPL
-
TSLA
-

Prosegue il buon momento sui mercati azionari, con la seduta odierna che segna la chiusura dell'ultimo giorno di questo trimestre. Domani, in occasione del Venerdì Santo, i mercati azionari occidentali rimarranno chiusi.
Wall Street sta segnando un rialzo trimestrale del 10%, una crescita così significativa nel primo trimestre dell'anno che mancava dal 2019. Questo incremento è principalmente trainato dalla performance delle cosiddette "Big", anche se con alcune assenze rilevanti, come quelle di Apple (NASDAQ:AAPL) e Tesla (NASDAQ:TSLA). I principali temi in gioco si concentrano sul rinnovato ottimismo nell'ambito dell'intelligenza artificiale (AI), il che non sorprende considerando che i maggiori contributi all'indice americano provengono da aziende come Nvidia (responsabile di un quarto della crescita complessiva), Microsoft (NASDAQ:MSFT) e Meta.

Allo stesso tempo, la maggiore crescita settoriale è stata registrata nel comparto delle comunicazioni (già leader dallo scorso anno), seguita dal settore energetico (+12,3%), finanziario (+11.8%), industriale (+10.8%), sanitario (+8.7%), dei materiali (+8.7%) e solo successivamente del settore tecnologico (+8.6%). Proprio quest’ultimo, misurato dall'ETF XLK, il contributo combinato di Microsoft (+12.28% di ritorno YTD e una contribuzione ponderata nell'ETF del 286 pb) e Nvidia (con un ritorno del 82.25% e una contribuzione del 2.31 pb) ha rappresentato circa il 60% dell'incremento complessivo dell'ETF.

Con i potenziali catalizzatori rappresentati dai tagli dei tassi della Fed, da un moderato allentamento dell'inflazione e da una prevista crescita degli utili migliore e più ampia nel corso dell'anno, sembra che il tema dell'allargamento della leadership di mercato continuerà ad essere rilevante. Anche se è improbabile che il rally del mercato possa proseguire all'infinito, eventuali correzioni potrebbero offrire agli investitori l'opportunità di diversificare e prepararsi per un ulteriore allargamento della partecipazione al mercato.
Non è quindi sorprendente che il vero biglietto da visita di questo inizio anno a Wall Street non sia tanto la crescita, ma piuttosto l'assenza di significativi cali, con il drawdown da inizio anno che non ha mai superato il 2%.
Il Vecchio Continente, principale protagonista assoluto di questo inizio anno, con molti dei suoi indici che scambiano su massimi storici o pluriennali, trova nel percorso dell'inflazione e nelle prossime mosse colombe della BCE (non a caso gli ultimi commenti, anche di ieri, hanno rimarcato un possibile primo passo da parte di Francoforte in tale direzione) un deciso punto di forza. Tuttavia, il vero protagonista europeo è il settore della difesa, con la corsa alle armi che si è tradotta nella corsa dei suoi players nazionali. Non a caso, i leader sui principali listini nazionali, come in Italia (Iveco +73% e Leonardo +53.7%), in Germania (Rheinmetall +78%) e nello Stoxx 600 (escludendo Morphosys +97% che ha beneficiato dell’offerta di acquisto di Novartis (SIX:NOVN)), vediamo la tedesca Rheinmetall, la svedese Saab e l’italiana Leonardo a guidare la classifica dei rialzi. Dopo anni di esclusione dai portafogli degli investitori, motivata non solo da considerazioni economiche ma soprattutto da valutazioni etiche e ESG (ambientali, sociali e di governance), il comparto torna nuovamente in auge. E con orizzonti geopolitici certamente non dei migliori, la domanda non sembra neanche accennare a diminuire.

Se in Europa il comparto della difesa risulta dominante negli Stati Uniti le industrie green ovvero Solar (ETF TAN) e Clean Energy (ETF PBW) rimarcano contrazioni a doppia cifra, ovvero le peggiori tra le industrie americane. Se il mercato azionario americano ha corso, quello dei Treasury ha offerto un’evoluzione meno positiva, limitando soprattutto tali industrie sensibili ai tassi. Evoluzione contrapposta delle rinnovabili e delle industrie europee della difesa che rimarca la fine dell’etica in borsa?


 
Gabriel Debach
eToro Italian Market Analyst
 
Disclaimer: Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.
Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.
Dovresti chiedere consiglio a un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato e assicurarti di avere la propensione al rischio, l'esperienza e la conoscenza opportune prima di decidere di investire. In nessuna circostanza eToro si assumerà alcuna responsabilità nei confronti di persone fisiche o giuridiche per (a) qualsiasi perdita o danno, interamente o parzialmente causati da, dovuti a, o relativi a qualsiasi transazione legata ai CFD o (b) qualsiasi danno diretto, indiretto, speciale, consequenziale o incidentale.
I mercati delle criptovalute sono servizi non regolamentati e non sono controllati da nessun quadro normativo specifico europeo (incluso il MiFID) o nelle Seychelles. Pertanto, quando utilizzi il nostro Servizio di Trading di Criptovalute non potrai beneficiare delle protezioni disponibili per i clienti che ricevono servizi di investimento regolamentati (a seconda dei casi) dal MiFID, come l'accesso al Cyprus Investor Compensation Fund (ICF)/al Financial Services Compensation Scheme (FSCS) e al Financial Ombudsman Service per la risoluzione delle controversie, né delle protezioni disponibili ai sensi del quadro normativo delle Seychelles.
 

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.