Ultime Notizie
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Investitori dei bond preoccupati, tra inflazione e paura di una recessione

Da Investing.com (Darrell Delamaide/Investing.com)Obbligazioni17.05.2022 13:14
it.investing.com/analysis/investitori-dei-bond-preoccupati-tra-inflazione-e-paura-di-una-recessione-200453926
Investitori dei bond preoccupati, tra inflazione e paura di una recessione
Da Investing.com (Darrell Delamaide/Investing.com)   |  17.05.2022 13:14
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Su, giù, su, giù: i rendimenti dei Treasury USA continuano ad essere altalenanti, mentre gli investitori cercano di bilanciare i timori per l’inflazione e la preoccupazione per un rallentamento economico globale, se non una recessione.

Buone notizie, cattive notizie: i dati sono misti e l’economia non ha una direzione chiara. Il rendimento dei Titoli del Tesoro USA decennali ieri è sceso poco sotto il 2,9% dopo aver sfiorato il 3,2% la scorsa settimana.

US 10-year Weekly Chart
US 10-year Weekly Chart

Gli analisti tecnici scommettono sull’incapacità dei decennali di restare sopra il 3%, affermando con fiducia che, se non l’hanno infranto finora, non lo faranno. Vedremo, ma la palla di vetro è decisamente offuscata.

Quello che abbiamo visto nel passato recente è che gli investitori sono rapidi ad abbandonare i Treasury se l’inflazione si surriscalda. La scorsa settimana la lettura di aprile sull’indice sui prezzi al consumo è risultata inferiore sull’anno, pari all’8,3% rispetto all’8,5% di marzo, ma comunque superiore all’8,1% previsto e difficilmente dimostra un picco dell’inflazione.

Ci sono varie opinioni, ma il consenso è che l’inflazione resterà piuttosto alta.

Mentre i rendimenti dei Treasury vanno su e giù, il dollaro non fa che rafforzarsi e si avvicina alla parità con l’euro, dagli 1,20 dollari di appena qualche settimana fa.

Questo in parte per via della posizione più aggressiva della Fed sui tassi di interesse, in ritardo ma comunque più avanti della Banca Centrale Europea, dove i policymaker ancora si chiedono se uscire dal territorio negativo.

La svolta è che una moneta più forte riduce l’inflazione perché rende le importazioni più economiche, mentre una valuta più debole peggiora l’inflazione rendendole più costose.

In questo caso, i tassi di interesse più alti stanno rendendo il dollaro allettante ed attirando afflussi, mentre dei tassi più deboli rendono l’euro meno desiderabile, incoraggiando i flussi monetari verso gli USA.

Il dilemma dei banchieri centrali europei

Il capo della banca centrale francese, François Villeroy de Galhau, ieri si è detto preoccupato per il fatto che la debolezza dell’euro faccia salire l’inflazione.

German 10-year Weekly Chart
German 10-year Weekly Chart

Villeroy de Galhau è un moderato sui tassi di interesse, ma i suoi commenti hanno brevemente riportato il rendimento dei bond decennali tedeschi sopra l’1%, prima che scendesse imitando i Treasury. Il rendimento dei bond tedeschi ha raggiunto il picco di poco oltre l’1,17% la scorsa settimana, scendendo però allo 0,94% ieri.

Il dilemma dei banchieri centrali europei è quanto sia vulnerabile l’economia per via della dipendenza dal petrolio e gas russi.

I funzionari di Washington per anni hanno messo in guardia i colleghi UE circa il rischio di questa dipendenza, ma la Germania, in particolare, ha ignorato questi timori, procedendo con il progetto di un nuovo gasdotto che porta il gas russo direttamente in Germania sotto il Mar Baltico. (Il Nord Stream 2 è stato abbandonato).

Ma Washington ha poco da gioire per averci azzeccato, perché i prezzi degli energetici alle stelle in Europa non solo si trascinano dietro quelli statunitensi, ma mettono a rischio l’economia del continente.

Il Presidente russo Vladimir Putin consente ancora al gas di fluire, ma sta cercando di costringere l’Occidente a pagarlo in rubli in risposta alle sanzioni contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina, compreso il congelamento delle riserve estere di Mosca.

Sta diventando chiaro che l’economia globale è una cosa ottima quando tutti rispettano le regole, ma può portare ad enormi sconvolgimenti quando qualcuno sceglie di giocare sporco.

Come se non bastasse, la Cina, la seconda economia mondiale, sta perseguendo una politica di tolleranza zero per il COVID, con drastici lockdown e quarantene che hanno comportato un enorme calo dell’attività economica.

Non meraviglia che gli investitori cauti preferiscano la sicurezza del dollaro e dei Treasury in questo contesto.

Investitori dei bond preoccupati, tra inflazione e paura di una recessione
 

Articoli Correlati

Eugenio Sartorelli
Analisi Ciclica sul Bund future Da Eugenio Sartorelli - 08.07.2022

Vediamo di fare un’Analisi Ciclica sul Bund Future per capire i potenziali sviluppi per i prossimi giorni.   Vediamo l’andamento del future Bund a partire dal minimo del 9 maggio,...

Investitori dei bond preoccupati, tra inflazione e paura di una recessione

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (3)
Paolo Verdieri
Paolo Verdieri 20.05.2022 18:54
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
se..guardo il cambio rublo...
Stefano Meneghetti
Stefano Meneghetti 17.05.2022 19:59
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Emanuele Paris
Bigmème 17.05.2022 18:53
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
la situazione è veramente difficile, ma ho l'impressione che il mercato voglia ancora credere che l'inflazione sarà transitoria e sarà riassorbita entro l'anno. Tuttavia quando leggo esemplificazioni del tipo "La svolta è che una moneta più forte riduce l’inflazione perché rende le importazioni più economiche, mentre una valuta più debole peggiora l’inflazione rendendole più costose" mi vengono i brividi; qualcuno potrebbe rispondere, che un rafforzamento della moneta comunque determina un deficit delle partite correnti: sarebbero in errore entrambi, perchè la risposta dovrebbe essere sempre la stessa: dipende. Non si può semplificare in questo modo, e per ogni sistema economico prendere la parte che più ci fa comodo al momento per argomentare le nostre tesi. Un sistema economico va valutato nella sua interezza e nella sua integrità. Ad esempio: per il Giappone, un'economia da sempre export oriented un rafforzamento della moneta creperebbe l'economia.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email