📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Le azioni USA continuano a dominare gli asset globali nel 2023

Pubblicato 17.10.2023, 11:05
VTI
-
CRDI
-
JNK
-
VEA
-

Il conflitto israelo-palestinese è un nuovo fattore di rischio per i mercati finanziari, ma per il momento non c’è gara tra le azioni statunitensi e le altre classi di asset mentre l’anno si avvia verso la fase finale, in base a una serie di ETF fino alla chiusura di venerdì (13 ottobre).

Il Vanguard Total Stock Market Index Fund ETF Shares (NYSE:VTI) è in rialzo del 13,0% su base annua. Sebbene sia ben al di sotto del picco del 20% raggiunto dall’ETF in estate, il premio di rendimento di quest’anno per le azioni americane rimane elevato rispetto al resto delle principali classi di attività. Il secondo miglior performer nel 2023 è l’azionario dei mercati sviluppati ex-USA (VEA) con un rendimento relativamente modesto del 5,2% da inizio anno.

ETF Performance YTD Returns

Circa la metà dei mercati sta registrando perdite nel 2023. Le azioni immobiliari negli Stati Uniti e nei mercati esteri stanno subendo i cali più marcati: -5,6% e -7,5%, rispettivamente.

Il Global Market Index (GMI) sta sovraperformando la maggior parte delle asset class quest’anno, ad eccezione delle azioni statunitensi. Il GMI è un benchmark non gestito che contiene tutte le principali classi di attività (ad eccezione della liquidità) in base al valore di mercato tramite ETF e rappresenta una misura competitiva per le strategie di portafoglio multi-asset class.

Da notare che l’attuale drawdown del GMI è relativamente leggero rispetto ai mercati sottostanti. Solo le azioni statunitensi (VTI) e le obbligazioni spazzatura statunitensi (JNK) registrano ribassi da picco a picco inferiori al -12,3% del GMI.

Drawdown Distribution Histories

La questione dell’andamento degli asset di rischio nel breve termine dovrebbe essere strettamente legata al percorso del conflitto israelo-palestinese.

“Stiamo esaminando le potenziali implicazioni economiche delle ostilità”, afferma il Segretario del Tesoro statunitense Janet Yellen. “È troppo presto per ipotizzare se ci saranno o meno conseguenze significative. Credo che dipenda soprattutto dal fatto che le ostilità si estendano oltre Israele e Gaza, e questo è certamente un risultato che vorremmo evitare”.

Secondo un nuovo sondaggio del Wall Street Journal, gli economisti sono ottimisti sulle prospettive dell’economia statunitense nel prossimo futuro. Una piccola minoranza (54%) pensa che il Paese eviterà una recessione, rispetto al 48% di luglio.

Recession Probability

La domanda chiave è se l’operazione militare di Israele, che sembra destinata a invadere Gaza, scatenerà un conflitto più ampio in Medio Oriente.

“Non ho idea se i mercati si comporteranno relativamente bene”, afferma Erik Nielsen, group chief economics advisor di UniCredit (BIT:CRDI). “Quasi certamente dipende dal fatto che quest’ultimo conflitto rimanga localizzato o che si intensifichi in una guerra mediorientale più ampia”.

George Moran, economista europeo di Nomura, aggiunge:

“Se la guerra in Ucraina ci ha insegnato qualcosa, è che non bisogna sottovalutare l’effetto della geopolitica”.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.