Ricevi uno sconto del 40%
🚨 Mercati volatili? Trovare le gemme nascoste per ottenere una seria sovraperformanceTrova subito azioni

Le azioni USA continuano a vincere: gli investitori globali l’hanno capito?

Pubblicato 07.02.2024, 06:58
Aggiornato 09.07.2023, 12:31

Scommettere sulla scomparsa della lunga leadership delle azioni statunitensi rispetto ai mercati esteri non si è rivelato vincente per un bel po’ e i primi risultati del 2024 suggeriscono che questo trend persiste.

Siamo soltanto a febbraio e quindi il nuovo anno è ancora ricco di opportunità, rischi e sorprese.

Ma a giudicare dai risultati dell’anno in corso, la vecchia storia si sta ripetendo, ancora una volta, in termini di performance relativa per le azioni statunitensi, sulla base di una serie di ETF fino alla chiusura di venerdì (2 febbraio).

Il Vanguard Total Stock Market Index Fund ETF Shares (NYSE:VTI) è salito del 3,4% quest’anno.

Si tratta di un risultato superiore al resto delle principali regioni azionarie del mondo e a un paio di benchmark azionari globali. I titoli mondiali che detengono azioni statunitensi (VT) sono in rialzo dell’1,6% su base annua, mentre le azioni estere ex-USA sono in calo dell’1,5% nel 2024.

Anche la suddivisione dei mercati mondiali a livello più granulare evidenzia il predominio degli Stati Uniti, anche se con una gara ravvicinata tra i titoli del Giappone (EWJ). Il VTI sta ancora battendo l’EWJ su base annua, ma con un margine minimo: 3,7% contro 3,4%.Regional Equities ETFs YTD Returns

Anche l’anno scorso il mercato azionario giapponese è stato un forte concorrente rispetto alle azioni statunitensi. Nel 2023 l’EWJ ha registrato un aumento del 20,3%, leggermente inferiore al 26,1% del VTI, che ha battuto il mondo.

La competizione continua anche nel 2024 e quindi, per il momento, il mercato giapponese è ben posizionato per superare potenzialmente le azioni statunitensi.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

All’estremo opposto, le perdite in corso nei titoli cinesi non accennano a diminuire.

L’ETF iShares MSCI China (NASDAQ:MCHI) ha già perso l’11,5% su base annua. L’attuale periodo di rosso per MCHI segue due anni solari consecutivi di risultati negativi.

Lo status di outlier al ribasso della Cina (MCHI) è particolarmente evidente nella finestra di un anno rispetto alle azioni degli Stati Uniti (VTI), alle azioni globali (VT) e alle azioni mondiali ex-USA (VXUS).

VTI-Daily Chart

Ai contrari che scommettono che la leadership delle azioni statunitensi si stia esaurendo, gli ottimisti rispondono che le aspettative di taglio dei tassi d’interesse manterranno viva la speranza (e lo slancio al rialzo).

“Da un punto di vista macroeconomico, in generale, l’economia statunitense è il motore più importante della performance azionaria in generale”, ha dichiarato di recente a Yahoo Finance Ben Snider, strategist azionario di Goldman Sachs (NYSE:GS).

“Non credo che conti molto se la Fed inizierà a tagliare a marzo, maggio o giugno.

La dinamica chiave è che la Fed sta incentivando gli investitori di margine a uscire dalla liquidità e a ridurre il costo del capitale per le piccole imprese che si affidano spesso a finanziamenti esterni”.

Ultimi commenti

mah, non è chiaro allora quando il mercato saliva con impulso eudorico proprio per i tagli che la FED avrebbe dovuto fare già da marzo scontandone ben 6 per il 2024...quindi qualcosa non torna
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.