Le previsioni nowcast del PIL del 1° trimestre indicano una crescita lenta

Pubblicato 08.04.2024, 09:55
US500
-
GS
-
JPM
-

Per il report sul PIL USA del primo trimestre, atteso per fine mese, si prevede una produzione economica con un ritmo di crescita materialmente più contenuto.

La crescita sarà abbastanza forte da minimizzare il rischio di recessione, ma la decelerazione del trend attraverso i dati del PIL rimarrà evidente per il secondo aggiornamento trimestrale consecutivo.

La produzione relativa al periodo gennaio-marzo è attualmente stimata in aumento del 2,0% (tasso annuo reale destagionalizzato), in base alla mediana di una serie di previsioni elaborate da CapitalSpectator.com.

Questo aumento moderato dell’attività economica, se corretto, segnerà un rallentamento della crescita rispetto al forte aumento del 3,4% del T4, che è stato un rallentamento rispetto al T3.

US Real GDP Change

L’aumento mediano del 2,0% registrato oggi per il PIL del 1° trimestre è invariato rispetto al nowcast precedente del 22 marzo.

La recente stabilità di queste revisioni suggerisce, a questo punto, in vista della pubblicazione del report governativo sul PIL del 1° trimestre il 25 aprile, che una previsione attuale del 2% è una stima ragionevole.

Sebbene la crescita degli Stati Uniti sia rallentata e si preveda un’ulteriore decelerazione nel prossimo rapporto sul PIL del 1° trimestre, una visione di questo rallentamento è che l’economia si stia stabilizzando a un ritmo sostenibile e “normale” piuttosto che scendere verso una recessione nel corso dell’anno.

Di questa idea è Chris Williamson, capo economista aziendale di S&P Global Market Intelligence. Citando i dati rivisti dell’indagine PMI di marzo, pubblicati all’inizio di questa settimana e inclusi nei dati del nowcast del PIL di cui sopra, afferma che:

“Insieme a un’accelerazione della crescita nel settore manifatturiero, gli ultimi dati PMI dei servizi indicano che il PIL è aumentato a un tasso annualizzato del 2% circa nei primi tre mesi dell’anno”. Anche la fiducia nelle prospettive per il prossimo anno è aumentata, il che dovrebbe contribuire a sostenere una crescita solida nel secondo trimestre”.

Composite Output Index vs GDP

Anche JP Morgan (NYSE:JPM) vede un basso rischio di recessione nel breve termine. In una recente nota di ricerca del trading desk della banca si afferma che una recessione appare improbabile nel 2024.

Meredith Whitney, fondatrice e CEO di Meredith Whitney Advisory Group, prevede inoltre che la crescita degli Stati Uniti continuerà fino alla fine dell’anno.

Jan Hatzius, capo economista di Goldman Sachs (NYSE:GS), è tra gli ottimisti. Secondo lui, l’economia statunitense continuerà a crescere, come ha dichiarato alla CNBC:

“Sono certamente ottimista per quest’anno. Sul fronte della crescita, siamo ben al di sopra delle stime, vicino al 3% di crescita quest’anno”.

Nel frattempo, “siamo ben al di sotto del consenso in termini di rischio di recessione. Pensiamo al 15% nei prossimi 12 mesi, che è una sorta di probabilità media di recessione, dato che nel dopoguerra abbiamo avuto una recessione circa una volta ogni sette anni”.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.