6 nuovi titoli aggiunti la scorsa settimana dai ProPicks AI sono già aumentati dell'2.5%.
Non perdere l’occasione!
Ottieni il 50% di sconto

L'S&P 500 Energy supera gli altri settori grazie all'aumento dei prezzi del petrolio

Pubblicato 12.09.2023, 10:38
US500
-
GS
-
HAL
-
COP
-
LCO
-
CL
-
MPC
-
SPNY
-

Nel breve periodo, i titoli energetici stanno sovraperformando il S&P 500.

La Strategic Petroleum Reserve (SPR) è al punto più basso dal 1983, con 347 milioni di barili. Istituita nel 1975 a seguito dell'embargo petrolifero del 1973 in Medio Oriente, la SPR ha una capacità totale di 714 milioni di barili oil.

Il livello di SPR è quindi meno della metà (48%). Come mostra il grafico sottostante, si tratta di un livello anomalo di sicurezza energetica, essendo rimasto perlopiù piatto dalla metà degli anni Ottanta.

Crude Oil Stocks
Immagine per gentile concessione dell'EIA

Poiché la Strategic Petroleum Reserve (SPR) è un cuscinetto contro le interruzioni dell'approvvigionamento, invia segnali importanti. In primo luogo, il mercato energetico azionario prezza un aumento dei prezzi del petrolio quando la capacità del governo di prelevare dalla SPR diminuisce.

Ciò si è già verificato negli ultimi tre mesi, quando il prezzo di Brent crude oil è balzato del 21% a 90,84 dollari al barile, il livello raggiunto nel novembre 2022. In secondo luogo, ciò significa anche che l'inflazione è destinata a riaccelerare.

Dopo tutto, nel luglio 2022 l'amministrazione Biden aveva individuato nei costi energetici la metà del contributo all'aumento dell'inflazione. Tuttavia, per gli investitori in titoli energetici, il fatto che il prezzo del petrolio abbia raggiunto il livello più alto di quest'anno si traduce in un guadagno.

Performance del settore energetico rispetto agli altri settori

S&P 500 Energy sector aggiunge il 7,5% di peso all'indice di riferimento complessivo. In altre parole, questo è il contributo di SPN alla capitalizzazione di mercato totale dello S&P 500, attualmente pari a 37,16 trilioni di dollari.

Come prevedibile, SPN ha seguito da vicino il rialzo del greggio Brent dal secondo trimestre (conclusosi a giugno). Complessivamente, il settore energetico dello S&P 500 è aumentato dell'11% nel trimestre. Allo stesso tempo, lo S&P 500 (SPX) è salito dell'1,87%.

Brent Crude Oil Futures Vs SPN
Futures del greggio Brent (BZ) contro il settore energetico dello S&P 500 (SPN). Immagine per gentile concessione di TradingView

Tra le singole società energetiche, Marathon Petroleum Corporation (NYSE:MPC) ha registrato i maggiori guadagni nello stesso periodo, pari al 32%. Seguono Halliburton (NYSE:HAL) con il 28% e ConocoPhillips (NYSE:COP) con il 18%.

Tagli alla produzione di petrolio su Align con aspettative di recessione?

Per il 2023, le aspettative di recessione sono contrastanti. Da un lato, la Commissione Europea ha previsto una riduzione della DGP per le cinque maggiori economie dell'Eurozona.

"Sebbene lo scorso inverno abbiamo evitato una recessione, i molteplici venti contrari che l'economia dell'UE si trova ad affrontare quest'anno hanno portato a uno slancio di crescita un po' più debole di quanto previsto in primavera", ha dichiarato Paolo Gentiloni, commissario europeo per l'economia dell'eurozona.

Paolo Gentiloni, Commissario europeo per l'Economia, durante la conferenza stampa di lunedì.

Per il motore economico dell'UE, la Germania, questo significa una contrazione dello 0,4% rispetto alla precedente previsione di crescita dello 0,2%. L'interruzione del gas russo a basso costo ha devastato l'industria tedesca, rendendola meno competitiva sulla scena internazionale. Da un anno all'altro, l'indice di produzione industriale tedesco ha toccato quota 95,70, il punto più basso dell'anno.

Dall'altra parte dell'Atlantico, Goldman Sachs (NYSE:GS) ha ridotto le probabilità di recessione al 15% per i prossimi 12 mesi. Durante la crisi bancaria statunitense di marzo, la previsione di recessione era del 35%. Per il terzo trimestre, il modello GDPNow della Fed di Atlanta prevede ora uno slancio di crescita rialzista del 5,6%, in opposizione alla contrazione dell'eurozona.

Tuttavia, questo potrebbe essere controbilanciato dalla Federal Reserve se l'inflazione si rinvigorisce. Oltre al basso SPR, l'aumento del prezzo del petrolio proviene dall'Arabia Saudita e dalla Russia. In qualità di maggiori esportatori di crude oil, hanno esteso i tagli alla produzione di petrolio fino alla fine dell'anno.

La Fed potrebbe inasprire ulteriormente le condizioni finanziarie con ulteriori rialzi dei tassi di interesse per contrastare l'ondata inflazionistica.

"Non c'è dubbio che le dinamiche legate all'aumento dei prezzi del petrolio creeranno un po' di ansia per la Fed", ha dichiarato Nate Thooft, capo degli investimenti di New York.

Nate Thooft, responsabile degli investimenti presso Manulife Investment Management

Naturalmente, l'aumento dei prezzi del petrolio provocherebbe un aumento dei costi di trasporto e si ripercuoterebbe sui prodotti che fanno affidamento su plastica e fertilizzanti. Se la Fed reagisce a queste impennate dei prezzi con rialzi più consistenti del previsto, le previsioni di recessione per gli Stati Uniti potrebbero essere meno ottimistiche.

In tal caso, i titoli energetici potrebbero subire un altro ciclo di boom-and-bust, così diffuso nei mercati delle materie prime.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.