Ultime Notizie
Ricevi uno sconto del 40% 0
🔎 Vedi NVDA i ProTips per un’istantanea di rischi o ricompense Richiedi lo SCONTO DEL 40%

Opec+ in affanno, ma Ubs e Goldman confermano che il greggio salirà

Da OraFinanza.it (Antonio Gamma)Panoramica mercato01.12.2023 14:26
it.investing.com/analysis/opec-in-affanno-ma-ubs-e-goldman-confermano-che-il-greggio-salira-200465265
Opec+ in affanno, ma Ubs e Goldman confermano che il greggio salirà
Da OraFinanza.it (Antonio Gamma)   |  01.12.2023 14:26
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
GS
+0,02%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
LCO
+0,04%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
CL
+0,10%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

L’ultimo vertice del cartello è stato un sostanziale fallimento: dopo un calo del 13% delle quotazioni in due mesi, non c’è stato l’accordo per ridurre la produzione, solo impegni volontari di singoli Paesi. Le due banche vedono un 2024 con prezzi in crescita.

Il sostanziale fallimento del vertice Opec+ di giovedì 30 novembre non toglie la speranza degli investitori di vedere di nuovo il prezzo del petrolio salire, nonostante gli impegni presi dai Paesi del cartello per ridurre la produzione diano la sensazione di essere scritti sulla sabbia. 
Brent (81 dollari al barile) e Wti (76 dollari) oggi sono sostanzialmente invariati rispetto a ieri su quotazioni ormai scese agli stessi livelli di inizio dell’anno. Negli ultimi due mesi il prezzo del barile è sceso del 13% a causa soprattutto dei timori di rallentamento dell’economia in Cina.
QUOTAZIONI DEL WTI DALL’INIZIO DELL’ANNO



Arabia Saudita alla guida dei tagli


Giovedì il cartello petrolifero ha rilasciato una dichiarazione che non approva formalmente i tagli alla produzione, ma i singoli Paesi hanno annunciato riduzioni volontarie per un totale di 2,2 milioni di barili al giorno per il primo trimestre del 2024.
A guidare i tagli è il membro più importante dell’Opec, l'Arabia Saudita. Riad ha accettato di estendere il suo taglio volontario di produzione di 1 milione di barili al giorno - in vigore da luglio - fino alla fine del primo trimestre del 2024. La Russia ha dichiarato che taglierà l'offerta di 300.000 barili al giorno di greggio e 200.000 barili al giorno di prodotti raffinati nello stesso periodo.
Ci sono poi le riduzioni minori di produzione annunciate da Iraq (-223mila barili al giorno), Emirati arabi uniti (-163mila), Kuwait (-135mila), Kazakhstan (-82mila), Algeria (-51mila) e Oman ( -42mila). Secondo il comunicato diffuso ieri dall’Organizzazione, in tutto si arriva a tagli complessivi per 2,2 milioni, ma in realtà, come sottolineano molti osservatori, la riduzione vera di output non supera i 700.000 barili al giorno, tenuto conto che l’Arabia Saudita ha semplicemente rinnovato un impegno che è già in vigore da quattro mesi.

Contestazioni dall'Angola


Insomma, di fronte a prezzi in calo, i Paesi aderenti al cartello fanno fatica a trovare la disciplina e spartirsi i sacrifici per sostenere le quotazioni. Addirittura emergono contestazioni esplicite della politica del cartello, come nel caso dell’Angola, che solo poche ore dopo la diffusione del comunicato dell’Opec ha annunciato che “produrrà più della quota determinata dall’Opec” di 1,1 milioni di barili al giorno. “Non è questione di disobbedire all’Opec – ha detto il governatore Estevao Pedro –. Abbiamo presentato la nostra posizione e l’Opec dovrebbe tenerne conto”.
La mancanza di compattezza fra i produttori non modifica le previsioni di lungo termine di Ubs e Goldman Sachs (NYSE:GS), entrambe convinte che le quotazioni del petrolio sono destinate a salire nel 2024.
Giovanni Staunovo, strategist di Ubs, ha commentato il vertice dicendo che se i membri rispetteranno i tagli promessi, i prezzi del greggio sono destinati a salire. Quando i tagli scadranno alla fine del primo trimestre – è la sua tesi -, i barili rimossi torneranno solo gradualmente, “il che dovrebbe contribuire a mantenere il mercato petrolifero in deficit nel primo semestre del 2024”. Ubs si aspetta un aumento dei prezzi in un mercato petrolifero sotto-alimentato.
Analogamente, Goldman Sachs prevede un aumento dei prezzi, adottando un approccio attendista sull’adesione dei membri dell'Opec+ ai tagli proposti. Goldman si aspetta che il gruppo “possa mantenere i prezzi del petrolio Brent nell'intervallo 80-100 dollari nel 2024”.

Entra il Brasile


A favore di un possibile recupero delle quotazioni gioca la principale novità emersa ieri, ovvero l’ingresso nell’Opec+ del Brasile. Il Paese sudamericano vanta già adesso una produzione di greggio di 3,7 milioni di barili al giorno, che lo piazza al quarto posto fra i Paesi del cartello alle spalle di Arabia Saudita, Russia e Iraq. Inoltre, grazie a importanti investimenti (effettuati con diversi partner stranieri) l’output brasiliano sta crescendo a ritmi velocissimi, in linea con l’obiettivo di arrivare a ben 5,4 milioni di barili di capacità a fine decennio.

Opec+ in affanno, ma Ubs e Goldman confermano che il greggio salirà
 

Articoli Correlati

Opec+ in affanno, ma Ubs e Goldman confermano che il greggio salirà

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (3)
Gianfranco Arcuri
Gianfranco Arcuri 01.12.2023 23:42
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
di fatti erano presenti tagli di produzione 2,2 milioni di barili. alla fine Hanno cambiato tutti idea con solo taglio di 700 Milà barili..
Gianfranco Arcuri
Gianfranco Arcuri 01.12.2023 23:39
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
taglio tassi d'interesse
Gianfranco Arcuri
Gianfranco Arcuri 01.12.2023 23:38
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
i tassi d'interesse che hanno proseguito dal crollo delle banche ad oggi hanno compromesso i mercati emergenti orientali, l'aumento dei prezzi del greggio e stato dato, diciamo, definito come guadagno rifugio. la riduzione dei prezzi avverrà sicuramente se accadrà il contrario previsto quest' anno (riduzione dei tassi d'interesse)
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email