⌛ Persi i guadagni 13% di ProPicks a maggio? Abbonati ora, prendi i titoli di giugno scelti dall'AI.Sblocca azioni

PIL USA Q1: la crescita sembra destinata a rallentare nei dati di domani

Pubblicato 24.04.2024, 08:42
WFC
-

L’economia statunitense sembra destinata a registrare una crescita più debole nel report sul PIL del primo trimestre atteso domani, giovedì 25 aprile, secondo la mediana di una serie di previsioni compilate da CapitalSpectator.com.

La crescita per il periodo gennaio-marzo attualmente si stima a +2,0% (tasso annuale reale destagionalizzato), invariato rispetto alla precedente previsione pubblicata il 5 aprile. Se corretto, il moderato aumento rappresenterà un altro trimestre di crescita in decelerazione.

US Real GDP Change

L’economia è cresciuta del 3,4% nel quarto trimestre dell’anno scorso, in calo rispetto al precedente. Malgrado un altro round di crescita più debole, la maggior parte delle stime per il prossimo report del Q1 (la stima iniziale del Bureau of Economic Analysis) indica che l’economia continuerà ad espandersi ad un ritmo sano che minimizza il rischio di recessione.

In effetti, secondo alcuni, l’economia statunitense è surriscaldata.

“La forte recente performance degli Stati Uniti riflette una robusta produttività e crescita dell’occupazione, ma anche una forte domanda in un’economia che resta surriscaldata”, afferma il capo economista del FMI Pierre-Olivier Gourinchas. “E questo richiede un approccio cauto e graduale all’allentamento (monetario) da parte della Federal Reserve”.

Invece, alcuni analisti temono che il rinvio dei tagli dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve alimenti il potenziale di problemi nel corso dell’anno. Il timore si fonda sugli effetti ritardati degli aumenti dei tassi negli ultimi due anni, effetti che secondo alcuni economisti potrebbero estendere il recente trend di rallentamento nel secondo trimestre e oltre.

In altre parole, la domanda è se l’economia si stabilizzerà ad un tasso di crescita più lento o se decelererà ancora nei prossimi mesi. Per il momento, i numeri attuali sono inclinati verso la prima possibilità.

Un fattore importante a sostegno della previsione economica positiva: le spese dei consumatori sono ancora solide, in base ai livelli reali (rivisti sull’inflazione).US Real PCE Growth

Gli economisti di Wells Fargo (NYSE:WFC) affermano:

“La crescita dei consumi pro-capite reale è rimasta incredibilmente resiliente nonostante la campagna di inasprimento monetario della Fed iniziata a marzo 2022”. 

La stima della compagnia per le spese del Q1 prevede un leggero calo rispetto al Q4, ma non abbastanza da innescare i timori che la spesa dei consumatori si stia riducendo.

“I consumatori ancora una volta sembrano essere rimasti impassibili davanti a tassi di interesse e inflazione elevati nel primo trimestre”, spiegano gli analisti della banca.

“Le forti spese delle vendite al dettaglio a marzo e il più alto balzo della spesa per i servizi in oltre un anno a febbraio indicano spese per i consumi pro-capite reali in salita ad un tasso annuo del 3,0% nel trimestre”.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.