Ricevi uno sconto del 40%
🚨 Mercati volatili? Trovare le gemme nascoste per ottenere una seria sovraperformanceTrova subito azioni

Status dei Mercati, Eventi Chiave e Focus su Nvidia e Super Micro Computer

Pubblicato 19.02.2024, 09:33
Aggiornato 12.03.2024, 12:10

L'ottimismo degli investitori è stato nuovamente attenuato a causa dell'incertezza sull'inflazione. L'entusiasmo eccessivo riguardo ai tagli dei tassi della Federal Reserve si è ridimensionato, e le crescenti pressioni sui rendimenti dei Treasury decennali, che hanno raggiunto nuovi massimi dall'inizio dell'anno, hanno frenato l'andamento positivo dei mercati azionari americani. Di conseguenza, l'S&P 500 ha concluso la settimana in ribasso, interrompendo così una serie di cinque settimane consecutive di crescita e registrando la seconda settimana di correzione dall'inizio dell'anno.
In generale, nonostante i dati sull'inflazione al consumo e alla produzione di gennaio abbiano deluso gli investitori, non indicano ancora una tendenza sostenibile di aumento dell'inflazione. Coloro che ritengono che l'inflazione potrebbe persistere nei mesi a venire spesso indicano una robusta economia e la resilienza dei consumatori come fonti di pressione inflazionistica. Negli ultimi quattro trimestri, l'economia statunitense è cresciuta a un ritmo medio annuale del 3,1%, trainata da solidi consumi delle famiglie. Dopo l'uscita dalla pandemia i consumatori hanno chiaramente modificato i loro modelli di consumo, passando dall'acquisto di beni online all'acquisto di servizi. Questo si è riflesso in un aumento dell'inflazione nei servizi e in una debolezza nell'inflazione dei beni. Tuttavia, potrebbero esserci segnali iniziali che i consumatori statunitensi potrebbero rallentare la spesa. I dati mensili sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti per gennaio sono stati significativamente inferiori alle aspettative, con una diminuzione dell'0,8% rispetto al mese precedente. Questo calo è più pronunciato rispetto al previsto calo dello 0,15% e inferiore al guadagno dello 0,4% registrato a dicembre. Sebbene i dati mensili sulle vendite al dettaglio siano notoriamente volatili, possono offrire indicazioni sul consumo di beni rispetto a quello di servizi, che solitamente è in ritardo. Nonostante il consumatore statunitense sia generalmente conosciuto per la sua forza, ed è notoriamente difficile scommettergli contro, potremmo assistere a un certo raffreddamento nel mercato del lavoro nel prossimo futuro. Questo potrebbe esercitare pressioni al ribasso sugli aumenti salariali e sull'inflazione dei servizi in generale.
Le stime della Federal Reserve indicano un aumento del tasso di disoccupazione statunitense al 4,1% rispetto all'attuale 3,7%. Gli indicatori anticipatori, come i tassi di apertura e di abbandono dei posti di lavoro, sono in diminuzione. La media delle ore lavorate settimanali è scesa al livello più basso dal 2010 (escludendo marzo 2020), indicando che il mercato del lavoro potrebbe non essere così rigido come temuto. Inoltre, la crescita delle retribuzioni medie settimanali è stata negativa mese su mese. Sebbene non ci si aspetti un crollo prolungato del mercato del lavoro negli Stati Uniti, un migliore equilibrio tra domanda e offerta potrebbe favorire un certo rilassamento degli aumenti salariali e una diminuzione dei consumi, contribuendo al contenimento dell'inflazione.
Anche se sette dei 11 settori hanno registrato un aumento settimanale, a trascinare al ribasso l'S&P 500 sono state le vendite nel settore tecnologico (XLK), che hanno registrato una flessione del 2,5% nelle ultime 5 sessioni di trading. Nonostante il settore tecnologico mantenga una performance complessivamente positiva dall'inizio dell'anno, è ora scivolato al quarto posto nella classifica settoriale. Questo settore è stato superato non solo dal settore delle comunicazioni e da quello sanitario, ma anche da quello finanziario nelle performance dall'inizio dell'anno.
In una settimana corta (con i mercati americani chiusi lunedi per il Presidents Day), gli investitori avranno pochi dati economici da analizzare, dopo una serie di rapporti contrastanti su PIL, occupazione, vendite al dettaglio e inflazione che non hanno chiarito se l'economia sia più a rischio di surriscaldamento o di inclinazione verso una recessione. Tuttavia, le notizie rilevanti sugli utili, con Nvidia in primo piano potrebbero influenzare il sentiment generale.

Trimestrali USA

Nvidia è indubbiamente la società più attesa nel calendario, con il produttore di chip che pubblicherà il suo rapporto del quarto trimestre dopo la chiusura di mercoledì. Il titolo dei semiconduttori ha scalato le classifiche dei prezzi negli ultimi 16 mesi circa, quintuplicandosi dall'ottobre 2022 grazie alla domanda crescente legata all'intelligenza artificiale generativa.
Nel trimestre precedente, Nvidia ha riportato risultati finanziari eccezionali, con fatturato e profitti triplicati rispetto all'anno precedente. Per il quarto trimestre, gli analisti si aspettano che la società registri un utile di 4,5 dollari per azione, in aumento rispetto a 88 centesimi per azione nello stesso periodo dell'anno precedente, con ricavi previsti a 20,4 miliardi di dollari rispetto ai 6,1 miliardi di dollari dello scorso anno.Nonostante la crescita delle aziende nel settore dell'intelligenza artificiale, la capacità di Nvidia di mantenere il vantaggio della prima mossa sarà fondamentale per sostenere il prezzo del titolo in una tendenza al rialzo continua. Al momento, manca solo l'11% affinché Nvidia diventi un'azienda da 2.000 miliardi di dollari.
Nel contesto del S&P 500, misurato dall'ETF SPY, Nvidia ha contribuito al rialzo con il 143 bp, distanziando Meta Platform in seconda posizione, che registra un ritorno del 33,7% e un contributo di +66 bp. Tuttavia la vera notizia del 2024 è Super Micro Computer la quale sta contribuendo con +117 bp al Russell 2000 (misurato dall’ETF IWM), mentre il secondo, Nextracker, ha offerto solamente 7 bp.

Performance all'interno del IWM ETF Russell 2000

Se l'attenzione per il 2024 è la rotazione settoriale, con la possibilità di una sovraperformance dell'indice, la contribuzione eccessiva (sebbe il peso sia solo del 1,8%) di Super Micro Computer potrebbe risultare controproducente. Non a caso le small cap hanno avuto una settimana molto volatile, sebbene siano riuscite a superare le large cap dell'1%.
Super Micro Computer, originaria di San Jose, California, sta emergendo come una nuova "meme stock", riportando alla memoria titoli come GameStop. La società si specializza nello sviluppo e nella produzione di soluzioni server e di archiviazione, ed è valutato a circa 44,9 miliardi di dollari, oltre 32 miliardi di dollari in più rispetto alla società successiva più grande (Nextracker). Per dare un'idea della scala, la dimensione mediana di una società del Russell 2000 è di circa 970 milioni di dollari, e in Italia, l'azienda sarebbe la settima per capitalizzazione di mercato, posizionandosi dietro solamente a Stellantis (BIT:STLAM), Ferrari (BIT:RACE), Enel (BIT:ENEI), Intesa (BIT:ISP) San Paolo, Unicredit (BIT:CRDI) ed Eni (BIT:ENI).

Performance all'interno del IWM ETF Russell 2000


Sul fronte macroeconomico negli Stati Uniti, la pubblicazione dei verbali della riunione del FOMC di mercoledì fornirà spunti sulla potenziale tempistica dei futuri tagli dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, integrati dai commenti di vari funzionari della Fed. Per quanto riguarda i dati, l'attenzione si concentrerà sui PMI globali S&P flash, prevedendo un leggero rallentamento sia per il settore manifatturiero che per i servizi.

Nell'ambito europeo, gli investitori saranno attenti ai resoconti della riunione di politica monetaria della BCE, cercando indicazioni su possibili tagli dei tassi di interesse. I PMI flash dovrebbero segnalare una minore contrazione dell'attività del settore privato questo mese. In aggiunta, i dati potrebbero suggeriranno un miglioramento del morale dei consumatori nell'intera area, con l'indicatore Ifo del clima economico per la Germania atteso in aumento rispetto al livello più debole registrato da maggio 2020.



Gabriel Debach
eToro Italian Market Analyst

Disclaimer: Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.
Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.
Dovresti chiedere consiglio a un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato e assicurarti di avere la propensione al rischio, l'esperienza e la conoscenza opportune prima di decidere di investire. In nessuna circostanza eToro si assumerà alcuna responsabilità nei confronti di persone fisiche o giuridiche per (a) qualsiasi perdita o danno, interamente o parzialmente causati da, dovuti a, o relativi a qualsiasi transazione legata ai CFD o (b) qualsiasi danno diretto, indiretto, speciale, consequenziale o incidentale.
I mercati delle criptovalute sono servizi non regolamentati e non sono controllati da nessun quadro normativo specifico europeo (incluso il MiFID) o nelle Seychelles. Pertanto, quando utilizzi il nostro Servizio di Trading di Criptovalute non potrai beneficiare delle protezioni disponibili per i clienti che ricevono servizi di investimento regolamentati (a seconda dei casi) dal MiFID, come l'accesso al Cyprus Investor Compensation Fund (ICF)/al Financial Services Compensation Scheme (FSCS) e al Financial Ombudsman Service per la risoluzione delle controversie, né delle protezioni disponibili ai sensi del quadro normativo delle Seychelles.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.