Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Stavolta è stato diverso? Ecco come l’economia ha sfidato ogni modello recessionario

Pubblicato 24.01.2024, 12:33

La resilienza dell’economia statunitense nel 2023 è stata una sorpresa per alcuni (parecchi?) economisti.

Dall’inizio dello scorso anno e fino al primo semestre, e in alcuni casi all’inizio del Q3, abbondanti avvertimenti di recessione scorrevano come vino dalle labbra degli esperti.

Una lettura attenta dei dati suggeriva altrimenti, ma gli avvertimenti di rischio attiravano la folla e così le cupe previsioni hanno resistito e prosperato, durando ben oltre il dovuto.

Con la chiarezza del senno di poi, ora abbondano i mea culpa macro. Vale lo stesso per gli sforzi di rivalutare i modelli di recessione che si pensavano affidabili ma che si sono poi dimostrati instabili, o comunque da affinare.

Ci sono molti livelli di rivalutazione, che vanno dall’analizzare perché il cosiddetto segnale infallibile della curva del rendimento invertita si sia sbagliato, ai fuorvianti segnali di recessione del principale indice economico. Ad essere sinceri, questi e altri seguitissimi indicatori di recessione potrebbero ancora dimostrarsi accurati, ma per il momento l’espansione economica USA prosegue.

Una spiegazione interessante del perché molti modelli di recessione abbiano sbagliato lo scorso anno è la resilienza delle buste paga dell’edilizia abitativa. Un osservatore veterano di tutto ciò che riguarda l’edilizia abitativa ha spiegato ieri che questi dati sono effettivamente “l’anello mancante” per spiegare perché i modelli convenzionali di recessione si sono arenati.

“Invito tutti a tornare indietro” e osservare “gli ultimi tre cicli” e “guardare i lavoratori dell’edilizia abitativa”, afferma Logan Mohtashami, capo analista di HousingWire. “Se state cercando di trovare l’anello mancante per il modello di recessione, tradizionalmente parlando i lavoratori dell’edilizia abitativa sono in calo” all’inizio di condizioni recessionarie. Ma stavolta è stato diverso, ricorda, o almeno così sembra finora.

In effetti, il calo dell’occupazione nel settore dell’edilizia abitativa è stato un utile strumento per prevedere le recessioni, ma ultimamente è stato decisamente assente, come emerge dal grafico sotto. È un po’ sorprendente, data la debolezza delle nuove costruzioni.

Residential Construction Workers

Quanto è influente il settore immobiliare per il ciclo economico? Una nota ricerca afferma che “il settore immobiliare È il ciclo economico”, in linea con l’analisi di Mohtashami.

Le opinioni differiscono, ovviamente. Questo vale anche per il discorso sulla probabilità che sia vicina una recessione. I recessionisti (l’equivalente macro dei perma-orsi) non ammettono mai la sconfitta; al contrario, non fanno che rinviare la data di inizio della prossima recessione, una strategia saggia che gli assicura di avere sempre ragione alla fine.

Intanto, il fattore “lavoratori edilizia abitativa”, se corretto, sembra destinato a supportare le previsioni di un atterraggio morbido nel breve periodo.

Il sentiment dei costruttori immobiliari si è ripreso nettamente a gennaio, suggerendo che l’attività immobiliare potrebbe diventare un vantaggio netto per l’economia quest’anno, dopo aver subito una battuta d’arresto nel 2023. Se così dovesse essere, l’anello mancante per rivedere i modelli di recessione potrebbe essere (ri)scoperto dai perplessi analisti del ciclo economico nei prossimi mesi.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.