Ricevi uno sconto del 40%
🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Un taglio dei tassi dalla Fed non è previsto prima di settembre

Pubblicato 19.04.2024, 09:52
BAC
-
US2YT=X
-

L’unico aspetto di coerenza nelle previsioni del mercato sui tagli dei tassi è stato ultimamente quello di rimandare la data prevista. La storia recente è in linea con questa tendenza e settembre è ora visto come la data più vicina per l’allentamento delle politiche.

I futures sui Fed funds di questa mattina (18 aprile) stimano una probabilità del 71% circa che la Federal Reserve riduca l’attuale tasso target del 5,25%-5,50% al vertice del 18 settembre, in base ai dati del CME.

Prendiamolo con le pinze questo dati, visto l’aumento e il calo dei precedenti punti di svolta. Un mese fa Ad esempio, il favorito era un taglio dei tassi al vertice del FOMC del 12 giugno, una previsione che da allora si è ridotta a una stima inferiore al 20%.Fed Futures Probability

Per alcuni economisti, il la mentalità del “non ci faremo fregare un’altra volta” è in piena attività. Gli economisti di Bank of America (NYSE:BAC), ad esempio, ritengono che ci sia un “rischio reale” che i tagli dei tassi vengano ritardati fino a marzo 2025 “al più presto”, come riporta la CNBC.

“Pensiamo che i responsabili politici non si sentiranno a proprio agio nell’iniziare il ciclo di tagli a giugno o addirittura a settembre”, scrive Stephen Juneau, economista di BofA, in una nota di ricerca.

“In breve, questa è la realtà di una Fed dipendente dai dati. Con i dati sull’inflazione che hanno superato le aspettative all’inizio dell’anno, non sorprende che la Fed abbia rinunciato all’urgenza di tagliare, soprattutto alla luce dei forti dati sull’attività”.

Nel frattempo, il mercato dei Treasury sta aspettando la prossima mossa, o forse no. Il rendimento dei titoli a 2 anni, sensibile alle politiche, è salito di recente, ma ha mantenuto un andamento stabile nelle ultime cinque sessioni di trading fino alla chiusura di ieri (17 aprile).

In una fascia compresa tra il 4,9% e il 5,0%, il tasso a 2 anni sembra attendere la prossima serie di dati sull’inflazione prima di fare una brusca mossa in un senso o nell’altro.US 2-Year Treasury Yield-Daily Chart

La prossima importante pubblicazione dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti è prevista tra più di una settimana, venerdì 26 aprile, quando il governo pubblicherà i dati sui prezzi di marzo sull’indice PCE. Le previsioni indicano un risultato misto per la variazione a un anno: un aumento leggermente superiore per il PCE al 2,5% e un calo per il PCE core al 2,7%.

Le previsioni sul PCE fanno eco ai dati sull’inflazione dei prezzi al consumo pubblicati in precedenza a marzo. In altre parole, non è evidente che sia vicina una maggiore chiarezza sulle prospettive dell’inflazione. Di conseguenza, un certo grado di stasi dei rendimenti dei Treasury e delle aspettative di taglio dei tassi è una scommessa ragionevole. Ma non rassegnatevi... anche questo passerà.

 

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.