USA: dopo l'inflazione, i dati da guardare sono i salari

Pubblicato 14.03.2024, 06:03
US500
-

E anche oggi i tassi li tagliamo domani (anonimo).


Seconda lettura dell’inflazione YoY di febbraio della Spagna alle 9:00 (stima 2.8% contro 3.4% di gennaio). Serie di dati USA importanti alle 13:30: richieste settimanali di sussidi alla disoccupazione (stima 281k contro 217k della scorsa settimana), vendite al dettaglio MoM di febbraio (stima +0.8% contro -0.8% di gennaio) e prezzi alla produzione MoM di febbraio (stima 0.3%, invariato rispetto al gennaio). Questi ultimi in particolare sono importanti per capire la possibile dinamica dei prezzi al consumo.
 
In forte calo ieri la variazione della produzione industriale MoM di gennaio dell’Europa, che ha fatto segnare un -3.2% (-1.8% atteso e +1.6% in dicembre), che porta la variazione YoY al -6.7% (-1.9% atteso e +0.2% in dicembre). Nonostante la BCE non abbia tra i suoi obiettivi l’andamento economico, il trend fortemente negativo dei dati suggerirebbe di ridurre i tassi già nel prossimo meeting dell’11 aprile e quindi prima della Fed. Non siamo tuttavia confidenti che la BCE possa agire prima della Fed, nonostante il governatore della Banca di Francia e membro della BCE, Villeroy de Galhau, abbia sostenuto che la BCE inizierà a tagliare i tassi in primavera (tra aprile e giugno), poiché la vittoria contro l’inflazione è in vista.
 
L’indice S&P 500 ha registrato un nuovo massimo storico mentre gli investitori si sono scrollati di dosso il rapporto CPI che ha di fatto suggerito come l’inflazione fosse in ripresa. L’indice è salito alla sua 17a chiusura record dell'anno, nonostante l’inflazione di febbraio sia stata superiore alle attese e in crescita. Crescita in realtà non abbastanza da scuotere le convinzioni del mercato che la Fed rimanga sulla strada della riduzione dei tassi di interesse.
 
Tra le migliori performance, le azioni dei semiconduttori che hanno registrato un rimbalzo dopo un crollo di due giorni. La rinnovata forza nei semiconduttori, ma anche di altre società di servizi tecnologici e di comunicazione, ha sostenuto il mercato. L'indice della tecnologia informatica è salito di oltre il 12% dopo che i risultati trimestrali sono stati pubblicati martedì della scorsa settimana.
 
La maggior parte degli investitori sembra aver ignorato la crescita dell’inflazione, a differenza del rapporto di gennaio altrettanto più caldo del previsto che però ha innescato una breve svendita. Vero è che i dati di febbraio contenevano segnali più positivi rispetto a quelli di gennaio (le pressioni sui prezzi in molti settori dell’economia continuano infatti ad attenuarsi).
 
A prima vista, la vischiosità dell’inflazione potrebbe sembrare preoccupante, ma alcuni dettagli sono un po' più incoraggianti, soprattutto dal lato dei beni. I principali beni di consumo di prima necessità, come i prezzi dei prodotti alimentari, sono infatti diminuiti a febbraio (sono già in deflazione) contribuendo ad esercitare una pressione al ribasso sull'indice dei prezzi al consumo complessivo e contrastando la pressione al rialzo dei prezzi dell'energia. Le spine nel fianco per la Fed, continuano ad essere rappresentate dai servizi core e dai prezzi degli immobili, entrambi però previsti in riduzione nei prossimi mesi.
 
L’aggiornamento dell’IPC di febbraio sembrava fornire la prova che i numeri più forti del previsto di gennaio potevano essere l’inizio di una ripresa dell’inflazione. Probabilmente non è così, ma occorre comunque porre attenzione ad alcune componenti che rimangono ostinatamente elevate, il che rende improbabile che la Fed abbassi il tasso dei fondi di riferimento in tempi brevi. Che tradotto significa che sicuramente non se ne parla prima di giugno. Quindi il prossimo meeting del 19-20 marzo si concluderà senza alcuna variazione dei tassi.
 
Secondo il FedWatch Tool del CME, i trader hanno fissato una probabilità del 99% che l'obiettivo dei fondi federali rimanga invariato al 5,25%-5,5% dopo la riunione del FOMC della prossima settimana. Lo strumento mostra una probabilità dell'85% che il tasso dei fondi federali rimanga invariato anche dopo la riunione di maggio del. Scendono inoltre al 57% (dal 59% della scorsa settimana) le probabilità di una riduzione di un quarto di punto dopo la riunione del FOMC di giugno.
 
Guardando al futuro crediamo che i mercati e la Fed si concentreranno sui dati del mercato del lavoro, dove ci sono segnali di debolezza, rispetto alla persistente rigidità dell'inflazione del settore dei servizi. Il risultato sarà probabilmente un continuo range trade dei titoli del Tesoro attorno ai livelli attuali. Il mercato obbligazionario sembra infatti essere sempre più intrappolato tra le speranze di taglio dei tassi e i dati economici resilienti.
 
 
 
 
 

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.