Ricevi uno sconto del 40%
🚨 Mercati volatili? Trovare le gemme nascoste per ottenere una seria sovraperformanceTrova subito azioni

La maggior parte dei membri della Fed è favorevole a un futuro rialzo dei tassi, secondo i verbali Fed

EditorFrancesco Casarella
Pubblicato 11.10.2023, 20:06
Aggiornato 11.10.2023, 20:05
© Reuters

Investing.com - La maggior parte dei responsabili politici della Federal Reserve concorda sul fatto che un ulteriore rialzo dei tassi sarebbe "appropriato" e sottolinea la necessità di mantenere i tassi di interesse più alti più a lungo, dato che l'inflazione continua a tendere ben al di sopra dell'obiettivo del 2% della banca centrale, come emerge dai verbali della riunione della Fed di settembre.

"La maggioranza dei partecipanti ha ritenuto che un ulteriore aumento del tasso obiettivo dei federal funds in una futura riunione sarebbe probabilmente appropriato, mentre alcuni hanno ritenuto probabile che nessun ulteriore aumento sarebbe stato giustificato", si legge nei verbali della Fed.

Nel corso della riunione, la Fed ha mantenuto stabile il sito tariffe e i membri hanno raddoppiato il piano della banca centrale di mantenere i tassi elevati molto più a lungo di quanto previsto in precedenza, dopo aver mantenuto la previsione di un altro rialzo dei tassi quest'anno e aver ridotto il numero di tagli dei tassi previsti nel 2024 a soli due dai quattro precedenti.

I membri della Fed si sono espressi a favore di un ulteriore rialzo, ma molte cose sono cambiate dalla riunione di settembre

Nelle settimane successive alla riunione della Fed, tuttavia, i commenti di alcuni membri sono ora più cauti riguardo a ulteriori rialzi dei tassi, a seguito del forte aumento dei rendimenti dei Treasury, in particolare di quelli a più lunga scadenza, che hanno inasprito le condizioni finanziarie e dovrebbero intaccare la crescita, aiutando la Fed a frenare l'inflazione.

La scorsa settimana il rendimento dei titoli 10-year Treasury e 30-year Treasury ha toccato un massimo di 16 anni, rispettivamente del 4,8% e del 5,0%, in quanto il messaggio della Fed di tassi più alti per un periodo più lungo ha rafforzato il premio a termine, ovvero la compensazione per il rischio di detenere un'obbligazione a lungo termine data l'incertezza sulle variazioni dei tassi di interesse.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

I membri della Fed sono "in grado di procedere con cautela nel valutare l'entità di un ulteriore irrigidimento delle politiche che potrebbe essere necessario", ha dichiarato lunedì il vicepresidente della Federal Reserve Philip Jefferson nelle osservazioni preparate per un discorso alla conferenza dell'Associazione nazionale per l'economia aziendale a Dallas.

"Rimarrò consapevole dell'inasprimento delle condizioni finanziarie attraverso l'aumento dei rendimenti obbligazionari e lo terrò presente nel valutare il futuro percorso della politica", ha aggiunto Jefferson.

Sebbene le aspettative per un rialzo dei tassi a novembre rimangano basse, pari al 12%, secondo il sito Strumento di monitoraggio dei tassi della Fed di Investing.com, il rapporto sull'inflazione al consumo previsto per giovedì potrebbe suggellare la decisione.

"Si tratta dell'ultima lettura dell'IPC prima della prossima decisione del FOMC del 1° novembre e quindi potrebbe avere un impatto sui mercati che prevedono poche o nessuna possibilità di rialzo in quella riunione", ha dichiarato Scotiabank Economics in una recente nota.

Il tasso sui Fed funds si sta avvicinando al territorio restrittivo

A dimostrazione del fatto che la Fed si sta avvicinando alla fine della partita sui rialzi dei tassi, diversi membri hanno suggerito di spostare l'attenzione dai rialzi dei tassi alla durata del loro mantenimento a livelli restrittivi.

"Diversi partecipanti hanno commentato che, con il tasso di policy probabilmente al massimo o vicino al massimo, l'attenzione delle decisioni e delle comunicazioni di politica monetaria dovrebbe spostarsi dal livello di rialzo del tasso di policy alla durata del mantenimento del tasso di policy a livelli restrittivi", si legge nei verbali.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Alcuni partecipanti hanno osservato che il tasso reale dei federal funds - l'attuale tasso dei fed funds aggiustato per l'inflazione - potrebbe servire come misura utile dell'orientamento della politica monetaria nel tempo, suggerendo che l'inflazione piuttosto che la crescita economica continuerà a dominare la politica della Fed.

"Alcuni partecipanti hanno osservato che il ritmo con cui l'inflazione sta tornando all'obiettivo del 2% del Comitato influenzerebbe le loro opinioni sul livello sufficientemente restrittivo del tasso di policy e su quanto a lungo mantenere la politica restrittiva", si legge nei verbali della Fed.

Il passaggio all'allentamento potrebbe non segnare la fine della stretta quantitativa

La recente impennata dei tassi - che dovrebbe favorire l'inasprimento delle condizioni finanziarie da parte della Fed - ha incoraggiato la scommessa che la Fed potrebbe iniziare a tagliare i tassi già a giugno del prossimo anno. Circa 60% dei commercianti prevede un taglio dei tassi a giugno.

Ma anche se la Fed dovesse procedere a tagli dei tassi l'anno prossimo, ciò non segnerebbe la fine delle misure di politica restrittiva, poiché il suo programma di inasprimento quantitativo - la vendita di obbligazioni in bilancio - potrebbe probabilmente continuare.

"Diversi partecipanti hanno osservato che il processo di riduzione del bilancio potrebbe continuare per qualche tempo, anche dopo che il Comitato avrà iniziato a ridurre l'intervallo obiettivo per il tasso dei fondi federali."

Ultimi commenti

sono traduzioni spesso non coerenti con quanto detto realmente a cui si aggiunge una dose di panico per mantenere l attenzione qui.......patetici e oltremodo stupidi
visto poi come reagiscono i mercati unico arbitro di qualsiasi parola presa a pagamento
radio cor...a gratis L'attenzione e' tutta rivolta verso gli Stati Uniti: all'indomani dei verbali della Federal Reserve, che hanno mostrato un fronte non compatto sulla traiettoria dei rialzi dei tassi, a tenere banco saranno le notizie sul fronte dell'occupazione, con il dato sulle richieste di sussidi, e soprattutto quelle sull'inflazione, con i numeri sui prezzi al consumo. 
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.