Borse europee al rialzo, ripresa dei mercati azionari globali

Pubblicato 07.02.2018, 09:34
© Reuters.  Borse europee al rialzo, ripresa dei mercati azionari globali
UK100
-
FCHI
-
DE40
-
STOXX50
-
HSBA
-
BARC
-
LLOY
-
OMU
-
NWG
-
CBKG
-
BNPP
-
SOGN
-
SASY
-
BBVA
-
SAN
-
RIO
-
AAL
-
RRS
-
VANQ
-
ISP
-
CRDI
-
ESM24
-
1YMM24
-
NQM24
-
FRES
-
DJUSIN
-
CARLa
-

Investing.com - Positivi i tabelloni dei titoli azionari europei questo mercoledì, sulla scia delle controparti negli Stati Uniti e in Asia, con i mercati globali che sembrano iniziare a riprendersi dal crollo scatenatosi alla fine della scorsa settimana.

L’indice EURO STOXX 50 sale dello 0,77%, il francese CAC 40 è in salita dello 0,44% ed il tedesco DAX 30 va su dello 0,513% alle 03:30 ET (07:30 GMT).

I mercati azionari globali hanno iniziato il loro crollo venerdì, sulla scia dei dati positivi sull’occupazione USA che hanno scatenato i timori per l’aumento dell’inflazione, facendo schizzare il rendimento dei bond.

L’indice Dow Jones Industrials è stato particolarmente colpito lunedì, registrando il crollo giornaliero maggiore della storia.

Tuttavia, i titoli azionari statunitensi si sono ripresi ieri, comportando una lieve ripresa in Asia questo mercoledì e maggiori acquisti all’apertura della seduta europea.

I titoli del settore finanziario sono al rialzo, con le francesi Societe Generale (PA:SOGN) e BNP Paribas (PA:BNPP) su dello 0,05% e dello 0,21%, mentre Commerzbank (DE:CBKG) sale dello 0,67% in Germania.

Tra le banche periferiche, in Italia Intesa Sanpaolo (MI:ISP) ed Unicredit (MI:CRDI) schizzano rispettivamente dell’1,40% e del 2,40%, mentre in Spagna Banco Santander (MC:SAN) e BBVA (MC:BBVA) segnano +0,32% e +1,23%.

Al ribasso Sanofi (PA:SASY), che crolla dell’1,53% sebbene il colosso farmaceutico francese abbia dichiarato che prevede di firmare la vendita della sua divisione di generici europea nel terzo trimestre e che il 2018 sarà l’anno che trainerà la crescita.

Carlsberg (CO:CARLa) registra un crollo del 2,32%, dopo che il produttore di birra ha registrato vendite del 2017 inferiori alle attese. Tuttavia la compagnia ha affermato anche che prevede una crescita degli utili operativi quest’anno e che aumenterà i dividendi.

A Londra, il FTSE 100 sale dello 0,38%, spinto da Old Mutual PLC (LON:OML), che rimbalza del 2,52%. Il titolo viene seguito a ruota da Provident Financial (LON:PFG), che schizza del 2,15%.

Al rialzo anche i titoli del comparto finanziario: Royal Bank of Scotland (LON:RBS) e Lloyds Banking (LON:LLOY) segnano rispettivamente +0,44% e +0,64%, mentre HSBC Holdings (LON:HSBA) rimbalza dell’1,07% e Barclays (LON:BARC) subisce un’impennata dell’1,15%.

Intanto, sul settore minerario continua a pesare il crollo dei prezzi delle materie prime. Anglo American (LON:AAL) scende dello 0,37% e Fresnillo (LON:FRES) è in calo dello 0,93%, mentre Randgold Resources (LON:RRS) crolla del 2,51%.

Rio Tinto (LON:RIO) è invece in controtendenza, con +0,14% dopo aver riportato un balzo del 70% dei profitti annui che ha comportato i dividendi più alti della sua storia.

Negli Stati Uniti, i mercati azionari puntano ad un’apertura in forte ribasso. I future Dow Jones Industrial Average scendono dello 0,95%, i future S&P 500 sono in calo dello 0,90%, mentre i future Nasdaq 100 segnano -0,73%.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.