Ultime Notizie
Chiusura
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Fai l’upgrade ora

Credit Agricole alza l'offerta su Creval, per Norisk "troppi delisting a Milano"

Mercato azionario 15.04.2021 10:31
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters.

Di Alessandro Albano 

Investing.com - Nuovi riscontri nella bagarre Credit Agricole (MI:CAGR)/ Creval (MI:PCVI). La banca francese ha infatti aumentano il prezzo dell'Opa volontaria sul totale delle azioni della banca italiana, andando incontro a quelle che erano le richieste dei principali soci ed adviser nell'ultima settimana dell'offerta. 

Dopo l'ok del cda, l'istituto francese offre ora 12,2 euro per azione più lo 0,3% di premio al raggiungimento del 90% della soglia (totale 12,5 euro), oltre la quale scatterà l'offerta sulle azioni residue. A mettere a punto la nuova struttura, ci hanno pensato Equita (MI:EQUI), JPMorgan  (NYSE:JPM), e l'ufficio legale Bonellli Erede.

La nuova proposta, che si distacca dalla precedente di 10,50 euro ritenuta "non congrua" per il fair value del Creval, si avvicina all'esigenze dei soci, con il titolo della banca che infatti guadagna il +0,65% sui nuovi prezzi d'Opa a 12,42 per azione. 

Prima del passo avanti della banque verte, ad alzare gli scudi contro l'avanzata della banca francese erano stati i soci internazionali del Creval, come il francese Denis Dumont (titolare del 6,15% della banca di Piazza Affari). 

Dumont aveva precisato di non essere contrario al M&A ma aveva sottolineato che il "prezzo offerto non è adeguato al valore attuale e prospettico della banca", invitando i connazionali a "rivedere il prezzo d'offerta", per superare "le asprezze di una strategia di comunicazione che si allontana dal formale approccio amichevole manifestato".

Da Londra, si era mossa anche Petrus Advisers che possiede il 3,015% della banca della Valtellina. Secondo gli advisor britannici, la proposta francese non valorizzava "adeguatamente la banca né su base standalone né in ottica M&A", con il prezzo fair indicato tra 12,95 e 22,7 euro. La società londinese aveva suggerito al credito francese "di riconoscere la qualità di CreVal e della sua leadership". 

L'offerta si concluderà il 21 aprile, ma due giorni prima l'assemblea degli azionisti creava si riunirà approvare il bilancio 2020 e rinnovare il board. La lista di maggioranza è stata presentata da Dumont, il quale ha confermato la squadra insieme all'attuale Ceo Luigi Lovaglio.

Troppi delisting a Piazza Affari

L'offerta della banca francese è finalizzata al delisting di Creval da Piazza Affari, fatto che, nonostante il nuovo prezzo, potrebbe allontanare gli investitori a partecipare all'Opa. 

Nell'ultimo anno, infatti, promuovere offerte al fine di assumere il controllo di una società e portarle fuori dalla sfera pubblica del mercato è diventato un trend sempre più crescente, tanto che Consob ha pubblicato uno studio (Discussion Paper) sull’attuazione delle Opa in Italia nel periodo 2007-2019.

Secondo l'authority, le offerte italiane sono perlopiù finalizzate a ritirare la società dalla quotazione, con il 60% delle operazioni prese in esame che hanno previsto l’ipotesi del delisting, evidenziando un trend crescente dell’incidenza dell’uscita dal listino, passato negli ultimi cinque anni dal 50% al 90%. 

Preoccupa non solo l’alto numero di fuoriuscite da Piazza Affari (per altro ultima nella classifica europea per capitalizzazione di mercato rispetto al Pil), ma anche l’entità delle stesse società che andranno ad indebolire la piazza milanese. Stanno aumentando, inoltre, le operazioni su società con meno capitalizzazione ma ben radicate nel territorio italiano come Panariagroup (MI:PAGR) e Carraro (MI:CARRA), storico marchio per i trattori agricoli fondato nel 1932. 

Per Stefano Sanna, wealth advisor della società finanziaria milanese Norisk SCF, "la recente ondata di Opa su Piazza Affari ha visto protagonisti gli azionisti di controllo di diverse società che si sono mossi con l'obiettivo di ricomprarsi le aziende e, in un secondo momento, ritirarle dalla quotazione. Uno scopo molto diverso da quello che era stato inizialmente pensato per la disciplina dell'OPA, che avrebbe dovuto riguardare la contesa del controllo di aziende "bersaglio" di scalate, anche contro la volontà del management e/o degli azionisti principali (scalate ostili)". 

Secondo Sanna, "questo fuggi fuggi da Piazza Affari ci obbliga a fare una riflessione su Borsa Italiana", che da parte di molti investitori viene percepita come il "parco privato" di poche famiglie imprenditoriali italiane e della politica, "più che una Borsa valori aperta e in grado di far confluire investimenti, anche da parte straniera".

"Piazza Affari rimane sottodimensionata se proporzionata all'importanza dell'economia italiana, ma allo stesso tempo ne riflette alcuni importanti limiti. Ad esempio, le valutazioni e i premi "a sconto" rifletto in buona parte la debole crescita economica italiana rispetto a quella degli altri Paesi europei e, ancor di più, degli USA".

L'advisor sottolinea ad Investing.com come la quotazione "non sia una sfida indifferente e la sensazione è che in alcuni casi diverse matricole siano arrivate impreparate a questo debutto".

Il mercato - spiega infine il partner della firm finanziaria - impone di "saper dialogare con gli investitori istituzionali, disporre di un'adeguata governance, fornire budget e dati prospettici con regolarità. Il mercato raramente ha premiato operazioni caratterizzate da una mera logica di arricchimento".

Credit Agricole alza l'offerta su Creval, per Norisk "troppi delisting a Milano"
 

Articoli Correlati

Eba prevede seconda fase pulizia capitale banche Ue
Eba prevede seconda fase pulizia capitale banche Ue Da Reuters - 07.07.2022

LONDRA (Reuters) - Le principali banche dell'Unione europea hanno migliorato in modo significativo la qualità del loro capitale core, ma dovranno escludere ulteriori strumenti di...

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (2)
fabi otto
fabi otto 16.04.2021 21:26
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Parole sante, davvero vergognoso l'atteggiamento di certi pseudoimprenditori che prima raccolgono capitali nei momenti buoni e poi approfittano delle crisi (se non lo pianificano scientemente) per ricomprarsi il flottante a quattro spicci...
bruno cortona
bruno cortona 15.04.2021 11:34
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
il mio commento e' stato sempre cancellato da questo forum il riassunto ?borsa italiana e' la Borsa di shangai e le banche italiane bancarelle del torrone, per questo il nostro indice non compare neanche nelle migliori piattaforme di trading professionali.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Le nostre Apps
Scarica l'AppApp store
Investing.com
© 2007-2022 Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
  • Iscriviti GRATIS e ricevi:
  • Allerte in tempo reale
  • Portafoglio avanzato
  • Grafici personalizzati
  • App completamente sincronizzata
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email