Azioni Tesla: crollo delle consegne di auto su base annua, il redde rationem è sem

Pubblicato 04.04.2024, 11:26
WFC
-
TSLA
-
IXIC
-

Le azioni Tesla (NASDAQ:TSLA) sono crollate nuovamente ieri di oltre il 5% dopo che la società ha segnalato un calo delle consegne di veicoli nel primo trimestre.

Si tratta del primo calo annuale dal 2020, quando la pandemia globale ha interrotto la produzione. I numeri sono impietosi: le consegne totali del Q1 2024 sono state 386.810, mentre la produzione totale del Q1 2024 si è attestata 433.371.

La produzione di veicoli è diminuita di circa l’1,7% rispetto all’anno precedente e del 12,5% su base sequenziale per Tesla (Nasdaq:TSLA), mentre il calo annuale delle consegne è stato dell’8,5%, un tonfo enorme per una società che aveva già grossi problemi di Ebitda margin nel IV Q 2023 quando Tesla aveva registrato 484.507 consegne e una produzione di 494.989 veicoli.

Nel Q1del 2023, le consegne di Tesla erano state 422.875 e la produzione era stata di 440.808 veicoli. A nostro avviso il ribasso è appena all’inizio, la strada è molto lunga prima che si possa vedere un bottom ragionevole.



Fatturato e profitti di Tesla, da InvestingPro+. Assicurati di sfruttare appieno il potenziale dei tuoi investimenti! Con il codice sconto "ferrarapro24", hai diritto al 10% di sconto sul piano annuale di InvestingPro+. Accedi a strumenti avanzati come ProPicks, ProTips e molti altri per scoprire le azioni sottovalutate e sopravvalutate. Investi come i grandi fondi a meno di 9 dollari al mese!


Non è mai piacevole fare la parte delle Cassandre, ma i numeri ci hanno dato ragione

Come avevamo evidenziato nei nostri molteplici articoli pubblicati nel corso degli ultimi 2 anni e in particolare negli ultimi 8 articoli che abbiamo pubblicato da settembre 2023, ad oggi il valore equo di Tesla è molto al di sotto dei prezzi attuali.

In un articolo del 19 ottobre 2023 spiegavamo, numeri alla mano che, anche se Tesla avesse continuato a crescere nel fatturato a ritmi del 40%, la riduzione dei margini rendeva insostenibili i prezzi delle azioni Tesla, che in quel momento quotava intorno ai $ 240, perché una valutazione corretta sarebbe stata tra $ 80 e $ 110.

Ora che le consegne registrano addirittura un calo di quasi il 10% su base annua, il castello di carte è pronto per crollare al suolo.

Le stime degli analisti di Wall Street sono ancora troppo elevate


Quando la nave affonda, i topi scappano e già lunedì 1° aprile, le azioni Tesla erano crollate di oltre il 4% dopo un serie downgrades tardivi di alcuni analisti di Wall Street.

Ad esempio l'analista di Wells Fargo (NYSE:WFC) Colin Langan aveva recentemente declassato il titolo all'equivalente di un rating di vendita e ha tagliato l'obiettivo di prezzo della sua azienda a 125 dollari, rispetto al suo precedente obiettivo di prezzo di 200 dollari per azione.

Langan nella sua negatività si era dimostrato ancora troppo ottimista, prevedendo che nel 2024 e 2025, la crescita di Tesla fosse di fatto nulla e che il volume delle consegne di veicoli rimanesse stabile rispetto al 2023, in cui Tesla aveva consegnato circa 1,8 milioni di veicoli elettrici l’anno scorso.

Che dire poi della mitica Cathy Wood, grande ammiratrice di Elon Musk (lo ha definito “l’uomo del Rinascimento” della nostra epoca).
Cathy Wood attraverso il suo fondo principale Ark Innovation ETF e Ark Next Generation Internet ETF negli ultimi giorni ha acquistato azioni Tesla lunedì per un controvalore di 14,75 milioni di dollari, ad un prezzo di circa 175 dollari per azione.

Tesla è la seconda maggiore partecipazione di ARK in termini di valore delle azioni e rappresenta l’8,68% e Cathy Wood prevede che Tesla raggiungerà i 2.000 dollari entro il 2027.

Le azioni Tesla possono ridursi a un terzo dei prezzi attuali




Fair Value Tesla, da InvestingPro+. Assicurati di sfruttare appieno il potenziale dei tuoi investimenti! Con il codice sconto "ferrarapro24", hai diritto al 10% di sconto sul piano annuale di InvestingPro+. Accedi a strumenti avanzati come ProPicks, ProTips e molti altri per scoprire le azioni sottovalutate e sopravvalutate. Investi come i grandi fondi a meno di 9 dollari al mese!


Prima di questi numeri avevamo fatto valutazione in base al Free Cash Flow di Tesla degli ultimi 12 mesi e malgrado avessimo applicato un multiplo molto generoso di 40x si arrivava al massimo a 77,66 dollari per azione, cioè meno della metà dei prezzi attuali.

Ora la situazione è decisamente peggiorata e ipotizzando un crollo del free cash flow a seguito della contrazione delle vendite, le azioni Tesla potrebbero avere una valutazione corretta tra $ 30 - $ 50.

Se pensate che il nostro giudizio è troppo negativo leggete quanto detto Lekander, managing director dell’Hedge Fund Clean Energy Transition, già gestore di portafoglio presso la società di investimento Lansdowne Partners, uno dei più brillanti Hedge Funds degli ultimi 25 anni.

Clean Energy Transition è stata short sulle azioni di Tesla dal 2020 e ora Lekander ha accentuato ulteriormente la sua chiamata ribassista su Tesla, suggerendo che le azioni potrebbero scendere a 14 dollari per azione.

Tesla è un titolo “senza crescita” e dovrebbe essere valutato su 10 volte gli utili futuri, rispetto a circa 58 volte di adesso .

Per Lekander c’è un “problema di domanda”, perché le vendite delle due auto, la Model 3 e la Model Y, che costituiscono la maggior parte delle vendite della casa automobilistica statunitense, sono obsoleti non tirano più e non saranno pronti nuovi modelli fino al 2025.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.