Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Banche centrali: nuovi timori sulla monetizzazione del debito

Da Investing.com (Darrell Delamaide/Investing.com)Obbligazioni14.06.2021 12:22
it.investing.com/analysis/banche-centrali-timori-sulla-monetizzazione-del-debito-del-governo-200446025
Banche centrali: nuovi timori sulla monetizzazione del debito
Da Investing.com (Darrell Delamaide/Investing.com)   |  14.06.2021 12:22
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

La Banca Centrale Europea sembra prendere spunto dalla Federal Reserve, quindi la decisione del consiglio direttivo della BCE della scorsa settimana di lasciare la politica monetaria accomodante è un indizio su ciò che il Federal Open Market Committee farà – o non farà  – durante ilvertice di questa settimana.

Non importa se l’inflazione è al 5% negli USA e a 2% nella zona euro, o che la Fed sta acquistando 120 miliardi di dollari in bond al mese contro gli 80 miliardi di dollari al mese della BCE, cioè circa 97 miliardi di euro. Il tasso di riferimento della BCE è a zero e anche il tasso della Fed è vicino allo zero.

La Presidente della BCE Christine Lagarde ha dichiarato che la banca centrale continuerà con gli acquisti di emergenza per la pandemia almeno fino a marzo del prossimo anno, e forse anche oltre, se la crisi del COVID-19 non sarà terminata.

Quindi si potrebbe essere ottimisti e sperare che la Fed decida di parlare apertamente del programma di acquisti. La maggior parte degli economisti crede che si comincerà a parlare di riduzione non prima del terzo trimestre e che non si agirà fino al prossimo anno.

Durante il vertice di mercoledì, possiamo aspettarci una ripetizione delle frasi standard:  la politica allentata sarà mantenuta fino a che non saranno raggiunti i livelli massimi di inflazione, l’inflazione alta è solo un fenomeno transitorio, le aspettative d’inflazione restano ferme, e non siamo ancora pronti a parlare di riduzione.

Ma fuori dalla Fed si parla dei pericoli di una monetizzazione del debito dei governi da parte delle banche centrali. La crisi del 2008 ed ora la crisi per la pandemia danno spazio alla Fed, alla BCE e alle altre banche centrali di violare questo principio cardine di non lasciare che i politici determino la politica monetaria.

Tecnicamente, ovviamente, una banca centrale monetizza debito solo quando acquista direttamente dei bond del governo. Ma la foglia di fico - che copre i movimenti sul mercato secondario, che permettono agli acquirenti dei bond del Tesoro di acquistarli direttamente e venderli nel mercato secondario - sta diventando via via così sottile da far vedere tutto.

La scorsa settimana lo ho denunciato il Wall Street Journal, lamentandosi dell’impennata dell’inflazione. Monetizzare il debito distorce il segnali di prezzo e le allocazioni dei capitali, si legge nell’editoriale del Journal. Ancora peggio, la Fed potrebbe sentirsi costretta a monetizzare debito, un esperimento con un esito assolutamente incerto.

Un ex governatore della Fed, Kevin Warsh, ha dichiarato che la monetizzazione è come entrare in un passaggio a senso unico. “Parlare di riduzione è un evento minore, tuttavia ben pubblicizzato”.  Ha scritto Warsh la scorsa settimana. “Ciò che conta ora è cosa farà la Fed, non cosa dirà”.

Michael Faulkender, direttore della politica economica presso il Dipartimento del Tesoro nell’ultimo semestre della presidenza Trump, ha richiamato l’avvertimento del 2013 di Jaime Caruana, ex direttore generale della Bank for International Settlement, secondo il quale mantenere degli strumenti straordinari – come la monetizzazione del debito – dopo la fine di una crisi può essere dannoso nel supporto di pratiche fiscali insostenibili.

“Il primo costo è che maschera i veri costi di servizio della politica fiscale”, ha scritto Faulkender nel Baltimore Sun.

Le proposte democratiche di spendere altri 4 mila miliardi implicano nuovo debito, nonostante gli aumenti delle tasse per contribuire a  sostenere i costi. “Invece di utilizzare i proventi degli aumenti delle tasse per coprire i deficit esistenti, stanno cercando di creare nuovi programmi senza fondi”, ha dichiarato Faulkender, che ora è professore di finanza presso l’Università del Maryland.

Non è sicuramente il genere di dichiarazione che ci si può aspettare dalla conferenza stampa del Presidente della Fed Jerome Powell, né sarà uno degli argomenti che verranno discussi al FOMC e che verranno dettagliati nei verbali che usciranno a luglio.

Ma qualcuno dovrà pur parlarne, in modo da avviare un dibattito per controbattere al pensiero della Fed.

Banche centrali: nuovi timori sulla monetizzazione del debito
 

Articoli Correlati

Banche centrali: nuovi timori sulla monetizzazione del debito

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (1)
Giorgio Alfa
Giorgio Alfa 14.06.2021 12:36
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
fanno tutti silenzio, finta di nulla
Roberto Pol
Roberto Pol 14.06.2021 12:36
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
ha ragione!
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email