Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Gli ETF sul Bitcoin stanno mangiando il pranzo dell’oro?

Pubblicato 05.03.2024, 16:02
XAU/USD
-
BAC
-
WFC
-
GC
-
BTC/USD
-

Il Bitcoin e l’oro sono stati entrambi al centro dell’attenzione alla 2024 Investment U Conference di Ojai, in California, alla quale ho avuto il privilegio di partecipare. È circolata la voce che il rally del prezzo del Bitcoin sia stato innescato da una grande istituzione finanziaria che ha raccomandato una ponderazione del 2%-3% ad alcuni dei suoi clienti high-net-worth. Non posso confermarlo, ma è stato riferito che Bank of America (NYSE:BAC) e Wells Fargo (NYSE:WFC) stanno offrendo gli ETF sul Bitcoin ad alcuni clienti della gestione patrimoniale, unendosi a Charles Schwab, Robinhood e altri.

Il prezzo del Bitcoin è salito di oltre il 45% a febbraio, con circa la metà di questi guadagni registrati nell’ultima settimana, mentre la domanda per i tanto attesi ETF Bitcoin spot ha raggiunto un livello febbrile. Il volume di scambi giornaliero combinato per i 10 ETF è stato di ben 7,7 miliardi di dollari solo nella giornata di mercoledì, alimentato dalla speculazione istituzionale e dalle scommesse a leva che hanno spinto il prezzo dell’asset sottostante a un livello quasi record.

Trading Volume of BTC ETFs

È sorprendente che, al 29 febbraio, il valore combinato delle partecipazioni negli ETF Bitcoin basati negli Stati Uniti fosse circa la metà del valore di tutti gli ETF sull’oro conosciuti. Gli ETF Bitcoin, che hanno iniziato a operare a gennaio, detenevano 43,2 miliardi di dollari, mentre gli ETF sull’oro detenevano 92,3 miliardi di dollari.

Gold vs. Bitcoin ETFs Combined Assets

L’affannoso recupero delle criptovalute nei confronti dell’oro si riflette nella drammatica differenza di sentiment tra i due asset in questo momento. L’indice Crypto Fear and Greed di CoinStats indica un’estrema avidità, mentre l’indice Gold Fear and Greed di JM Bullion si colloca in territorio neutrale.

Una storia di due asset: Rischio e ricompensa

Come sapete, raccomando spesso una ponderazione del 10% in oro, di cui metà in oro fisico (monete, lingotti, gioielli) e l’altra metà in azioni minerarie di alta qualità, fondi comuni ed ETF. Ritengo che questa ponderazione sia adatta alla maggior parte degli investitori che cercano un asset non correlato, ma soprattutto agli investitori conservatori che potrebbero non avere un orizzonte di investimento a lungo termine.

Sebbene non sia garantito, un rischio maggiore può comportare una maggiore ricompensa. Nei sei mesi fino alla fine di febbraio, il Bitcoin ha più che raddoppiato il suo prezzo, con un’impennata di quasi il 130%. Nello stesso periodo, l’oro è aumentato di poco più del 5%, mentre le major dell’oro, misurate dall’indice NYSE Arca Gold Miners, hanno perso il 9%.

Bitcoin vs. Gold Performance

Non è chiaro se l’entusiasmo che circonda il Bitcoin stia sottraendo flussi all’oro, ma sembra esserci un certo scollamento tra l’andamento del prezzo dell’oro e i livelli di investimento. Storicamente, il prezzo dell’oro e le partecipazioni negli ETF auriferi sono andati in tandem, ma a partire dal 2023 le due cose hanno iniziato a disaccoppiarsi, come si può vedere qui sotto. Ciò potrebbe essere dovuto a una serie di fattori, tra cui i cambiamenti nel sentimento degli investitori, la politica monetaria, il bilanciamento del portafoglio, le fluttuazioni valutarie e altro ancora.

Gold vs. Gold-Backed ETFs

L’oro è salito, ma la maggior parte degli estrattori non è riuscita ad aumentare il flusso di cassa libero

Gli analisti di U.S. Global Investors hanno analizzato un paniere di 85 titoli minerari auriferi e hanno scoperto che, in generale, le condizioni finanziarie del settore sono peggiorate nel 2023, nonostante l’oro abbia avuto un anno relativamente positivo, con un balzo di oltre il 13%.

La nostra analisi mostra che, di questi 85 nomi, solo 47 - ovvero il 55% del paniere - hanno registrato un rendimento positivo del free cash flow (FCF) al 31 dicembre 2023. Questo dato è poco diverso da quello di un anno prima, quando 48 produttori d’oro avevano un FCF positivo.

Gli stessi risultati preoccupanti sono emersi quando abbiamo confrontato la crescita delle vendite con le variazioni del prezzo dell’oro. Nel dicembre 2022, 23 degli 85 produttori di oro avevano un FCF positivo e una crescita delle vendite superiore a quella del metallo giallo nei 12 mesi precedenti (TTM); un anno dopo, questa cifra è scesa a 10, che rappresentano solo il 12% circa del paniere.

Ciò significa che meno di un estrattore d’oro su 10 ha registrato un miglioramento delle condizioni finanziarie... in un anno in cui il prezzo dell’oro era in crescita.

Per questo motivo e per altri ancora, i giovani non hanno mostrato interesse per i titoli auriferi, il che è un peccato per le aziende. Siamo alla vigilia del più grande trasferimento di ricchezza della storia, con 84.000 miliardi di dollari che dovrebbero essere lasciati agli eredi nei prossimi due decenni. Forse altri produttori dovrebbero prendere spunto dal libro dei minatori di Bitcoin e mantenere l’oro nei loro bilanci.

Le banche centrali inizieranno a comprare Bitcoin?

Come ho già scritto, alcuni osservatori del mercato, tra cui noi stessi, hanno notato che il motore del prezzo dell’oro sembra essersi spostato negli ultimi mesi. Per decenni il metallo giallo ha avuto una relazione inversa con i tassi reali - aumentando quando i rendimenti scendevano e viceversa - ma dall’inizio della pandemia nel 2020 questo schema si è rotto. Nei 20 anni precedenti la pandemia, l’oro e i tassi reali avevano un coefficiente di correlazione fortemente negativo. Da allora, però, la correlazione è diventata positiva e i due asset si muovono ora più spesso nella stessa direzione.

BMO Capital Markets ha commentato questo fenomeno a gennaio, sostenendo che l’attività di acquisto da parte delle banche centrali è il nuovo motore dell’oro. È difficile opporsi a questa posizione. Le istituzioni finanziarie, soprattutto quelle delle economie emergenti, sono state acquirenti netti del metallo dal 2010, nel tentativo di sostenere le loro valute e di diversificarsi dal dollaro americano.

Per quel che vale, la scorsa settimana Edward Snowden ha condiviso la sua previsione per il 2024, secondo cui si scoprirà che un governo nazionale ha acquistato segretamente Bitcoin, “il moderno sostituto dell’oro monetario”, ha dichiarato l’ex whistleblower della NSA in un tweet.

Questo sarebbe già qualcosa, anche se devo sottolineare che il governo di El Salvador detiene attualmente 2.381 bitcoin nel suo tesoro. Il suo presidente, Nayib Bukele, ha dichiarato che queste partecipazioni sono aumentate del 40% dopo il recente rally dei prezzi, e tuttavia non ha intenzione di vendere. El Salvador e la Repubblica Centrafricana sono gli unici due Paesi che finora hanno dato corso legale al Bitcoin.

***

Nota: Le performance passate non garantiscono i risultati futuri. Tutte le opinioni espresse e i dati forniti sono soggetti a modifiche senza preavviso. Alcune di queste opinioni potrebbero non essere adatte a tutti gli investitori. Cliccando sui link sopra indicati, verrete indirizzati a un sito web di terzi. U.S. Global Investors non approva tutte le informazioni fornite da questi siti web e non è responsabile del loro contenuto.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.