Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

I titoli bancari stanno diventando più economici: è ora di comprare?

it.investing.com/analysis/i-titoli-bancari-stanno-diventando-piu-economici-e-ora-di-comprare-200446199
I titoli bancari stanno diventando più economici: è ora di comprare?
Da Haris Anwar/Investing.com   |  22.06.2021 10:25
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Dopo il possente rally di quest’anno, i titoli bancari hanno perso lustro negli ultimi giorni.

L’indice KBW Bank Index, schizzato di circa il 40% fino a metà giugno, ora è crollato di oltre il 10% da quel livello. Le perdite nel gruppo sono state trainate da alcune delle più grandi banche degli Stati Uniti, con Citigroup (NYSE:C) crollato del 14% e Regions Financial (NYSE:RF) del 17%.

Quindi, cosa c’è dietro a questo improvviso cambiamento d’idea sul settore finanziario da parte degli investitori?

Forse la minaccia che gli imminenti report sugli utili possano deludere, dopo le performance sorprendentemente solide viste durante la pandemia.

L’amministratore delegato di JPMorgan Chase (NYSE:JPM) Jamie Dimon ha avvertito gli investitori la scorsa settimana che i ricavi da trading della banca, uno dei maggiori fattori di spinta durante la pandemia, potrebbero crollare del 38% rispetto ad un anno fa, a meno di 6 miliardi di dollari nel secondo trimestre. Questo dato potrebbe risultare inferiore alla stima media degli analisti, già ridotta, di 6,5 miliardi di dollari.

Inoltre, il titolo di Citigroup è crollato del massimo in cinque mesi il 16 giugno, dopo che la banca ha avvertito che le spese aumenteranno nettamente mentre investe per rispettare alcune richieste degli enti regolatori. Le spese nel secondo trimestre probabilmente balzeranno ad “un livello più o meno compreso” in un range di 11,2-11,6 miliardi di dollari, ha riferito il direttore finanziario Mark Mason agli investitori durante una conferenza virtuale. E questo rispetto ai costi di 10,4 miliardi di dollari dell’anno prima.

 

Citigroup Weekly Chart.
Citigroup Weekly Chart.

Grafico settimanale Citigroup.

 

Domanda di credito accumulata

I titoli bancari statunitensi hanno superato la performance dell’indice di riferimento S&P 500 di un ampio margine quest’anno, nell’ottimismo che dei volumi di trading più alti, la riapertura dell’economia e le spese compulsive dei consumatori continueranno ad alimentare gli utili. Alcune di queste valutazioni, secondo noi, reggono ancora.

Ad esempio, resta un’enorme domanda inevasa di credito che era stata schiacciata durante la pandemia. Dai singoli debitori alle grosse aziende, il 2020 è stato l’anno in cui i piani di spesa sono saltati, con i lockdown che hanno costretto i potenziali debitori a preservare liquidità e tagliare i costi.

Questa situazione difficilmente persisterà con l’economia statunitense che riaprirà del tutto come previsto quest’anno. Insieme alle massicce spese del governo per le infrastrutture e ad una graduale riduzione dello stimolo monetario, le banche potrebbero vedere la domanda di credito aumentare sostanzialmente nel resto del 2021.

Gerard Cassidy di RBC Capital Markets in un articolo su Bloomberg spiega che i titoli bancari sono un buy sulla debolezza, perché la crescita dei prestiti arriverà dopo che società e privati avranno utilizzato la liquidità accumulata durante la pandemia.

Inoltre, la qualità del credito è forte e i margini potrebbero migliorare il prossimo anno, con l’aumento dei tassi a breve termine. “Insieme all’incremento della crescita dei prestiti, il quadro della crescita dei ricavi potrebbe diventare molto positivo per le banche nel 2022”, ha affermato.

Un’altra ragione che rende alcune banche allettanti in questo contesto di tassi bassi è la possibilità che possano accelerare i loro programmi di riacquisto di azioni ed alzare i dividendi dopo gli stress test della Federal Reserve, i risultati dei quali saranno pubblicati dal regolatore il 24 giugno.

Il test esamina come i portafogli delle grandi banche reagirebbero durante un ipotetico downturn economico. Le più grandi banche d’America, tra cui JPMorgan e Goldman Sachs (NYSE:GS), nonché Bank of America (NYSE:BAC), devono superare il test prima di poter restituire denaro agli azionisti. Gli analisti sono fiduciosi che le banche non avranno problemi a passarlo.

 

Bank Of America Weekly Chart.
Bank Of America Weekly Chart.

Grafico settimanale Bank of America.

 

Morale della favola

Il contesto economico è ancora favorevole per le banche, il che rende le loro azioni allettanti dopo il recente sell-off. Gli investitori che vogliono una certa esposizione al settore bancario potrebbero considerare di aggiungere nomi solidi come JPM e Bank of America al proprio portafoglio. Queste importanti banche, grazie ai loro business model diversificati, si trovano in una posizione migliore per avere una performance superiore rispetto agli operatori regionali più piccoli.

I titoli bancari stanno diventando più economici: è ora di comprare?
 

Articoli Correlati

I titoli bancari stanno diventando più economici: è ora di comprare?

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (5)
Gunthor Rossi
Gunthor Rossi 22.06.2021 18:16
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Posso essere d'accordo. Prendiamo per esempio in Italia Intesa,l'anno scorso a febbraio valeva sui 2,60 e non aveva ancora comprato Ubi; oggi ha chiuso a 2,34 €, 26 cent in meno nonostante gli utili attesi nel 2021 si attestino sui 5 mld. È chiaramente sottovalutata e di molto,non credo che i crediti deteriorati possano innalzarsi troppo. Tra 11 mesi darà dei dividendi che renderanno tra un minimo del 6% ad un massimo del 10%! Mister Market regala sempre soddisfazioni!
Marco Trezzi
Marco Trezzi 22.06.2021 18:16
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Dimenticandoci una cosa : la raccolta Eurizon dichiara “big raccolte fondi” ma nello stesso tempo perde enormi pezzi dai fondi obbligazionari.Le banche vivono sulle commissioni, non più sui prestiti.I prestiti immobiliari sono limitati dalla scarsa domanda di mutui. I prestiti per consumo vengono dati dalle case direttamente a tasso 0, pur di vendere. Tutto a discapito delle banche. Per ora guadagnano dal trading di titoli di stato.. comprando titoli di debito a 97-98 punti e rivendendoli alla BCE per 99-100..
Giuseppe Merlo
Giuseppe Merlo 22.06.2021 14:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
senza cognizione di causa quest'articolo
Thomas Red
Thomas Red 22.06.2021 14:10
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
non condivido per niente
Rino Lupo
Rino Lupo 22.06.2021 13:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
ma qualche giorno fa si parlava di grande ribasso...che grandi ANALisi
Marco Mark
MarcoMark 22.06.2021 13:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ma veramante hai ragione, una cosa assurda.Personalmente spero che le banche vadano a 0…. Sono la feccia della feccia !
Max Morello
Max Morello 22.06.2021 13:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
E' COME PER LE PREVISIONI DEL TEMPO: UN PO' FA BELLO E UN PO' FA BRUTTO
Andrea monta
Andrea monta 22.06.2021 13:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
pioverà, ah si pioverà..
Giulio Anzi
Giulio Anzi 22.06.2021 11:27
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
non mi fiderei ancora a comprare titoli bancari
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email