Sblocca dati premium: Fino al 50% di sconto InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

I titoli migliori e peggiori degli ultimi 6 mesi

Pubblicato 09.07.2017, 11:15
Aggiornato 09.07.2023, 12:32
TENR
-
MFEB
-
SPMI
-
CARRA
-
CEPD
-
AEDES
-
CRGI_old
-
LR
-
SGFI
-
EM
-
GABI
-
GFRN
-
GEQ
-
JUVE
-
WIGG
-
FCT
-
OJM
-

I titoli migliori e peggiori degli ultimi 6 mesi. Spicca Landi Renzo (MI:LR), martoriato Saipem (MI:SPMI).


I MIGLIORI

Al primo posto troviamo LANDI RENZO (+143%) seguito da Carraro SPA (MI:CARRA) (+104%), Gefran SpA (MI:GFRN) (+100%), Fincantieri SpA (MI:FCT)(+90%), Openjobmetis SpA Agenzia per il Lavoro (MI:OJM) (+80%), Gequity SpA (MI:GEQ)(+78%), Emak SpA (MI:EM) (+77%), Sogefi SpA (MI:SGFI)(+68%) e Juventus Footbal Club SpA (MI:JUVE) (+67%).

Landi Renzo:
Il primo trimestre dell’anno vede tornare Landi Renzo in crescita e in recupero di marginalità grazie al lavoro che si è svolto nell’ultimo periodo. Ma ancora più importante è il fatto che nel 1° trimestre si sono poste le basi per ulteriori e decisivi passi verso il ritorno ad una marginalità adeguata attraverso il piano di rilancio e recupero efficienza impostato dal nuovo management. Ne sono testimonianza i recenti risultati quali, tra i più importanti, l’ottimizzazione della struttura finanziaria e la firma dell’accordo preliminare per la cessione di parte del centro tecnico ad AVL, player di primario standing tecnologico, con il quale si apre anche un percorso di collaborazione nello sviluppo di sistemi per auto ad alimentazione alternativa. Per quanto riguarda la prevedibile evoluzione della gestione, tenuto conto dei risultati dei primi tre mesi del 2017, delle incertezze del mercato di riferimento e degli ordini in portafoglio, si conferma quanto già comunicato in sede di approvazione della Relazione Finanziaria Annuale al 31 Dicembre 2016, con previsione di una crescita moderata del business ed un lieve recupero di marginalità in termini di EBITDA adjusted già nel 2017.

I PEGGIORI

La maglia nera del peggior titolo degli ultimi 6 mesi è stata assegnata a Saipem SpA (MI:SPMI) (-40%) che ha preceduto Trevi (-34%), CTi Biopharma Corp (MI:CTIC) (-33%), Banca Carige SpA (MI:CRGI) (-31%), Gruppo Waste Italia SpA (MI:WIGG) (-24%), Mediaset (MI:MS) (-23%), Aedes (MI:AEDI) (-22%), Tenaris (MI:TENR) (-21%) e Gabetti Property Solutions SpA (MI:GABI)(-20%).

Saipem:
La scorsa settimana (03 luglio) Saipem si è aggiudicata un nuovo contratto E&C Offshore da parte di Saudi Aramco per attività EPCI (Engineering, Procurement, Installation, Construction) e T&I (Trunklines & Installation) in Arabia Saudita, nell’ambito del Long Term Agreement in vigore, rinnovato nel 2015 fino al 2021. Lo scopo del lavoro comprende la progettazione, l’ingegneria, l’approvvigionamento, la costruzione e l’installazione di 19 jacket per lo sviluppo dei campi Marjan, Zuluf, Berri, Hasbah e Safaniya, tra i più importanti giacimenti offshore nella Regione del Golfo Arabico. Stefano Cao, CEO di Saipem, sottolinea che: "Con questa assegnazione, Saipem rafforza ulteriormente la sua presenza in un'area altamente strategica quale il Medio Oriente. I nuovi contratti assegnati da un Cliente importante e di lunga data come Saudi Aramco sono un segnale forte e tangibile della sua fiducia in Saipem, nell’elevata qualità dei suoi servizi e nella solida esperienza che la Società vanta nella costruzione ed installazione di piattaforme offshore.”
Saipem, inoltre, ha negoziato l’estensione dell’impiego, in Angola, del mezzo FPSO Gimboa, inclusiva dei servizi di gestione e manutenzione, del personale e dei materiali di consumo, per la durata di 3 anni più un anno opzionale. Saipem ha infine definito variazioni di ordini di lavoro relativi a progetti in Africa Occidentale e nell’area del Mar Caspio. Il valore totale di queste nuove acquisizioni relative al secondo trimestre ammonta complessivamente a 500 milioni di USD.

ESCLUSI TITOLI AIM. INOLTRE SI PRECISA CHE È UNA CLASSIFICA PER PERFORMANCE PERCENTUALE, INDIPENDENTEMENTE DAI VOLUMI E VOLATILITÀ.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.