Ultime Notizie
0

Il rimbalzo continua ma le resistenze incombono. Torna la Brexit

it.investing.com/analysis/il-rimbalzo-continua--ma-le-resistenze-incombono-torna-la-brexit-200223799
Il rimbalzo continua ma le resistenze incombono. Torna la Brexit
Da Alessandro Balsotti   |  11.01.2019 09:42
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Venerdì 11 Gennaio

L’impulsività del rimbalzo si è comprensibilmente attenuata, come è assolutamente fisiologico se pensiamo che l’escursione dal minimo del 24 dicembre (2317 sul future) ai livelli attuali dell’S&P 500 (2590) è stata quasi del 12%(!) e in sole 11 sessioni. Molte notizie positive stanno presumibilmente esaurendo il loro effetto, dal giro di valzer di Powell al dialogo apparentemente costruttivo tra Cina e Stati Uniti. Resta probabilmente da incassare la fine dello shutdown governativo che rischia però di farci aspettare ancora qualche giorno e non necessariamente fornirà un’ulteriore spinta al sentiment positivo del mercato.

Il ribaltone di Powell è stato confermato e addirittura amplificato dai numerosissimi interventi di componenti del FOMC in una settimana dall’agenda davvero zeppa di conferenze, panel, dibattiti di ogni genere. Tre dei quattro membri a rotazione (governatori delle Fed regionali), Bullard, Evans e Rosengren, che sono diventati votanti nel 2019 si sono aggiunti al coro di voci attendiste e flessibili, dichiarando anch’essi di voler prestare la massima attenzione al mercato in totale sintonia con il loro capo. Mercoledì sera le minute del FOMC del 19 dicembre sono sembrate fin troppo dovish rispetto a quello che era stato il tono del Governatore nella conferenza stampa, ben diverso, incurante della volatilità sul mercato e probabilmente un fattore nei forti ribassi delle sessioni successive. Si potrebbe quasi insinuare che le minute siano state ‘massaggiate’ verso accenti più accomodanti in tempi più recenti. Ieri Powell è intervenuto ancora. In linea di massima, il messaggio è rimasto lo stesso di venerdì scorso: flessibilità e disponibilità ad essere pazienti grazie a rischi inflattivi molto contenuti. Di senso marginalmente contrario è stata però l’affermazione che lo stato patrimoniale della Fed “tornerà ad essere sostanzialmente più piccolo rispetto alla dimensione attuale”. Sembra che con i mercati allontanatisi dal baratro Jay sia già pronto a cambiare un po’ il tono. Se così fosse una recente narrativa che ho captato da qualche osservatore, che considero solitamente più acuto della media, potrebbe prendere piede. Powell non sarebbe per nulla preoccupato dall’inflazione, questo è vero (da cui la sincera disponibilità all’attendismo). Ma sarebbe, a differenza dei suoi predecessori, ben più terrorizzato dall’incubo di generare una nuova bolla finanziaria. Il che sarebbe coerente sia con la sua spavalderia di inizio ottobre (“siamo ancora molto lontani dalla neutralità”) quando le borse erano quasi ai massimi e gli spread di credito non lontano dai minimi, sia con la sua successiva disponibilità a ritrattare successivamente ma solo quando l’avvitamento del mercato ha reso poco plausibile timori di un ingiustificato surriscaldamento finanziario.

FOMC
FOMC

Resistenze. Sopra 2600 (S&P 500) l’aria a Wall Street rischia di diventare un po’ più rarefatta. I livelli che non saranno facili da superare, e al cospetto dei quali bisognerà essere più reattivi nell’alleggerire quanto auspicabilmente comperato dopo Natale, iniziano con livelli staticici nell’area 2600-2630 (vari minimi giornalieri minimi di ottobre, novembre, dicembre) e proseguono con il ritracciamento (50%) della discesa del Q4 (2631) e la media mobile a 50 giorni (2637).

S&P 500
S&P 500

Brexit, i prossimi passi

Dopo un periodo di inconsueta calma su questo fronte, la saga è destinata presto a riprendere quota. L’incertezza,che a meno di 80 giorni dalla fatidica scadenza (il 29 marzo) resta elevata, continua ad alimentarsi sullo stesso dilemma. Chi vuole un’uscita ad ogni costo, eventualmente anche disordinata, senza accordi, è ben lontano da rappresentare una maggioranza. Sono solo i Brexiteers più oltranzisti quelli che pur di evitare il rischio di nuove elezioni e/o di un nuovo referendum in grado di rimettere in discussione la scelta del 2016 o anche solo di veder ratificata una forma troppo morbida di separazione dall’Unione sono realmente disposti a scegliere la cosiddetta ‘no-deal Brexit’. Il problema è che questo esito resta quello automatico nel caso non si trovi un consenso maggioritario per una qualsiasi alternativa. La complicata agenda che ci attende si ravviverà nei prossimi giorni.

Brexit
Brexit

Martedì 15 il Parlamento sarà chiamato a ratificare l’accordo (di uscita + dichiarazione politica sugli assetti futuri) messo in pista da Theresa May. Un voto che sarebbe dovuto avvenire un mese fa ed è poi stato rinviato per evitare una sconfitta praticamente certa. Sconfitta che è destinata ad arrivare comunque salvo colpi di scena (stimerei un 75%-80% che il Parlamento rifiuti la ratifica). Recenti analisi vedono ancora la conta dei voti contrari nettamente superiore ai favorevoli: Sky stima423, il Guardian 425 voti dichiaratamente contrari (la maggioranza si raggiunge a 318).

Sky
Sky

La sconfitta di Theresa May implicherebbe (causa l’approvazione dell’emendamento Grieve) l’impegno da parte del governo a ripresentarsi in aula a discutere entro 3 giorni (con l’attuale calendario parlamentare si tratterebbe di lunedì 21) un piano B. L’interpretazione Primo Ministro sembra essere quella di poter concedere solo un dibattito breve (90 minuti) e con al massimo 1 emendamento apportabile al percorso illustrato. Bisogna vedere se lo storico speaker della Camera, John Berkow, avvallerà questa procedura auspicata dall’esecutivo. In ogni caso un po’ di potere di guida in una fase sempre più delicata verrà trasferito dalla May al Parlamento, non necessariamente un male se l’obiettivo è quello di evitare un’uscita senza accordo. Quale può essere il piano B di Theresa May? Due sono le ipotesi più accreditate: a) insistere sull’accordo rigettato, cercando un’ultima disperata negoziazione a Bruxelles per ottenere qualche concessione in grado, insiemealla pressione crescente per l’incombere della scadenza, di rendere vincente un ulteriore tentativo di ratifica; b) concedere al Parlamento di esprimerecon dei voti indicativi un potenziale consenso maggioritario per soluzioni alternative come la revoca o la richiesta di estensione dell’articolo 50, una forma di accordo diverso (Norway+ o unione doganale), un referendum, un rinvio a elezioni anticipate. Trasformandosi da guida autoritaria a esecutrice di un mandato in grado di aggregare forze politiche diverse Theresa May potrebbe forse riuscire a far convergere un consenso parlamentare sufficiente per una soluzione alternativa.

La sconfitta nel tentativo di ratifica innescherebbe probabilmente anche un tentativo laburista di ribaltare il tavolo per andare a nuove elezioni, richiedendo un voto di sfiducia nel PM. Teoricamente non ci sono i voti, con il DUP e i Conservatori ‘ribelli’ che, pur in disaccordo con l’esecutivo, non avrebbero convenienza a correre il rischioper nulla remoto di consegnare la guida del paese a Corbyn. Potrebbero però arrivare al punto di far cadere il governo con l’obiettivo nel 14 giorni successivi (garantiti dalla Costituzione per tentare un nuovo accordo di governo ed evitare le elezioni) di rimettere in sella Theresa May con un mandato più ‘addomesticato’ al Parlamento.

Restate sintonizzati, con la politica inglese (come con quella italiana peraltro) di questi tempi ci si annoia poco...

Asia: Liu He e Richard Clarida

Un paio di sviluppi hanno tenuto I mercati supportati e il dollaro offerto anche durante la sessione notturna. Il Vice Premier cinese Liu He,il più alto in grado nella gestione di tematiche economiche e commerciali al servizio di Xi Jinping, sarà a Washington per incontri ufficiali il 30 e 31 gennaio.È una conferma indiretta che i negoziati stanno facendo qualche forma di progresso. Lo yuan ha continuato la sua fase di rafforzamento, spingendosi a livelli (6.74) contro dollaro che non si vedevano daluglio. La discesa del USD/CNH in quest’inizio di 2019 è stato in effetti un fattore-guida (pur con il suo ‘beta’ ridotto) alla più generale debolezza del dollaro. Richard Clarida, l’ex Pimco recentemente arrivato alla corte di Powell e che rappresenta probabilmente la voce più seguita del FOMC dopo quella del Governatore, parlando al forum Market Marketeers a New York,ha confermato la nuova ondata di dovishness proveniente dalla banca centrale: “If economic 'crosswinds' are sustained, Fed policy should respond to offset them / Global growth prospects moderated somewhat in recent months, financial conditions tightened materially / Fed can be patient /We will not hesitate to make changes' to strategy of shedding assets / Recent weakness means inflation may not yet be sustainably at a 2 pct target”. Il tutto (insieme a un dato australiano di vendite al dettaglio migliore delle attese) ha contribuito a tenere viva la recente positività dei mercati azionari (Nikkei +1.0%, Shanghai Comp +0.3%, Hang Seng +0.2%) anche se con effetti complessivamente limitati (il future dell’S&P 500 è fermo ai livelli di ieri sera, pur vicino ai massimi di periodo).

USD/CNH
USD/CNH

Oggi verrà pubblicato il CPI americano, presumibilmente il dato macro più atteso della settimana. Non sembra comunque che possa risultare un market-mover significativo con la Federal Reserve che non pare certo sulle spine per l’attuale evoluzione delle pulsioni inflattive e al momento concentrata su altri temi (crescita e stabilità finanziaria).

Buon fine settimana.

Il desk rimane come sempre a disposizione per ulteriori approfondimenti.

JCI Capital
JCI Capital

Le informazioni contenute nel presente documento (l’”Informativa”) hanno il solo ed unico scopo di fornire elementi di studio, analisi o simulazioni sull’andamento dei mercati finanziari. Ogni lettore deve considerarsi responsabile per i rischi dei propri investimenti e per l’uso che fa delle informazioni contenutenell’Informativa.

Le informazioni ivi contenute non rappresentano, né possono essere interpretate, come un’offerta, ovvero un invito, all’acquisto o alla vendita di quote dei fondi d’investimento o di altri prodotti finanziari eventualmente nella stessa citati.

L’unico scopo di questo lavoro è fornire elementi il più possibile accurati ed aggiornati di supporto per analisi tecniche sull’andamento dei mercati e in nessun caso rappresenta una sollecitazione di pubblico risparmio ovvero un invito ad acquistare o vendere titoli quotati sui mercati finanziari; eventuali messaggi in qualsivoglia forma ed in qualsivoglia maniera esposta sono da ritenersi sempre ed esclusivamente delle simulazioni o ipotesi di studio.

Le informazioni riportate nel presente documento sono state elaborate da JCI Capital. Tuttavia, l’utente prende atto che JCI Capital non garantisce in alcun modo l’esattezza e/o la completezza delle informazioni, dei testi, dei collegamenti, dei grafici o di eventuali altri elementi contenuti nel presente documento.

Si declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati, danni (inclusi il dannoper perdita o mancato guadagno), perdita di informazioni o altre perdite economiche, danni direttio indiretti, incidentali o consequenziali, derivanti dall’uso o dalla divulgazione delle informazioni contenute nella presenteInformativa.

L’analisi tecnica contenuta nell’Informativa è il frutto di una mera attività di studio. Non vi ècertezza circa l’andamento futuro. I risultati passati quindi, non forniscono alcun tipo di garanzia per i guadagni (risultati) futuri. Si declina pertanto ogni responsabilità per eventuali conseguenze che dovessero causarsi, a chiunque ed a qualsiasi titolo, per l’utilizzo dei contenuti della presente Informativa che in nessun caso potranno essere considerati come sollecitazione diretta o indiretta al pubblicorisparmio.

In ragione di quanto precede, la presente Informativa va considerata esclusivamente quale strumento di analisi dei mercati finanziari ed è pertanto rivolta a professionisti con una elevata cultura finanziaria assimilabili ad un investitore professionale.

Poiché le indicazioni riportate vengono fornite come semplici spunti di riflessione, si declina qualsiasi tipo di responsabilità, sia a carico dello staff di JCI Capital che di collaboratori esterni, per le eventuali conseguenze negative che dovessero derivare da una operatività fondata sulla loro osservanza. L’utilizzo dei dati e delle informazioni contenute nella presente Informativa come supporto di scelte di operazioni di investimento è pertanto a completo rischio dell’utente”.

Il rimbalzo continua ma le resistenze incombono. Torna la Brexit
 

Articoli Correlati

Il rimbalzo continua ma le resistenze incombono. Torna la Brexit

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email