📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Le decisioni sui tassi affossano le valute

Pubblicato 08.09.2021, 08:51
Aggiornato 09.07.2023, 12:31
EUR/USD
-
GBP/USD
-
AUD/USD
-
USD/CAD
-
CAD/USD
-
US10YT=X
-
DXY
-

Rassegna giornaliera sul mercato forex, 7 settembre 2021

Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management.

I vertici delle banche centrali stanno schiacciando le valute questa settimana. Il dollaro australiano è schizzato subito dopo l’annuncio di politica monetaria della Reserve Bank ma ha invertito la rotta ed ha chiuso in calo contro il biglietto verde. È stata una delle valute più colpite dalla domanda di dollari USA. Gli investitori hanno venduto dollari canadesi in maniera aggressiva in vista del vertice di politica monetaria di domani e l’euro sta facendo molta fatica in attesa del vertice della BCE.

I vertici di RBA, BoC e BCE sono tra gli eventi più importanti della settimana. Negli ultimi mesi, le banche centrali sono diventate sempre più distanti in termini di politica monetaria. Il Canada è stato tra i primi a ridurre gli acquisti, ma domani la BCE dovrebbe lasciare la politica invariata. Con la contrazione inattesa della crescita del PIL nel secondo trimestre e le aspettative di una crescita negativa a luglio, non c’è fretta di un ulteriore tapering. Nonostante gli attuali livelli di inflazione, la Federal Reserve ha rinviato l’annuncio della riduzione degli acquisti ad agosto, a causa della variante Delta che sta rallentando la crescita; inoltre, mancano poche settimane alle elezioni federali in Canada. Le elezioni anticipate richieste dal Premier Justin Trudeau ad agosto si terranno prima del previsto. Il cambio USD/CAD è schizzato in vista della decisione del tasso di interesse nelle aspettative di una banca centrale relativamente neutrale che bilancerà i timori per l’inflazione con la paura per il virus.

I lockdown in Australia non hanno spinto la Reserve Bank a invertire i programmi di riduzione ieri. Il dollaro australiano è schizzato dopo che la RBA ha annunciato che andrà avanti con i programmi di riduzione dello stimolo questo mese. Tuttavia, gli investitori sono piuttosto scettici sulle previsioni della banca centrale. La RBA ha definito le conseguenze economiche dei lockdown come “solo temporanee” ed ha dichiarato che queste “ritarderanno ma non faranno deragliare la ripresa”. Ma con la banca centrale prevede che l’economia tornerà ai livelli pre-Delta fino al secondo semestre del prossimo anno, il selloff del dollaro australiano riflette la convinzione dei mercati sul fatto che la RBA resterà una delle banche più caute.

La Banca Centrale Europea si riunirà giovedì, dunque la seguiremo. Nel frattempo, i dati economici della zona euro sono stati misti, con la produzione industriale tedesca offuscata dai dati sulla fiducia debole degli investitori. La componente relativa all’inflazione del sondaggio ZEW è scesa per il quarto mese consecutivo, al livello più basso dall’inizio della pandemia.

Gli investitori hanno fatto salire il dollaro USA contro le altre principali controparti. Nonostante i dati sull’ occupazione non agricola siano stati più deboli del previsto, l’aumento dei rendimenti dei Treasury da allora ed il calo delle azioni di oggi indicano che i dati NFP deboli non ci sembrano un motivo perché la Fed rinunci a rendere noti i programmi per il tapering. Con soli tre vertici di politica monetaria prima della fine dell’anno, gli operatori dei mercati si aspettano che la Fed trascuri lo stallo nelle nuove assunzioni nel settore ricettivo. Il Beige Book verrà rilasciato domani, giorno in cui sono attesi anche gli interventi di diversi membri della Fed.

Sulla sterlina ha pesato la debolezza del dollaro USA ed i timori sul programma del Primo Ministro Boris Johnson sul sistema sociale del paese. Questa mattina Johnson ha parlato di un aumento delle tasse dell’1,25% per finanziare le riforme sociali e sanitarie, ma gli aumenti delle tasse generano sempre preoccupazioni. I prezzi delle case nel Regno Unito sono aumentati ad un ritmo più lento secondo Halifax.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.