Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Inizia con il segno meno la settimana sulle Borse

Pubblicato 27.02.2024, 08:47
Aggiornato 09.07.2023, 12:32

“La prima necessità dell’uomo è il superfluo” (Albert Einstein)

La settimana sulle Borse inizia con il segno meno. Complice l’assenza di dati macro di rilievo l’indice MSCI World ha perso lo 0,26%, peggio ha fatto l’S&P 500 in calo dello 0,44% così come l’FTSE Mib 40. In territorio positivo le small cap: Russel 2000 +0,6%, FTSE Italia STAR +0,62% mentre l’FTSE Italia Growth +0,24%. Male l’indice delle banche regionali statunitensi, termometro del grado di tensione degli operatori nei confronti dello stato di salute del sistema finanziario legato all’economia reale, che ha chiuso in ribasso dell’1%. In rialzo invece il Bitcoin, +5,5%, a un passo dalla soglia dei 55mila punti e sempre più proiettato verso nuovi massimi storici. Sui massimi storici trattano anche 4 società quotate in Piazza Affari: Prysmian, Stellantis (BIT:STLAM), Brunello Cucinelli (BIT:BCU) e Ferrari (BIT:RACE). La grande maggioranza del listino è invece ancora molto lontana dai top di sempre e questa per gli operatori non è una bella notizia, in quanto significa che la liquidità si concentra in poche storie di investimento rinunciando alla diversificazione, forse per paura di un improvviso riaccendersi delle volatilità (sempre sui minimi storici). Oggi in calendario 2 dati macro di rilievo: alle 14:30 i principali ordinativi di beni durevoli a gennaio, e alle 16:30 il rapporto sulla fiducia dei consumatori a febbraio in Usa.

Warren Portfolio

Dove sta investendo al momento Warren Buffet? Il suo portafoglio è sempre più concentrato ovvero il 78% è rappresentato da 5 titoli: Apple (NASDAQ:AAPL), Bank of America (NYSE:BAC), American Express, Coca Cola (NYSE:KO) e Chevron. Complessivamente poco meno di $300 miliardi, dei quali circa $180 miliardi solo sul titolo della mela. Per Buffett, Apple rimane una delle migliori aziende al mondo, non solo perché nel 2023 ha regalato grosse soddisfazioni ai propri investitori, con un aumento del 48%, ma anche perché mantiene una base di clienti eccezionalmente fedele, è uno dei marchi più riconosciuti al mondo e da decenni fa affidamento sull’innovazione per guidare i suoi risultati. Fuori da questa lista ristretta troviamo invece Amazon e T-Mobile. Nel portafoglio del guru di Omaha non c’è invece spazio per la top performer di Wall Street ovvero Nvidia, la società leader nel campo delle produzione di semiconduttori destinati all’intelligenza artificiale. Il “saggio” non vede valore, a questi prezzi, ovvero i massimi storici. Ci sarebbe infine una “scommessa” che per il momento rimane segreta. Buffet si è infatti avvalso della possibilità, concessa dalla alla SEC, ovvero la società che regola il funzionamento del mercato finanziario, di non comunicare di tutti i titoli in portafoglio. Secondo alcune ricostruzioni potrebbe trattarsi di un titolo bancario. Ma la vera novità è che 2024 sarà il primo anno in cui Buffet non potrà fare affidamento sui consigli di Charlie Munger, il suo socio in affari di lunga durata, morto lo scorso novembre all’età di 99 anni.

Valore con il botto

La prima giornata di collocamento del BTP Valore è iniziata sotto i migliori auspici. Il titolo di Stato emesso dal ministero dell’Economia e delle Finanza (Mef) dedicata ai piccoli risparmiatori italiani ha raccolto €6,4 miliardi, per un totale di circa 210.800 contratti. Con questo risultato è stato superato anche il primo giorno di collocamento di giugno 2023, ultimo record per questa categoria di bond, che aveva fatto registrate ordini per €5,43 miliardi spalmati su 185.146 contratti. Ricordiamo le caratteristiche dell’operazione: durata a sei anni, tasso minimo garantito del 3,25% per i primi tre e del 4% dal quarto in poi (step-up). Il collocamento si concluderà venerdì primo marzo, salvo chiusura anticipata. Il successo dell’operazione pare essere strettamente legato alle caratteristiche del prodotto ovvero la frequenza cedolare (tre mesi) e il rendimento che cresce nel tempo. Per il piccolo risparmiatore in cerca di un porto sicuro dove parcheggiare nel breve periodo la liquidità per difendersi dall’inflazione, questa nuova emissione può rappresentare sicuramente un’opportunità. Anche se bisogna sottolineare come il titolo Stato con scadenza a 1 anno rende il 3,8%, ovvero lo 0,5% in più della prima cedola del BTP Valore. Ma è nel lungo periodo che un portafoglio è in grado di dare i propri frutti, limitando gli effetti della volatilità. È un questo caso la statistica dimostra come gli investimenti in economia reale, dal 2001 ad oggi, ed in particolare quella esposta alla crescita, rende il doppio dei titoli di Stato.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.