Ultime Notizie
Ricevi uno sconto del 40% 0
NVDA è da 🟢 comprare o 🔴 da vendere? Trova ora

La FED interverrà sui tassi evitando che l'economia rallenti troppo

Da Antonio TognoliMercati azionari07.12.2023 08:05
it.investing.com/analysis/la-fed-interverra-sui-tassi-evitando-che-leconomia-rallenti-troppo-200465362
La FED interverrà sui tassi evitando che l'economia rallenti troppo
Da Antonio Tognoli   |  07.12.2023 08:05
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
US500
+2,00%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
Copper
+0,50%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

Puoi sapere dove andrà il mercato, ma non puoi sapere dove andrà una volta che ci è arrivato (A. Bloch).


Produzione industriale MoM di ottobre della Germania in uscita alle 8:00 (stima +0,5% contro -1,4% di settembre) e produzione industriale MoM sempre di ottobre dell’Italia (stima -0,3% contro zero di settembre) alle 10:00. Vendite al dettaglio MoM di ottobre sempre dell’Italia alle 11:00 (stima -0,1% contro +0,1% di settembre). Sempre alle 11:00 uscirà il PIL QoQ dell’Europa del 3Q23 (stima -0,1% contro +0,1% del 2Q23). Alle 14:30 è la volta delle richieste settimanali alla disoccupazione USA (stima 223 k contro 218k della scorsa settimana).
 
Ieri le vendite al dettaglio MoM di ottobre dell’Europa sono risultate più basse delle attese (+0,1% contro +0,1% atteso e -0,1% di settembre). Più debole rispetto alle attese gli occupati ADP USA di novembre (103k contro 130k attesi e 106k di ottobre). In maggiore flessione rispetto alle stime il costo unitario del lavoro USA QoQ del 3Q23 (-1,2% contro -0,9% atteso e +2,2% del 2Q23) e parallelamente è crescita la produttività sempre nel 3Q23 (+5,2% contro +4,9% atteso e +3,5% del 2Q23).
 
Quello che è successo fino ad ora è che i dati contrastanti, le condizioni finanziarie più favorevoli e le politiche monetarie e fiscali divergenti in un contesto tecnologico e geopolitico in rapida evoluzione, hanno creato un ambiente macroeconomico e di investimento sfidante quest'anno. L'abbondante liquidità insieme alla diversità, efficienza, flessibilità e caratteristiche innovative dell'economia USA, hanno giocato a suo favore.
 
Nonostante infatti una curva dei rendimenti fortemente invertita, una diminuzione della base monetaria, tassi di interesse elevati e indicatori principali pessimistici, l'interazione complessa di venti contrari e favorevoli si è risolta a favore di una crescita economica molto migliore delle aspettative. Insieme a prove di inflazione in rallentamento, ciò ha aumentato la fiducia in un atterraggio morbido e tagli dei tassi di interesse, ravvivando le performance degli asset a rischio e sfidando ulteriormente i segnali ciclici di recessione che comunque non hanno ancora smesso del tutto di lampeggiare di rosso.
 
La forza dei consumi e i margini di profitto elevati delle aziende hanno giocato un ruolo importante nell'estendere l'attuale ciclo economico, mentre settori chiave dell'economia, come l'edilizia abitativa, gli investimenti in attrezzature aziendali e la produzione, hanno continuato ad avere difficoltà nel corso del 2023.
 
Risparmi in eccesso, bassa disoccupazione, bassi rapporti debito/attivo, rigorosi standard di prestito e tassi di interesse vicini a zero all'inizio della pandemia hanno portato a bassi rapporti di servizio del debito delle famiglie e a una maggiore resilienza della spesa. Una diminuzione della quota di spesa per benzina e altri beni energetici ha anche rafforzato la spesa discrezionale.
 
Di conseguenza, la spesa reale dei consumatori è rimasta molto al di sopra della tendenza fino alla fine del 2023, supportando la crescita del PIL reale, nonostante i tassi di interesse elevati e forti al credito. Margini elevati e forti flussi di cassa che saturano l'economia, nel contesto di un tasso di crescita medio del PIL nominale del 6,3% YTD, hanno avuto molto a che fare con questo risultato, supportando i profitti aziendali, mantenendo bassi i default e stretti i credit spreads.
 
A sua volta, questo ha contribuito a sostenere la domanda di lavoro e la spesa dei consumatori, generando un circolo virtuoso di aumento dei redditi, della spesa e della ricchezza. Come è tipico, i profitti determineranno in larga parte quanto a lungo questa dinamica favorevole potrà durare. In modo incoraggiante, secondo un rapporto di Empirical Research Partners del 20 novembre 2023, la maggioranza delle aziende dell'S&P 500 ha visto aumentare i margini e una leva operativa positiva per la prima volta in due anni nel 3Q23.
 
Questo è stato guidato dal settore tecnologico, che continua a mostrare la capacità di mantenere redditività molto al di sopra della media. I margini hanno continuato a beneficiare dal cambiamento della composizione del settore, con il settore Tecnologia/Media interattiva che rappresenta il 28% degli utili nel terzo trimestre (era il 17% nel 2010).
 
L'inaspettato aumento annuale del 9% nel PIL nominale del 3Q23 ha analogamente sostenuto i profitti pre-fiscali, dopo tre trimestri consecutivi di declino. Allo stesso tempo, i profitti derivanti dalle operazioni all'estero hanno ripreso a crescere, raggiungendo nuovi massimi storici. Questi ultimi dovrebbero continuare a beneficiare dal fatto che il dollaro ha smesso di apprezzarsi e che l'indicatore principale dell'OCSE per le sette principali economie sviluppate è nuovamente in crescita dopo 18 mesi di contrazione.
 
In assenza di una brusca diminuzione della domanda aggregata, la crescita dei profitti delle aziende dovrebbe beneficiare di una diminuzione insolitamente ampia degli oneri finanziari netti, grazie alla liquidità che rimane ancora abbondante. Complessivamente, i profitti basati sul PIL hanno registrato un notevole rimbalzo dopo tre trimestri deboli, ponendoli sulla strada per un aumento a cifra singola probabile nel 2023 (in netto contrasto con i guadagni del 23% nel 2021 e del 10% nel 2022).
 
Mentre i margini continueranno ad essere “ammortizzati” dalla flessione delle spese nette per interessi, è tuttavia probabile che subiscano una pressione al ribasso in risposta ritardata ai rialzi dei tassi della FED, come tipicamente accade quando il ciclo è maturo.
 
Questo, unito al vento di disinflazione che soffia sull'economia, evidente nel mitigarsi delle pressioni salariali, nella rapida scomparsa del potere di prezzatura delle imprese e nelle diminuzioni dei prezzi di rame e di altre materie prime registrate dall'inizio dell'anno, implica limiti alla futura crescita dei profitti interni.
 
Secondo una recente ricerca della FED di Filadelfia, la resilienza dei margini di profitto a livello dell'intera economia può essere spiegata in gran parte dall'eccezionale intervento governativo durante la pandemia sotto forma di sostegno diretto alle piccole e medie imprese, nonché da una politica monetaria aggressivamente accomodante, che ha permesso alle imprese di rifinanziare i loro debiti a tassi di interesse estremamente bassi, riducendo drasticamente le spese nette per interessi e rafforzando i profitti.
 
In assenza di questi interventi, le prestazioni dei margini di profitto avrebbero riflettuto più da vicino i passati cali economici, scendendo molto più di quanto fatto all'inizio della pandemia e riprendendo solo intorno ai livelli pre-pandemici entro la fine del 2022, anziché superarli significativamente.
 
In sintesi, la contrazione della fornitura di denaro, la disinflazione, la domanda moderata di lavoro, l'aumento dei ritardi nei pagamenti dei prestiti ai consumatori e la debole domanda di credito al consumo suggeriscono che ci sono venti contrari sotto il radar che soffiano attraverso il panorama economico, limitando la crescita dei profitti.
 
La politica fiscale ha svolto un ruolo cruciale nel sostenere i profitti delle imprese e la crescita del PIL. Ci si aspetta tuttavia che questa fonte di forza svanisca. In un contesto di crescente instabilità geopolitica e di sfide in corso nel settore manifatturiero a livello globale, questo suggerisce che un approccio di investimento bilanciato rimane appropriato.
 
Sul lato positivo, con l'inflazione in rapida diminuzione, i mercati sono sempre più fiduciosi che la FED interverrà nel 2024, evitando che l'economia rallenti troppo.
 
 

La FED interverrà sui tassi evitando che l'economia rallenti troppo
 

Articoli Correlati

La FED interverrà sui tassi evitando che l'economia rallenti troppo

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (5)
Gianfranco Arcuri
Gianfranco Arcuri 09.12.2023 20:34
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
hmm.. per un taglio di tassi di interesse si parlerà almeno alla fine del 2 trimestre. i flussi dei bond saranno collocati alle azioni perché i bond ne saranno beneficiario. in questa estensione di tassi. il problema saranno i treysouri che saranno anche essi beneficiati solo se diretti su marcata difensiva. le azioni sono quelli che impennereranno..
Gabriele Berto
Gabriele Berto 07.12.2023 21:09
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
la fed è distaccata dalla realtà di almeno 12/18 mesi, tutto ciò che fa e sempre in grave ritardo rispetto al reale, a volte va anche oltre il ciclo economico provocando ulteriori problemi.
Piergiorgio Rocchini
Piergiorgio Rocchini 07.12.2023 21:09
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Mica tanto, se guardi bene il GDP reale USA è l’unico nel G8 a crescita sostenuta con un bello stacco, lo stacco di cui parli avviene in ogni azione di governance monetaria e fiscale per forza di cose in maniera fisiologica, mi piacerebbe avessimo noi in EU una gestione di PE come la loro.
Alessandro Fasolo
Alessandro Fasolo 07.12.2023 20:03
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
dobbiamo aumentare i tassi non abbassarli
Gabriele Berto
Gabriele Berto 07.12.2023 20:03
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
sono fuori ciclo in grave ritardo
Antonio Sepe
Antonio Sepe 07.12.2023 20:03
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
tassi sempre a vita
Fulvia Cravera
Fulvia Cravera 07.12.2023 20:03
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ehhhhhhhhh??????
Giancarlo Federici
Giancarlo Federici 07.12.2023 20:03
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
ti riferivi forse ai tassi in quanto animali, incolpevoli per simili commenti.....
Frank Tasso
Frank Tasso 07.12.2023 20:03
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Mi raccomando raccontetevi tutte le cuddiuniette che vi vengono a mente per masturbarvi long
Fulvia Cravera
Fulvia Cravera 07.12.2023 20:03
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
vada all'osteria a proferire le sue inutili trivialita'
Stefano Meneghetti
Stefano Meneghetti 07.12.2023 14:23
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email