Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

La forza del dollaro influenzerà la correzione dei mercati?

Pubblicato 10.01.2024, 08:38
Aggiornato 27.03.2024, 13:10

Se desideri ricevere una notifica ogni volta che pubblico un nuovo articolo, basta cliccare su "SEGUI" in alto. Inoltre, se vuoi approfondire un particolare argomento o hai bisogno di qualche consiglio, ti prego di commentare sotto l'articolo e sarò felice di aiutarti.

La forza del dollaro influenzerà la correzione dei mercati?

Martedì, l'indice del dollaro è salito a 102 dopo un periodo di crescita. Gli investitori si trovano in una fase di attesa in previsione dei dati sull'inflazione degli Stati Uniti che verranno pubblicati questa settimana, poiché potrebbero influenzare la politica della Federal Reserve.

Secondo l'ultima indagine della Fed di New York, le aspettative dei consumatori per l'inflazione a breve termine negli Stati Uniti sono diminuite a dicembre, raggiungendo il livello più basso degli ultimi tre anni. 

Tuttavia, i dati economici della scorsa settimana hanno mostrato che l'economia statunitense ha creato ben 216.000 posti di lavoro a dicembre, superando le previsioni di 170.000. 

Ciò dimostra la resilienza del mercato del lavoro nonostante le condizioni finanziarie più rigide. Nella nostra analisi odierna esamineremo le previsioni sul dollaro e come i mercati potrebbero reagire alla sua possibile forza nei prossimi mesi. 

Mentre molti si aspettano un dollaro debole, io ho una visione diversa.

L'attenzione si concentra questa settimana sui dati sull'inflazione, che sono attentamente monitorati dalla Fed. In base ai dati di occupazione e tasso di disoccupazione di dicembre, si è visto un aumento dei posti di lavoro e dei salari. 

Ciò rende i dati sull'inflazione annunciati giovedì ancora più rilevanti.

Sono fiducioso che vedremo una sorpresa nei dati di giovedì, e penso che l'inflazione sarà in calo meno di quanto previsto. Nel frattempo, i mercati hanno ridotto le aspettative per un taglio dei tassi d'interesse da parte della Fed a marzo al 64%. 

Dato che la probabilità era del 90% solo la scorsa settimana, possiamo concludere che il mercato ha ridotto la propria propensione al rischio. Questa tendenza ha anche portato ad un aumento della domanda di dollari.

Nel primo trimestre di quest'anno, mi aspetto che il dollaro rimanga forte. I recenti dati macroeconomici sono positivi e anche in caso di un calo nell'inflazione, questo risultato è già stato preso in considerazione.

Con il dollaro in forte crescita, non sarebbe saggi investire nel gas naturale e optare invece per un trade a medio termine su EUR/USD.
Inoltre, è meglio evitare di investire in Bitcoin poiché la notizia dell'approvazione degli ETF è già stata inclusa nei prezzi e la stagionalità durante gli anni del "halving" non è favorevole.

Per quanto riguarda il NASDAQ, che è molto influenzato dal dollaro, mi aspetto una correzione sana nel primo trimestre.

Per sfruttare al meglio la forza del dollaro, il miglior strumento è l'EUR/USD. L'inflazione in Europa sta diminuendo rapidamente e i dati macroeconomici sono estremamente negativi.

A dicembre, l'inflazione nell'area dell'euro ha raggiunto il 2,9%, leggermente al di sotto delle aspettative del 3%. L'aumento è stato principalmente influenzato da fattori legati all'energia. 

Allo stesso tempo, abbiamo assistito a un raffreddamento previsto del tasso core che si è attestato al 3,4%, il più basso da marzo dello scorso anno.

La mia tesi ribassista va contro il pensiero degli altri analisti. Secondo me, sarà la BCE la prima a ridurre i tassi di interesse anziché la FED, il che porterà alla diminuzione del cambio EUR/USD a 1,07 nei prossimi trimestri.

Sebbene l'analisi tecnica mostri un trend positivo, la violazione del livello chiave di 1,09 (corrispondente alla EMA 100) potrebbe portare a un nuovo trend ribassista.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.