Ricevi uno sconto del 40%
🚨 Mercati volatili? Trovare le gemme nascoste per ottenere una seria sovraperformanceTrova subito azioni

L’impennata di dicembre del mercato azionario è un potenziale trampolino di lancio per un 2024 rialzista

Pubblicato 12.12.2023, 18:01
Aggiornato 02.09.2020, 08:05
  • Negli anni pre-elettorali, la seconda metà di dicembre mostra una forte performance storica.
  • Un dicembre forte per l’S&P 500, con guadagni superiori all’8% su base annua, tende a precedere un’impressionante corsa al rialzo l’anno successivo.
  • Questo modello storico potrebbe ripetersi quest’anno, con i mercati in rally e l’inizio di un 2024 rialzista?
  • Dicembre, storicamente il terzo miglior mese dell’anno per S&P 500 e Dow Jones negli ultimi 72 anni, vanta rendimenti medi rispettivamente di +1,4% e +1,5%.

    Inoltre, si assicura il secondo mese migliore per il Russell 2000 e il terzo migliore sia per il Nasdaq che per il Russell 1000.

    Entrando nello specifico, la seconda metà del mese è storicamente molto migliore per i mercati.

    In un anno pre-elettorale, dicembre tende a superare se stesso, offrendo i seguenti guadagni medi:

    • Dow Jones: +2,7%, con una tendenza al rialzo in 14 degli ultimi 18 mesi di dicembre.
    • S&P 500: +2,9%
    • Nasdaq: +4,2%
    • Russell 1000: +2,9%
    • Russell 2000: +3%.

    Un dicembre forte lascia presagire un 2024 rialzista per le azioni

    È stato un grande anno per i mercati azionari, sia in Europa che negli Stati Uniti. L’S&P 500, che ha guadagnato oltre l’8% su base annua, è un’impresa lodevole che si è verificata 30 volte nella sua storia.

    L’aspetto interessante è che in questi 30 casi, l’S&P 500 ha registrato un aumento medio del +15,88% l’anno successivo.

    Quando l’indice si avvicina alla fine dell’anno dopo aver iniziato il mese di dicembre con un guadagno annuale del +8% o più, nel 90% dei casi questo scenario prefigura un anno successivo impressionante, caratterizzato da rendimenti medi di quasi il +16%.

    Se è vero che alcuni potrebbero essere preoccupati per il tempo trascorso dall’ultima volta che l’indice ha toccato nuovi massimi storici, quasi un anno fa, il 2 gennaio 2022, è importante notare che è molto vicino al suo picco. È quindi fondamentale mantenere la calma ed essere pazienti.

    1° Gap: Indubbiamente l’S&P 500 classico, composto da titoli con pesi diversi nell’indice, sta superando in modo significativo l’S&P 500 equal weight, in cui tutti i titoli hanno lo stesso peso.

    La differenza nel 2023 tra il primo e il secondo è del 14%. Un’analisi storica di entrambi gli indici S&P 500, compresi i dividendi, rivela la seguente classifica delle maggiori differenze tra loro:

    • Year 1975: 17,4%
    • Year 2000: 18,7%
    • Year 2009: 19,8%
    • Year 1998: 16,4%
    • Year 2023: 14%

    2° Gap: quest’anno i titoli growth stanno superando i titoli value del 30%, il secondo rendimento più alto mai registrato dal 1979 (solo il 2020 è stato superiore).

    Nel 2022, i titoli value hanno sovraperformato i titoli growth del 22%. Nel 2023, i titoli growth hanno superato i titoli value del 30%.

    Il Portafoglio 60/40 compie una rimonta spettacolare

    Dodici mesi dopo aver registrato il peggior anno della storia, i portafogli tradizionali 60/40 hanno firmato il loro miglior mese in oltre tre decenni.

    Il loro rendimento è attualmente del +9,6%, rendendo novembre, secondo Bank of America, il miglior mese dal dicembre 1991.

    Questi portafogli sono composti per il 60% da azioni e per il 40% da obbligazioni. Per questo motivo, vengono anche chiamati portafogli bilanciati.

    Pertanto, questo tipo di portafoglio si basa sull’investimento del 60% del capitale in azioni, che, pur avendo un potenziale di rischio più elevato, hanno anche un potenziale di redditività più elevato, e del 40% in obbligazioni o reddito fisso, attività con un potenziale di rivalutazione più basso ma anche un rischio inferiore.

    Gli swap indicano il 40% di probabilità di un calo dei tassi di interesse a marzo

    Il rapporto sull’occupazione di venerdì ha mostrato un rafforzamento dell’economia statunitense. L’occupazione non agricola è aumentata di 199.000 unità il mese scorso, il tasso di disoccupazione è sceso al 3,7% e la crescita mensile dei salari ha battuto le stime del mercato. Nel frattempo, la fiducia dei consumatori ha registrato un forte rimbalzo all’inizio di dicembre, battendo tutte le previsioni.

    L’S&P 500 ha registrato la sesta settimana consecutiva di guadagni, la striscia vincente più lunga dal novembre 2019. L’indicatore di paura di Wall Street, il VIX, è tornato ai livelli pre-pandemici. I rendimenti dei Treasury a 2 anni sono saliti di 12 punti base al 4,72%. I contratti swap mostrano ora una probabilità del 40% di un taglio dei tassi a marzo, dal 50% prima dei dati sull’occupazione.

    Nel frattempo, uno dei più grandi veicoli di investimento sui meme sta fallendo

    Roundhill Investments chiude il suo Roundhill MEME ETF (NYSE:MEME) l’11 dicembre a soli due anni dal suo debutto. È stato il primo ETF a sfruttare l’enorme interesse suscitato dai forum per investire in titoli come GameStop (NYSE:GME) e AMC Entertainment (NYSE:AMC).

    Ma la chiusura di questo ETF è solo una delle tante del settore. Secondo Morningstar Direct, quest’anno sono stati chiusi 203 ETF statunitensi. Si tratta del 38% in più rispetto al numero di fondi del 2022 e di oltre il 180% rispetto al 2021.

    Inoltre, il patrimonio è sceso a soli 2,7 miliardi di dollari. Ciò significa che l’amministratore sta guadagnando solo circa 18.630 dollari all’anno per gestirli, sulla base di un rapporto di spesa annuale dello 0,69%. Non è abbastanza per coprire i costi operativi della maggior parte dei fondi.

    Ma è stata anche una perdita per gli investitori. Chi ha acquistato questo ETF l’8 dicembre 2021 ha perso il 58% del proprio denaro. E questo nonostante il fatto che l’ETF abbia aggiunto nuove attività con performance migliori. Ad esempio, ha aggiunto Super Micro Computer (NASDAQ:SMCI), che ha registrato una crescita del 553% dall’inizio dell’ETF.

    Tuttavia, l’ETF presenta alcuni elementi di freno, come AMC Entertainment (NYSE:AMC), che è scesa del -98% dall’inizio del fondo, e GameStop (NYSE:GME), in calo del -69% dal dicembre 2021. Oltre l’80% delle posizioni attuali dell’ETF sono più basse rispetto all’apertura del fondo.

    Classifica dei mercati azionari dall’inizio dell’anno

    Ecco come sta andando la classifica delle principali borse mondiali per l’anno in corso:

    Sentimento degli investitori (AAII)

    Il sentiment rialzista, ovvero le aspettative di rialzo dei prezzi delle azioni nei prossimi sei mesi, è sceso leggermente al 47,3%, ma rimane superiore alla sua media storica del 37,5%.

    Il sentiment ribassista, ossia le aspettative di un calo dei prezzi delle azioni nei prossimi sei mesi, è salito al 27,4% ma rimane al di sotto della sua media storica del 31%.

    ***

    Potete facilmente determinare se una società è adatta al vostro profilo di rischio tramite un’analisi fondamentale dettagliata su InvestingPro effettuata in base ai vostri criteri. In questo modo otterrete un aiuto altamente professionale nella definizione del vostro portafoglio.

    Potete iscrivervi a InvestingPro, una delle piattaforme più complete sul mercato per la gestione del portafoglio e l’analisi fondamentale, cliccando sul banner sottostante.

    Find All the Info you Need on InvestingPro!

    Disclaimer: Questo articolo è scritto a scopo puramente informativo; non costituisce una sollecitazione, un’offerta, un consiglio o una raccomandazione a investire e non intende incentivare in alcun modo l’acquisto di beni. Vorrei ricordarvi che qualsiasi tipo di attività viene valutata da più punti di vista ed è altamente rischiosa; pertanto, ogni decisione di investimento e il rischio associato restano a carico dell’investitore.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Ultimi commenti

DOPO.TRE ANNI SOTTO LO ZERO TERMICO
MAGARI FOSSE UN TREND RIALZISTA
👍
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.