6 nuovi titoli aggiunti la scorsa settimana dai ProPicks AI sono già aumentati dell'2.5%.
Non perdere l’occasione!
Ottieni il 50% di sconto

Non tutti i big tech hanno pubblicato risultati nel quarto trimestre

Pubblicato 06.02.2024, 09:45
US500
-
CAT
-
MSFT
-
DIS
-
MCD
-
LLY
-
GILD
-
GOOGL
-
AAPL
-
AMZN
-
TROW
-
COP
-
MCK
-
HSY
-
EW
-
CMG
-
MAA
-
META
-
IEX
-
GOOG
-
CTLT
-
UBER
-
  • Alcuni risultati di grandi aziende del settore tecnologico sono stati negativi, ma la scorsa settimana ci sono stati due risultati di rilievo
  • Questa settimana nove società dell’S&P 500® hanno una data di pubblicazione degli utili anomala: MCD, IEX, EW, MAA, MCK, HSY, COP, TROW, CTLT
  • Sono 1.558 le società che dovrebbero presentare i loro bilanci durante la seconda settimana di picco della stagione del Q4
  • Meta e Amazon hanno salvato la stagione degli utili?

    I guadagni delle grandi aziende tecnologiche hanno dato il via alla stagione degli utili la scorsa settimana, e non tutti i risultati sono stati così magnifici. Alphabet (NASDAQ:GOOGL) e Microsoft (NASDAQ:MSFT) hanno dato il via alla stagione degli utili martedì scorso e, pur avendo entrambi superato le aspettative per quanto riguarda la linea superiore e inferiore, non sono stati sufficienti per gli investitori. La debolezza dei ricavi pubblicitari di GOOGL ha provocato un calo di quasi il 6% del prezzo delle azioni dopo la pubblicazione del rapporto, e anche le scarse indicazioni di Microsoft non sono piaciute agli investitori. Dato lo slancio che i titoli tecnologici hanno avuto in questi report e i ricchi livelli di P/E, gli investitori sono stati meno disposti a perdonare i piccoli errori. Lo stesso vale per Apple (NASDAQ:AAPL), che giovedì ha riportato ricavi deludenti dalla Cina; il titolo è sceso di oltre il 5% nelle ore successive al report, prima di risalire venerdì.

    I due titoli di spicco della scorsa settimana sono stati senza dubbio Meta (NASDAQ:META) e Amazon (NASDAQ:AMZN), che hanno entrambi battuto le aspettative sia sul fronte dei ricavi che su quello dei profitti. Ancor più gradito agli investitori di Meta è stato l’annuncio del primo dividendo in assoluto della società, pari a 0,50 dollari, e di un piano di buyback da 50 miliardi di dollari. L’amministratore delegato Mark Zuckerberg ha anche promesso di “mantenere le cose snelle”, una strategia che ha funzionato bene per l’azienda di social media che è riuscita a realizzare l’ “anno dell’efficienza” nel 2023.

    A seguito delle notizie migliori del previsto della scorsa settimana, le previsioni sugli EPS misto di FactSet S&P 500 si attesta ora all’1,6%, in rialzo rispetto al -1,4% della settimana precedente.

    Ma non è stato solo questo a muovere i mercati la scorsa settimana: la prima riunione della Federal Reserve del 2024 si è rivelata un fallimento quando il presidente Powell ha indicato che non sono ancora pronti a tagliare i tassi. Lo strumento CME Group FedWatch prevede ora il 60% di probabilità di un taglio dei tassi alla riunione del 1° maggio, mentre la probabilità di un taglio il 20 marzo è scesa al 21%.

    Sebbene i mercati siano inizialmente scesi dopo la notizia di mercoledì, si sono risollevati dopo i risultati tecnologici di giovedì e il numero di posti di lavoro di venerdì. I Nonfarm Payrolls sono stati pari a 353.000 unità per il mese di gennaio e il tasso di disoccupazione è rimasto al 3,7%, segnando 24 mesi consecutivi di disoccupazione al di sotto del 4% e il periodo più lungo dagli anni Sessanta.

    Industriali, farmaceutici e beni di consumo al centro della scena

    Questa settimana avremo i risultati di una serie di settori, tra cui la ristorazione (McDonald’s Corporation (NYSE:MCD), Chipotle Mexican Grill Inc (NYSE:CMG)), gli industriali (Caterpillar Inc (NYSE:CAT), Uber Technologies Inc (NYSE:UBER)), farmaceutici (Gilead Sciences Inc (NASDAQ:GILD), Eli Lilly and Company (NYSE:LLY)) e la sempre molto attesa Walt Disney Company (NYSE:DIS).

    Earnings Announcements

    Fonte: Wall Street Horizon

    Date di guadagno anomale questa settimana

    Le ricerche accademiche dimostrano che quando una società conferma una data per gli utili trimestrali successiva a quella in cui storicamente ha pubblicato i dati, di solito è un segno che la società condividerà cattive notizie durante il prossimo vertice, mentre lo spostamento della data di pubblicazione in anticipo suggerisce il contrario.

    Questa settimana abbiamo i risultati di una serie di grandi società dei principali indici che hanno spostato la data di pubblicazione degli utili per il quarto trimestre del 2023 al di fuori dei loro standard storici. Nove società dell’S&P 500 hanno confermato date di guadagno anomale per questa settimana, tutte più tardive del solito e quindi con fattori DateBreaks negativi*. Si tratta di McDonald’s Corporation, IDEX Corporation (NYSE:IEX), Edwards Lifesciences Corp (NYSE:EW), Mid-America Apartment Communities (NYSE:MAA), McKesson Corporation (NYSE:MCK), The Hershey Company (NYSE:HSY), ConocoPhillips (NYSE:COP), T. Rowe Price Group Inc (NASDAQ:TROW) e Catalent Inc. (NYSE:CTLT).

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.