Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Riso USA destinato ad un’impennata malgrado i timori per le esportazioni

Da Investing.com (Barani Krishnan/Investing.com)Materie prime11.09.2018 12:00
it.investing.com/analysis/riso-usa-destinato-ad-unimpennata-malgrado-i-timori-per-le-esportazioni-200222404
Riso USA destinato ad un’impennata malgrado i timori per le esportazioni
Da Investing.com (Barani Krishnan/Investing.com)   |  11.09.2018 12:00
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

I future del riso sono sul punto di registrare un’impennata che potrebbe riportare il mercato ai massimi di giugno di oltre 12 dollari per centinaio di libbre (cwt), in base alle letture dei segnali tecnici e fondamentali.

Tuttavia, il Dipartimento per l’Agricoltura USA afferma che i prezzi americani del cereale sono troppo alti e che dovrebbero scendere per ottenere la maggiore quota di mercato delle esportazioni a cui aspira l’USDA per l’anno commerciale 2018/19.

Si possono raggiungere entrambi gli obiettivi?

Sì, rispondono analisti e trader del riso, aggiungendo che si tratta di due obiettivi distinti.

“Uno riguarda il prezzo dei future, cioè il prezzo che i coltivatori USA ottengono per il loro riso”, spiega Shawn Hackett dell’agenzia di consulenza per i mercati agricoli Hackett Financial Advisors, a Boca Raton, in Florida. “L’altro riguarda il prezzo a cui il riso statunitense viene venduto al resto del mondo”.

Anno difficile finora per i future del riso

È stato un anno duro per i future del riso USA, afflitti dalla volatilità da quando hanno segnato un rimbalzo di quasi il 7% a gennaio.

Rough Rice Weekly Chart
Rough Rice Weekly Chart

Negli scambi di ieri, il contratto del riso più attivo, quello con consegna a novembre, sul Chicago Mercantile Exchange si è attestato a 10,92 dollari per cwt. Sebbene questo gli faccia segnare un balzo di quasi l’1% sul mese, si tratta solo di una modesta ripresa dal crollo del 9% di agosto. Se il mercato dovesse conservare l’andatura al rialzo, si tratterebbe del terzo mese in salita su quattro. Tuttavia, sull’anno, segna un crollo di quasi il 6%. Afferma Hackett:

“Ma tutto questo potrebbe cambiare in quanto prevediamo considerevoli segnali “buy” sul riso al momento mentre ci avviciniamo al periodo del raccolto ... L’abbiamo scambiato regolarmente nel range di 12,00-12,50 dollari (per cwt) nel primo semestre dell’anno. Si tratta sicuramente di un obiettivo da ripercorrere. Sarebbe anche normale per un’impennata post-raccolto”.

Jack Scoville, a capo del trading dei cereali per Price Futures Group di Chicago, prevede che il mercato sarà limitato per un po’ prima di vedere una ripresa e raggiungere il range di 11,50-11,75 dollari per cwt.

“Il raccolto sembra essere molto buono in Texas e Louisiana e stiamo cominciando ad espanderci anche in zone come l’Arkansas. Penso che questo terrà il mercato un po’ sotto pressione nelle prossime due-tre settimane, prima che possa avvenire un breakout”.

I segnali tecnici indicano “Strong Buy”

Ad appoggiare l’idea di un aumento dei prezzi dei future ci sono le previsioni tecniche giornaliere di Investing.com, che indicano “Strong Buy” sul riso USA. Il segnale passa a “sell” solo quando il contratto di novembre raggiungerà l’area compresa tra la media mobile su 50 giorni di 11,262 dollari e la media su 200 giorni di 11,993 dollari.

A parte i segnali tecnici, la produzione di riso globale potrebbe essere limitata il prossimo anno dal fenomeno meteorologico El Niño 2019/2020, che potrebbe portare siccità e problemi alle coltivazioni in Asia.

Anche l’accordo sul libero scambio USA-Messico annunciato il mese scorso potrebbe rivelarsi positivo per il riso. Aggiunge Hackett:

“Sebbene il riso non sia mai stato davvero minacciato dai dazi messicani prima dell’accordo, l’effetto complessivo del patto è l’essere diventato una spinta fondamentale per tutti i cereali scambiati tra i due paesi … compreso il riso”.

Nathan Childs, economista senior per il riso del Servizio di Ricerche Economiche dell’USDA, di recente durante un Webinar sull’agricoltura ha affermato che le esportazioni di riso USA hanno il potenziale di aumentare del 13% nell’anno commerciale 2018-19. Ma questo è ancora al di sotto della loro vera potenzialità, ha aggiunto. E il motivo è il riso di Venezuela, Cile e Paraguay che ha un prezzo più competitivo rispetto al prodotto americano.

Sfide per l’esportazione

Childs utilizza come termine di paragone il Messico, il principale compratore di riso USA che ne ha acquistato 900.000 tonnellate metriche nel 2017. “Gli Stati Uniti probabilmente una volta avevano un massiccio controllo del mercato messicano pari al 99% o al 95%. E adesso forse non è nemmeno all’80%”.

Mentre le esportazioni di riso USA verso il vicino settentrionale si sono ridotte, “gli esportatori sudamericani continuano a guadagnare partecipazione di mercato in Messico”, afferma Childs, aggiungendo che i prezzi all’esportazione americani dovrebbero scendere per colmare il divario.

I dati sulle spedizioni di riso dell’USDA mostrano che gli esportatori hanno ridotto i prezzi, sebbene non tanto quanto desiderato. Il prezzo medio stagionale (SAFP) per il riso 2017/18 in California, ad esempio, è stato abbassato a 16,60 dollari per cwt ad agosto dai 16,70 dollari di luglio. Tuttavia, la quotazione resta ben al di sopra dei 14,10 dollari del SAFP californiano nel 2017/18.

Hackett afferma che i prezzi all’esportazione sono stati principalmente determinati da Riceland Foods, il più grande macinatore e venditore di riso al mondo, che compra la maggior parte del cereale dai coltivatori americani per poi lavorarlo per l’esportazione. “Il prezzo all’esportazione relativo per le fattorie deve ridursi a quello di Riceland se vogliamo raggiungere il potenziale di esportazione desiderato dall’USDA”.

Mark Holt, funzionario della divisione esportazioni di riso di Riceland, non ha subito risposto alla richiesta di Investing.com di un commento.

Scoville afferma tuttavia che il riso USA è “prezzato in modo abbastanza giusto per la sua qualità”:

“È normale sia per i future che per i prezzi all’esportazione scendere in questo periodo dell’anno per via del raccolto … Ma non penso che dovremmo restare a questo livello per attirare le aziende. Ritengo che anche ai prezzi attuali stiamo facendo affari e che continueremo a farli”.

Riso USA destinato ad un’impennata malgrado i timori per le esportazioni
 

Articoli Correlati

Riso USA destinato ad un’impennata malgrado i timori per le esportazioni

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email