Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

Sanità, energia e industria: azioni di qualità che faranno bene nei prossimi anni

Pubblicato 19.02.2024, 09:28
Aggiornato 09.07.2023, 12:32
Chi crede che una crescita esponenziale possa continuare all'infinito in un mondo finito è un folle, oppure un economista (K. Boulding).


Nessun dato significato in uscita fino a giovedì, dove alle 10:00 ci sarà la seconda lettura dell’inflazione dell’Italia YoY di gennaio (stima 0,8% contro 0,6% di dicembre) e alle 11:00 quella dell’Europa sempre di gennaio (stima 2,8% contro 2,9% di dicembre).  Venerdì alle 8:00 è la volta del PIL del 4Q23 della Germania (stima -0,3% contro -0,1% del 3Q23), che dovrebbe sancire l’entrata in recessione.
 
I mercati e gli investitori stanno cercando di capire se il rialzo dell’inflazione USA è stato un evento una tantum o l'inizio di un trend, caratterizzato da pressioni inflazionistiche in ripresa.
 
Oltre al dato di inflazione, al momento sono sempre di più gli indicatori potenzialmente ribassisti per le azioni, tra cui il recente aumento dei prezzi del greggio e gli elevati rendimenti dei titoli del Tesoro a breve termine. La scorsa settimana il rendimento a 2 anni dei fed funds ha toccato il massimo delle ultime otto settimane intorno al 4,67%, suggerendo che i trader vedono ormai poche possibilità di tagli dei tassi a breve.
 
L’ultimo rapporto sull'indice dei prezzi al consumo ha scosso gli investitori che nell'ultimo anno hanno visto i principali dati sull'inflazione diminuire costantemente, rafforzando la fiducia che gli aggressivi rialzi dei tassi della Fed, lanciati quasi due anni fa, stessero con successo tenendo sotto controllo le pressioni sui prezzi.
 
Il rally azionario dello scorso anno, che si è protratto fino al 2024, è stato in parte basato sulla convinzione che con l’inflazione apparentemente in calo più vicino all’obiettivo a lungo termine del 2%, la Fed fosse vicina a un pivot politico che avrebbe comportato diversi tagli dei tassi quest'anno.
 
Ma il rapporto CPI, combinato con un forte rapporto sull’occupazione di gennaio, ha spinto gli investitori a ridurre drasticamente le aspettative di taglio dei tassi. Gli indicatori di mercato suggeriscono che un primo taglio della Fed potrebbe avvenire non prima di giugno. All'inizio dell'anno, invece, i trader puntavano su un taglio a marzo con quote relativamente alte.
 
Due settimane fa, Powell ha affermato che la banca centrale aveva bisogno di ulteriori prove del fatto che l’inflazione fosse su un percorso chiaro verso l’obiettivo del 2%, prima di tagliare i tassi. Secondo i dati del FedWatch Tool del CME, i trader valutano ora una probabilità di quasi il 90% che i tassi rimarranno invariati al 5,25-5,5% dopo la riunione del FOMC di marzo e al 62% che il tasso dei fondi federali rimanga invariato dopo la riunione del FOMC di maggio (era il 36% una settimana fa).
 
Il rapporto sulle vendite al dettaglio di gennaio, che hanno fatto registrare una flessione dello 0,8% dal +0,4% di dicembre, evidenziano che i consumatori stanno gradualmente contraendo le spese. Considerata la composizione della domanda aggregata USA, la riduzione della spesa dei consumatori è attesa raffreddate la crescita economica nei prossimi trimestri.
 
Chi ci segue, sa che siamo orientati verso quelle classi di asset e sottosettori che la nostra analisi suggeriva offrissero flussi di cassa affidabili e un rischio percepito inferiore. Abbiamo utilizzato spesso il termine “qualità” per descrivere in generale le caratteristiche che abbiamo ricercato per la maggior parte delle nostre preferenze di portafoglio. Ai fini delle esposizioni azionarie, la qualità, mira anche alla coerenza della crescita degli utili, ai bassi livelli di debito e ai bilanci solidi.
 
Da un rapido confronto tra la performance dell'indice S&P 500 e quella delle classi di attività azionarie di qualità inferiore come le small cap (secondo l'indice Russell 2000) e i mercati emergenti (secondo l'indice MSCI Emerging Markets) nel corso degli ultimi 12 mesi, notiamo come i rendimenti mostrino una differenza drammatica: l’S&P 500 ha registrato un rally del 22,9%, mentre il Russell 2000 ha guadagnato il 6,7% e l'indice MSCI Emerging Markets è sceso del 2,8% (questi rendimenti escludono i dividendi). L'S&P 500 ha stabilito nuovi massimi record, ma gli altri due indici sono molto al di sotto dei loro massimi. Gli asset azionari di qualità tendono ad attirare l’attenzione degli investitori durante i periodi di incertezza a causa della loro affidabilità e durabilità percepite.
 
Quindi, che cosa significa questo per le azioni?. A nostro avviso, le azioni USA non sono particolarmente economiche, ma bisogna rispettare lo slancio che ha portato l’S&P 500 a toccare i massimi. La classe di attività e il settore azionario che hanno portato la corsa ai massimi storici, le azioni a grande capitalizzazione e il settore IT, sono tra quelli che consideriamo sicuramente tra gli asset azionari di massima qualità da possedere nel contesto attuale.
 
Ma non a tutti i prezzi. Il settore tecnologico appare infatti significativamente sopravvalutato rispetto alla sua media storica e continuiamo a preferire una riduzione del loro peso nei portafogli. Oggi intravediamo dei rischi nell’acquistare molte di queste azioni ad alto valore poiché le prospettive a lungo termine e le tabelle di marcia verso la redditività rimangono poco chiare.
 
Ci concentriamo invece su settori che presentano caratteristiche di qualità a lungo termine come sanità, industria, materiali ed energia. Questi settori sembrano rappresentare oggi un valore migliore rispetto alla tecnologia e dovrebbero anche fornire i beni e i servizi chiave che saranno necessari per ricostruire e sviluppare parti dell’economia che saranno necessarie nel prossimo decennio. Il tutto continuando ad enfatizzare la qualità nelle nostre preferenze.
 
 
 
 
 
 
 

Ultimi commenti

pazienza ci vuole pazienza... e salterà anche il nome del titolo di cui interessa..
Quanti oracoli esistono al mondo? 1 forse due. Su quelli bisogna puntare su quei due capaci di di segnalare con quasi matematica certezza il futuro. Il resto amico mio è.. Racconto di speranza. E la speranza non è certezza. Ecco spiegato in breve il nostro pensiero. Ciò detto auguro buon lavoro a tutta la categoria.
Già conosciamo risposta.. Eh mica siamo oracoli. Ecco il punto per far il mestiere del consigliere servono oracoli.
Si certo ma quali titoli si fa presto a dire sanità industria materiali ed energia. Nomi e cognomi occorre fare. X esempio industria quale titolo rappresenta il cavallo vincente? L industria è immensa anche la canistracci oil rappresenta l industria ma non è detto che sia quella parte di industria a maggior crescita futura. Nomi e cognomi bisogna fare ed aggiungere alla lista la seguente dicitura : se sbaglio previsione cari lettori siete autorizzati a castrarmi e per dimostrare le mie buone intenzioni nei vostri confronti lascia numero di telefono personale ed indirizzo abitazione. Naturalmente tutto verificabile tracciabile. Così parla o dovrebbe scrivere ragionare un consigliere finanziario.
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.