Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Settembre nero per l’auto Usa. Crollo delle vendite del 25%

Da OraFinanza.it (Antonio Gamma)Panoramica mercato01.10.2021 15:39
it.investing.com/analysis/settembre-nero-per-lauto-usa-crollo-delle-vendite-del-25-200448287
Settembre nero per l’auto Usa. Crollo delle vendite del 25%
Da OraFinanza.it (Antonio Gamma)   |  01.10.2021 15:39
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Con le fabbriche bloccate per la carenza di chip, l’industria non riesce a soddisfare la forte domanda. Prezzi in forte crescita. Per GM e Ford consegne in calo del 30%, ma Tesla (NASDAQ:TSLA) dovrebbe crescere del 26%. Le previsioni degli analisti.

Solo un milione di auto vendute, il peggior settembre da 10 anni.

E’ stato un settembre nero per l’industria americana dell’auto. In attesa dei dati ufficiali delle Case automobilistiche, in uscita fra poche ore, tre fra i principali centri studi del settore, Cox Automotive, Edmunds e J.D. Power/LMC Automotive, sono concordi nel prevedere che a settembre le vendite di auto negli Stati Uniti sono cadute del 24-26% rispetto allo stesso mese del 2020. In totale le auto vendute dovrebbero essere non più di un milione, cioè il volume più basso mai registrato in un mese di settembre negli ultimi 10 anni.

Il trimestre luglio-settembre dovrebbe essersi chiuso con meno di 3,4 milioni di auto vendute, in calo di almeno il 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, che comunque aveva registrato volumi depressi a causa della pandemia da Covid.

Il motivo di questo disastro? La carenza di chip e la difficoltà di approvvigionamento di componenti in generale, che ha portato alla chiusura di alcune fabbriche per settimane. E l’aspetto paradossale è che la produzione si inceppa proprio in un periodo di forte domanda di nuove auto da parte degli americani. Le scorte di veicoli nuovi sono scese ai minimi assoluti.

La crisi dei chip durerà ancora nel 2022. La situazione tornerà normale nel 2023.


Gli analisti di Cox si aspettano lievi miglioramenti nel quarto trimestre e con ulteriori progressi via via nel corso del 2022, ma l’industria non tornerà alla normalità “fino al 2023”. Come reazione a tutto questo, JD Power prevede un incremento dei prezzi delle auto: a settembre il prezzo medio di un veicolo nuovo dovrebbe essere stato di 42.800 dollari, segnando il quarto mese consecutivo sopra la soglia dei 40mila dollari.

Sull’andamento delle singole Case, Edmunds si aspetta cifre pesanti per i due big, General Motors (NYSE:GM) e Ford, che dovrebbero registrare flessioni rispettivamente del 31,5% e del 29%.

Per Tesla la previsione di Cox Automotive è una crescita delle vendite nel terzo trimestre del 26%. Elon Musk si sta dimostrando molto ottimista sull’argomento;: una settimana fa ha dichiarato che la crisi dei semiconduttori sarà risolta l’anno prossimo perché i produttori di chip stanno realizzando molte nuove fabbriche “che andranno ad aumentare la capacità già dall’anno prossimo”. Le sue parole hanno lasciato perplessi molti esperti, perché è vero che giganti come Intel (NASDAQ:INTC) o la taiwanese Tsmc hanno annunciato piano per realizzare nuovi stabilimenti negli Usa, ma ci vorranno anni prima di vederli realizzati e funzionanti a regime.

Glenn O’Donnell, capo della ricerca della società di consulenza Forrester, pensa che la carenza di chip durerà ancora nel 2023. E il conto di quest’anno è già molto salato: Alix Parnters prevede che per l’industria automobilistica mondiale la mancanza di semiconduttori si traduca nel 2021 in 210 miliardi di dollari di minori ricavi.

Ecco le previsioni del consensus degli analisti per l’intero 2021.


General Motors. I ricavi dovrebbero salire del 6,6% a 130,5 miliardi di dollari e l’utile è atteso in miglioramento a 8,7 miliardi dai 6,2 miliardi dell’anno prima. Attualmente il titolo è scambiato a 53,1 dollari e la media dei target price è 71,3 dollari (upside del 35%).

Ford. Il 2021 dovrebbe chiudersi con una crescita dei ricavi a 127 miliardi di dollari (+9,6%). E’ previsto il ritorno a un solido utile con 4,9 miliardi di profitti, dopo una perdita nel 2020 di 1,2 miliardi. La quotazione di Borsa attuale è 14,25 dollari e la media dei target price è 16 dollari (upside del 13%).

Tesla. Gli analisti scommettono su un balzo dei ricavi del 60% a 50,4 miliardi di dollari con un utile di 4,1 miliardi. Il titolo viaggia al Nasdaq a 780 dollari, sopra la media dei target price che è attestata a 686 dollari (downside dell’11%).

Settembre nero per l’auto Usa. Crollo delle vendite del 25%
 

Articoli Correlati

Settembre nero per l’auto Usa. Crollo delle vendite del 25%

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (1)
Emanuele Paris
Bigmème 03.10.2021 13:45
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
ottima storia per andare a prendere posizione sul settore; avevo intuito la questione quando parlando con un mio amico rivenditore un mese fa, mi diceva che non hanno auto da consegnare; fanno contratti senza poter dare tempi certi. A mio avviso i prezzi di Stellantis, e VW non riflettono ancora questo. Sono i due titoli che ho sotto analisi, e voglio entrarci piano piano nei prossimi mesi.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email