📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

S&P 500: le stime sugli utili potrebbero essere troppo alte

Pubblicato 10.06.2022, 12:57
NDX
-
US500
-
MSFT
-
AAPL
-
AMZN
-
XLB
-
META
-
XLE
-

Questo articolo è stato scritto in esclusiva per Investing.com

Il mercato azionario potrebbe subire una delusione quest’estate. I trend degli utili dell’S&P 500 sono in salita nonostante i crescenti timori di una recessione USA per via del ciclo di inasprimento della Fed. Ciò ha creato una strana divergenza tra i trend degli utili dell’S&P 500 e del NASDAQ 100. Questa differenza potrebbe essere un segnale che le stime sugli utili dell’S&P 500 sono troppo alte e devono scendere.

Ancor più strano il fatto che molte delle principali società S&P 500, come Apple (NASDAQ:AAPL), Microsoft (NASDAQ:MSFT), Amazon (NASDAQ:AMZN), e Meta Platforms (NASDAQ:FB), abbiano visto le stime sugli utili per il secondo trimestre scendere, così come quelle per l’intero anno fiscale. Oltre a ciò, mentre sentiamo parlare di aumenti dei costi e dell’inflazione, gli analisti devono ancora adattare le loro stime sui margini operativi per l’S&P 500, che restano vicino ai massimi storici. Ciò potrebbe preparare il mercato ad una stagione degli utili deludente, con una nuova raffica di abbassamenti dei rating.

Le stime sugli utili per l’S&P 500 nel 2022 sono salite a nuovi massimi, raggiungendo quota 228,26 dollari ad azione, mentre quelle per il NASDAQ 100 sono vicino ai minimi. Sembra una strana combinazione, considerata la sovrapposizione dei due indici ed il numero di grandi società contenute.

Grafici tutti gentilmente forniti da Bloomberg

Un motivo di questa divergenza è che le stime sulle vendite per l’S&P 500 continuano a salire, ma scendono per il NASDAQ 100.Inoltre, malgrado i timori per l’aumento dei prezzi ed i potenziali impatti sui margini di consumatori ed aziende, le stime sul margine operativo per l’S&P 500 restano a livelli altissimi, con gli analisti molto lenti ad abbassarle. Questo rappresenta il rischio maggiore per le stime sugli utili, perché l’inflazione più alta può contribuire a far salire le vendite ma, se i margini si contraggono, ecco che gli utili vanno sotto pressione.

Oltre a questo, abbiamo visto segnali di alcune mega-cap come Apple, Amazon e Meta mostrare un calo delle stime sugli utili per quest’anno civile. Per Microsoft, le stime hanno iniziato a scendere per il prossimo anno, dal momento che il suo anno fiscale termina a luglio.

AAPL, MSFT, AMZN, META EPS Estimates

Il calo delle stime sugli utili di alcune grosse società che coincidono tra gli indici sembra indicare un trend di peggioramento delle aspettative sugli utili, che corrisponde a quello del NASDAQ 100 ma non dell’S&P 500. La differenza potrebbe risiedere nell’allocazione settoriale. Tuttavia, quasi il 90% dei trend degli utili S&P 500 per settore mostra stime sugli utili in calo o ferme, al massimo.

A questo punto, sembra proprio che sia il 10% dell’S&P 500 a resistere e contribuire a trainare su le stime sugli utili per l’intero mercato, con in testa energeticimateriali.

Potrebbe essere un problema per il mercato in vista dei risultati del secondo trimestre, perché non ci sarà spazio di errore, soprattutto dal settore energetico. Se il settore energetico dovesse deludere, potrebbe significare che l’inevitabile per l’S&P 500 è proprio dietro l’angolo.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.