Ultime Notizie
Chiusura
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Fai l’upgrade ora

Status quo per la BoE, occhi puntati su BCE e Draghi

Da Swissquote Europe Ltd (Ipek Ozkardeskaya)Valute06.03.2014 11:50
it.investing.com/analysis/status-quo-per-la-boe,-occhi-puntati-su-bce-e-draghi-15898
Status quo per la BoE, occhi puntati su BCE e Draghi
Da Swissquote Europe Ltd (Ipek Ozkardeskaya)   |  06.03.2014 11:50
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

La BoE e la BCE oggi annunceranno la loro decisione di politica monetaria, rispettivamente alle 12:00 GMT e alle 12:45 GMT. La Bank of England (BoE) dovrebbe mantenere invariati il tasso di riferimento, allo 0,50%, e l’obiettivo del programma di acquisto asset, a 375 mld di GBP. Invece, per quanto riguarda la decisione della BCE, le previsioni sono contrastate. La conferenza stampa del presidente della BCE Mario Draghi dovrebbe innescare un po’ di movimento sul prezzo dopo l’annuncio della decisione della BCE. Draghi parlerà alle 13:30 GMT.

Le colombe della BCE conquistano terreno, soprattutto ora che le tensioni in Ucraina sembrano sotto controllo. Ieri, l’EUR ha mostrato poco entusiasmo per il dato superiore alle attese riferito alle vendite al dettaglio di gennaio, l’espansione più rapida dei servizi nell’Eurozona a febbraio e le cifre preliminari positive sul PIL riferite al quarto trimestre. Gli investimenti in capitale fisso lordo sono aumentati dell’1,1% nel quarto trimestre (rispetto allo 0,6% rivisto del terzo trimestre), a compensare la contrazione dello 0,2% nella spesa pubblica; tuttavia, l’aumento dei consumi delle famiglie è rimasto debole, pari allo 0,1%. I dati sull’Eurozona ieri hanno fatto toccare inaspettatamente quota 1,3708 all’EUR/USD, segnale che l’attenzione è puntata sulla BCE, le attese propendono per una BCE colomba, il rischio legato agli eventi è elevato e sta aumentando il potenziale al ribasso per l’EUR.

Durante la riunione di politica di oggi, la BCE potrebbe potenzialmente procedere a un intervento concreto. In effetti, le pressioni disinflattive nell’Eurozona rappresentano una fonte di grande preoccupazione per la BCE e il presidente Draghi ha detto esplicitamente che i rischi aumentano con il prolungarsi di un periodo di bassa inflazione. Che cosa può fare la BCE per stimolare i prezzi nell’Eurozona? Quali sono le opzioni scontate dai mercati per la riunione di oggi?

In primo luogo, nelle ultime settimane/mesi i funzionari della BCE hanno accennato ripetutamente a tassi d’interesse negativi sui depositi. Secondo noi sarebbe una mossa troppo drastica, la BCE probabilmente si asterrà dal rendere negativi i tassi sui depositi, ora che gli ultimi rilevamenti PMI e IPC mostrano un lieve miglioramento. In secondo luogo, la BCE potrebbe abbassare ulteriormente il tasso principale di rifinanziamento. Anche se le probabilità di un intervento del genere sono molto basse, non è un intervento impossibile. In terzo luogo, la BCE potrebbe sospendere la sterilizzazione del programma SMP e iniettare così circa 180 mld di EUR nel mese di marzo, secondo noi questa è l’opzione più flessibile, agevole e realistica. Infine, la BCE potrebbe decidere di non fare nulla, accettando a tavolino di sostenere il rischio posto dall’attuale forza dell’EUR, che non favorisce le già fragili dinamiche di crescita.

A margine, un paragone fra il Giappone degli Anni Novanta e l’Eurozona rivela somiglianze importanti. Anche se Mario Draghi nega che ve ne siano, la riluttanza delle banche a concedere prestiti, il rafforzamento del tasso di cambio e una politica monetaria discutibile sollevano preoccupazioni sulla possibilità che l’Eurozona possa generare le dinamiche indesiderabili sviluppatesi in Giappone vent’anni fa.


Forex: rischio legato agli eventi per l’EUR, prevista azione contenuta sulla GBP

L’EUR/USD trova supporto sopra 1,3700; gli operatori hanno un approccio attendista. In caso di mancato intervento da parte della BCE, oggi la prevista impostazione accomodante di Draghi potrebbe non riuscire a fare scendere i cross con l’EUR. Dal punto di vista tecnico, gli indicatori di trend e momentum sono piatti; il pivot del MACD (a 12-26 giorni) si trova a 1,3725, una chiusura sotto questo livello suggerirebbe un’inversione in negativo del trend di breve periodo. I mercati delle opzioni mostrano prezzi contrastati prima della BCE. Le scommesse si mescolano fra 1,3595 e 1,3750 (livelli che corrispondono pressappoco al 61,8% e al 50% di Fibonacci sul ritracciamento di novembre e dicembre), sopra o sotto questi livelli la direzione diventerà più chiara. Per i prossimi giorni, in caso di sorprese positive per l’EUR/USD, discreti ordini per le opzioni dovrebbero formare un supporto sopra 1,3800/25. Tuttavia, se oggi si attiveranno gli orsi dell’EUR, dovremmo assistere all’intensificarsi dell’interesse a vendere sotto quota 1,3650/65. La coppia EUR/GBP continua a trovare buoni acquisti sopra 0,82000, gli indicatori tecnici sono marginalmente rialzisti, anche se considerevolmente più deboli. Il MACD entrerà in territorio negativo in caso di chiusura giornaliera inferiore a 0,82086, le offerte per le opzioni si susseguono sotto 0,82000 e, in caso di chiusura al ribasso, questo livello potrebbe trasformarsi in resistenza.

Stando all’indice Halifax di febbraio, nel Regno Unito i prezzi delle abitazioni sono aumentati al ritmo più veloce dal 2009. Anche se il governatore della BoE Carney ritiene che l’inflazione dei prezzi delle abitazioni non ricada fra le responsabilità della BoE, le conseguenti pressioni al rialzo sul tasso della BoE assicurano la domanda di GBP. Non prevediamo consistenti movimenti di prezzo per la GBP dopo l’annuncio della BoE. Gli indicatori di trend e momentum sono totalmente piatti. Il MACD (a 12-26 giorni) rimarrà in territorio positivo in caso di chiusura giornaliera superiore a 1,6716.

chart
chart

EURUSD L’EUR/USD si è recentemente indebolito attorno all’area della resistenza chiave tra 1,3832 (massimo 25/10/2013, vedasi anche la linea di tendenza a lungo termine in discesa), e 1,3893. I supporti orari possono essere trovati a 1,3694 (minimo 28/02/2014) e a 1,3643. A più lungo termine siamo favorevoli a una vasta gamma orizzontale tra 1,3296 (minimo 07/11/2013) e 1,3893 (massimo 27/12/2013). Tuttavia, monitorate la formazione potenziale del triangolo ascendente. Un’altra forte resistenza si trova a 1,4247 (massimo 27/10/2011).

GBPUSD La GBP/USD è ancora vista in una fase di consolidamento dopo il forte rialzo dal minimo a 1,6252. I supporti orari si attestano a 1,6641 e a 1,6617 (minimo 27/02/2014), mentre un supporto chiave si ubica a 1,6584. Le resistenze orarie possono essere trovate a 1,6769 e a 1,6823. A più lungo termine la struttura tecnica favorisce una propensione rialzista fintanto che il supporto a 1,6220 regge (minimo 17/12/2013). Una rottura decisa della resistenza a 1,6668 apre la strada a un movimento verso la resistenza maggiore a 1,7043 (massimo 05/08/2009). Tuttavia, un movimento sostenibile oltre tale livello è improbabile nelle prossime settimane.

USDJPY L’USD/JPY ha rotto la resistenza a 102,29 e sta attualmente sfidando la resistenza chiave a 102,70-102,83. Una rottura richiederebbe un ulteriore aumento verso la prossima resistenza chiave a 103.44. Supporti orari sono ubicabili a 102,24 (minimo infragiornaliero) e a 102,12. Una propensione rialzista di lungo periodo è favorita finché regge l'area del supporto chiave data dalla media mobile a 200 giorni (attorno a 100,21) e a 99,57 (vedasi anche la linea di tendenza in aumento dal minimo a 93,79 (13/06/2013). Un’importante resistenza si trova a 110,66 (massimo 15/08/2008).

USDCHF L’USD/CHF continua a rimbalzare e si sta ora avvicinando alla resistenza chiave a 0,8930 (massimo 26/02/2014, vedi altrettanto la linea di tendenza discendente). È necessaria una rottura di questo livello per un miglioramento significativo della struttura tecnica. Un supporto iniziale si trova attualmente a 0,8861 (minimo 05/03/2014). Un supporto orario si trova a 0,8825 (minimo 04/03/2014). In una prospettiva a più lungo termine la struttura presente da 0,9972 (24/07/2012) è vista come un’ampia fase correttiva che ha potenzialmente raggiunto il completamento. Tuttavia L'area di supporto, definita da 0,8931 (minimo 24/02/2012), e da 0,8833 favorisce un potenziale di formazione di base a medio termine. Tuttavia, monitorate il supporto chiave a 0,8800 (minimo 27/12/2013), con una rottura netta di questo livello che aprirebbe la strada a un ulteriore calo verso il prossimo supporto chiave a 0,8568 (minimo 27/10/2011).

Status quo per la BoE, occhi puntati su BCE e Draghi
 

Articoli Correlati

Status quo per la BoE, occhi puntati su BCE e Draghi

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (1)
luca D'Amuri
luca D'Amuri 06.03.2014 18:00
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
BCE immobile euro a 1,3850...Solo la Germania può reggere un livello simile.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Le nostre Apps
Scarica l'AppApp store
Investing.com
© 2007-2022 Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
  • Iscriviti GRATIS e ricevi:
  • Allerte in tempo reale
  • Portafoglio avanzato
  • Grafici personalizzati
  • App completamente sincronizzata
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email