Ricevi uno sconto del 40%
🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Utili a Wall Street: Mag7 +38%. Resto del listino -2%

Pubblicato 08.04.2024, 08:35
US500
-
MSFT
-
JPM
-
GOOGL
-
AAPL
-
AMZN
-
WFC
-
BLK
-
TSLA
-
GOOG
-

Prende il via questa settimana la stagione dei risultati del primo trimestre. La previsione indica una crescita degli utili dell’S&P500 del 3,9%, totalmente dovuta alle Magnificent Seven. Ma nel corso dell’anno le cose cambieranno 

Gli utili dell’S&P500 sono previsti in crescita del 3,9%

Inizia questa settimana la nuova stagione dei risultati delle società americane che diffonderanno i dati del primo trimestre dell’anno. L’appuntamento principale sarà venerdì 12 aprile con i conti di tre grandi banche, JP Morgan (NYSE:JPM), Wells Fargo (NYSE:WFC) e Citigroup, ma già nei giorni precedenti arriveranno le comunicazioni del colosso degli investimenti BlackRock (NYSE:BLK), della compagnia aerea Delta Airlines e di State Street, società di servizi per gli investimenti. 
Bloomberg ha sondato le previsioni degli economisti e le ha sintetizzate in un dato: +3,9%. A tanto ammonterà la crescita degli utili complessivi dell’S&P500 rispetto allo stesso periodo del 2023. Se l’orientamento positivo verrà confermato dai risultati delle 500 società che compongono il principale indice di Wall Street, sarà il secondo trimestre di fila di crescita, dopo ben tre trimestri di profitti in calo. 

I colossi Tech guidano la corsa


Ma l’esperienza insegna che le previsioni sugli utili  sono difficili. Ad esempio, lo scorso gennaio, pochi giorni prima dell’avvio della stagione degli utili del quarto trimestre 2023, un analogo sondaggio aveva fornito la previsione di un lieve aumento dei profitti di solo l’1%, che poi invece si è rivelata un robusto incremento dell’8%.
Secondo David Kelly, Chief global strategist di JPM Asset Management, a trainare la corsa saranno le grandi società del settore tech, la cosiddette Magnificent Seven (Apple (NASDAQ:AAPL), Microsoft (NASDAQ:MSFT), Alphabet (NASDAQ:GOOGL), Amazon (NASDAQ:AMZN), Nvidia, Meta e Tesla (NASDAQ:TSLA)), dalle quali ci si attende una crescita complessiva dei profitti del 38% rispetto al primo trimestre dell’anno scorso. Nel complesso, le restanti 493 società dell’S&P500 dovrebbero registrare un calo degli utili del 2%. La media fra questi due insiemi dovrebbe essere vicina al +3,9% indicato dal sondaggio di Bloomberg.


Source: JPMorgan Asset ManagementSource: JPMorgan Asset Management
Gli economisti prevedono che questa enorme sproporzione fra Mag7 e resto del listino andrà riducendosi nei trimestri successivi, fino ad avere una situazione ribaltata nell’ultimo periodo dell’anno, da ottobre a dicembre, quando gli utili delle Mag7 cresceranno del 15% e quelli del resto dell’S&P500 del 18%. A questo risultato contribuirà l’attesa discesa dei tassi, che avrà fra gli altri effetti positivi quello di spingere la domanda  di beni di consumo.

Previsti profitti in calo per Apple e Tesla


Nella tabella qui sotto riportiamo le stime di crescita degli utili delle Mag7 nel primo trimestre 2024 secondo il consensus di Market Screener.
tabella

L’analisi di Bloomberg Intelligence dice che nel corso dell’anno si assisterà a un’accelerazione dei profitti soprattutto nei settori farmaceutico, dell’energia e delle utility. In generale le società americane godono di una buona situazione finanziaria, con ampia disponibilità di liquidità e free cash flow elevati, per cui è probabile che gli annunci dei risultati saranno completati da un aumento dei dividendi e dei buyback. 

Stimato in crescita il margine operativo dell’S&P500


Un indicatore importante per gli investitori, in grado di influenzare l’andamento delle quotazioni nei prossimi mesi, sarà il margine operativo. Secondo il sondaggio di Bloomberg, i margini operativi dell'S&P 500 dovrebbero migliorare nei prossimi trimestri. Il divario tra l'aumento dei prezzi al consumo e dei prezzi alla produzione si è ridotto in modo significativo nell'ultimo anno grazie al taglio dei costi aziendali che ha fatto aumentare gli utili e all'inaspettato boom dell'intelligenza artificiale. Gli analisti vedono ora un margine operativo medio dell’S&P500 per il primo trimestre al 15%.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.