Dave & Buster’s Entertainment (PLAY)

NASDAQ
34,88
+0,76(+2,23%)
  • Volume:
    595.856
  • Denaro/Lettera:
    0,00/0,00
  • Min-Max gg:
    33,04 - 35,02
  • Tipologia:Azione
  • Mercato:Stati Uniti
  • ISIN:US2383371091
  • CUSIP:238337109

PLAY Panoramica

Chiusura prec.
34,12
Min-Max gg
33,04-35,02
Ricavi
1,08B
Apertura
34,27
52 settimane
29,83-51,73
EPS
0,49
Volume
595.856
Cap. mercato
1,68B
Dividendo
N/A
(N/A)
Volume Medio (3m)
1.288.186
Ratio Prezzo/Utile
69,23
Beta
1,93
Variazione su 1 anno
0,86%
Azioni in circolazione
48.422.820
Prossima Data Utili
28 mar 2022
Dave & Buster’s Entertainment: qual è il tuo sentimento?
o
Vota per vedere i risultati su cosa ne pensano gli utenti!

Dave & Buster’s Entertainment Profilo Aziendale

Tipo
5 min
15 min
Ogni ora
Giornaliero
Mensile
Media mobileCompraNeutraleVendiVendi AdessoVendi
Indicatori tecniciCompraCompra AdessoCompra AdessoVendi AdessoVendi
RiassuntoCompraCompraNeutraleVendi AdessoVendi
  • su 'Market Miracle Advisor' è stato fornito un segnale di acquisto con un target di profitto del 15 % raggiungibile in 30 giorni. Dicono che stanno gli investitori professionali stanno acquistando e gli istituzionali stanno riducendo le posizioni short quindi nel medio / lungo periodo il prezzo dovrebbe salire Mi sembra una buona opportunità, voi che cosa ne pensate ?
    0
    • non credo proprio , c'è da pazientare...
      0
      • fallirà..??
        1
        • sembra che ci sia una notizia di bancarotta
          0
        • Marco La Roccasolo notizia o possibilità reale...?
          0
      • risalirà ai suoi livelli iniziali?
        3
        • Secondo voi storna lunedi?
          0
          • Il coronavirus manda in fumo ben 43,5 milioni di dollari di ricavi per la popolare catena di intrattenimento Dave & Buster che al termine del primo trimestre 2020 registra 159,8 milioni di dollari di ricavi rispetto ai 363,6 milioni di dollari registrati in precedenza, in quanto la sua attività è stata a dir poco devastata dal virus Covid-19. La società riferisce di aver riaperto 28 dei suoi 137 punti vendita negli Stati Uniti durante la scorsa settimana, mentre durante quella corrente sono state raggiunte le 48 aperture in 15 stati. Ma la perdita si fa sentire, soprattutto in termini di Ebitda, che è stata di 26,1 milioni di dollari rispetto agli 88,9 milioni di dollari nello stesso periodo dello scorso anno. Il Ceo del gruppo, Brian Jenkins, spiega: "In risposta a questa sfida assolutamente senza precedenti, il nostro team di leadership ha agito in modo ponderato e deciso. Innanzitutto, ci siamo concentrati sull'estensione dell'orizzonte di liquidità dell'azienda attraverso sforzi a
            0
            • entrato ieri..
              0
              • Io domani primo ingresso
                0
                • Ne ho parecchi... mi darà soddisfazioni....
                  0
                  • Ma questo titolo non se lo fila nessuno??
                    0
                    • Io io , l'ho scoperto oggi;) se hai titoli interessanti ti seguo hihihi
                      0
                  Disclaimer: Fusion Media avvisa che i dati contenuti in questa pagina non sono necessariamente in tempo reale. Tutti i prezzi relativi a CFD (azioni, indici e future), criptovalute e Forex non sono forniti dalle borse ma dai market mover, quindi i prezzi possono non essere del tutto accurati e possono differire dagli attuali prezzi di mercato. Pertanto, i prezzi sono da considerarsi solo indicativi e non adatti per fini di trading. Fusion Media, dunque, non assume alcuna responsabilità per eventuali perdite di capitale causate dall’uso di questi dati.
                  Fusion Media o chiunque sia coinvolto con Fusion Media non accetta alcuna responsabilità per perdite o danni risultanti dall’uso delle informazioni quali quotazioni, grafici, segnali di buy/sell presenti nel sito. Si prega di informarsi correttamente circa i rischi e i costi associati al trading relativo ai mercati finanziari, uno degli investimenti considerati a maggior rischio.
                  La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.