Ultime Notizie
Ricevi uno sconto del 40% 0
🔎 Scopri le scelte azionarie di Warren Buffett che stanno battendo l'S&P 500 del +174,3% Ottieni il 40% di sconto

Greggio, prezzi stabili dopo crollo, tagli Opec+ non convincono

Pubblicato 01.12.2023 13:43
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters. Una veduta aerea mostra i serbatoi di petrolio dell'operatore dell'oleodotto Transneft presso il terminal di greggio Kozmino sulla riva della baia di Nakhodka, vicino alla città portuale di Nakhodka, Russia, 13 giugno 2022. REUTERS/Tatiana Meel/Foto d'ar
 
CL
+1,98%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

(Reuters) - I prezzi del greggio sono sostanzialmente stabili, dopo il calo del 2% di ieri, con il mercato che sembra non essere convinto che l'ultima serie di tagli alla produzione da parte dell'Opec+ sia in grado di risollevare i prezzi dalla recente flessione.

Alle 13,15 i futures sul Brent per febbraio salgono di 32 centesimi, o dello 0,4%, a 81,18 dollari il barile, nel loro primo giorno come contratto Ice Brent front-month.

I futures sul West Texas Intermediate (WTI) salgono di 24 centesimi, o dello 0,32%, a 76,2 dollari.

I produttori dell'Opec+ hanno concordato ieri un taglio di circa 2,2 milioni di barili al giorno (bpd) di petrolio nel primo trimestre del prossimo anno, compreso il rinnovo degli attuali 1,3 milioni di bpd di tagli volontari di Arabia Saudita e Russia.

L'Opec+, che pompa oltre il 40% del petrolio globale, si sta concentrando sulla riduzione della produzione alla luce della discesa dei prezzi dai circa 98 dollari di fine settembre a causa dei timori di una crescita economica più debole nel 2024.

Tuttavia, il mercato ha accolto la notizia con scetticismo e confusione, a causa dei timori sulla affidabilità degli impegni, per la natura volontaria delle riduzioni, e delle precedenti aspettative degli investitori di tagli più importanti.

Gli investitori stanno anche osservando gli elementi macroeconomici sfavorevoli sul fronte della domanda.

A novembre i dati sull'attività industriale a livello globale sono rimasti deboli a causa della scarsa domanda, come dimostrano i sondaggi, mentre la zona euro ha continuato a contrarsi e sono emersi segnali contrastanti sull'economia cinese.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Claudia Cristoferi)

Greggio, prezzi stabili dopo crollo, tagli Opec+ non convincono
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (1)
Massimo Caputo
Massimo Caputo 02.12.2023 15:01
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Chissà perché nessuno scrive che il calo del petrolio è dovuto in buona parte alla sospensione delle sanzioni contro il Venezuela e alla conseguente immissione del suo petrolio sul mercato internazionale.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email