Ricevi uno sconto del 40%
🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Sterlina rimbalza dopo notizia su nuovi acquisti dalla BoE

Pubblicato 12.10.2022, 06:56
GBP/USD
-
GB10YT=RR
-

Di Ambar Warrick

Investing.com – La sterlina rimbalza questo mercoledì dopo la notizia secondo cui Banca d’Inghilterra avrebbe segnalato ai banchieri che potrebbe estendere il suo programma di acquisto di obbligazioni oltre la scadenza di venerdì se le condizioni di mercato lo richiedessero.

La sterlina è salita dello 0,3% a 1,0991, ribaltando le perdite della notte e superando brevemente il livello di 1,1.

Il Financial Times ha riportato che la banca centrale ha segnalato privatamente ai banchieri che potrebbe spingere il suo programma di emergenza di acquisto di obbligazioni oltre la scadenza di venerdì, citando fonti informate sui fatti.

La notizia contrasta con la scadenza del 14 ottobre fissata dal governatore Andrew Bailey, che martedì ha avvisato i fondi pensione di avere ancora tre giorni per risolvere i problemi.

L’avvertimento di Bailey ha fatto crollare la sterlina ai minimi di due settimane martedì, in quanto i mercati temevano che il ritiro del sostegno al debito potesse mettere ulteriormente sotto pressione i gestori di fondi che stavano subendo un forte selloff di gilt.

Il rendimento dei decennali è salito  dello 0,8% a 4,4750 alla chiusura di martedì.

La crisi del debito del Regno Unito è stata innescata dalle preoccupazioni per i nuovi tagli fiscali annunciati dal ministro delle Finanze Kwasi Kwarteng, nominato di recente. Gli investitori dubitavano che il governo disponesse di un margine fiscale sufficiente per finanziare tali tagli fiscali, dato che è già alle prese con un’inflazione elevata e una spesa eccessiva a causa della pandemia di COVID-19.

La notizia dei tagli fiscali proposti ha spinto la sterlina ai minimi storici il mese scorso e ha provocato una vendita generalizzata di gilt, portando i rendimenti ai massimi storici. Ciò ha costretto la BoE a intervenire sui mercati con un programma da 65 miliardi di sterline per sostenere i prezzi delle obbligazioni. La mossa è andata in contrasto con le operazioni di inasprimento monetario compiute dalla banca per controllare l’inflazione.

I mercati attendono ora i dati sul PIL del Regno Unito in agenda nel corso della giornata, alla ricerca di nuove indicazioni sullo stato di salute dell’economia del Paese.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.