Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

Mercati: altro che recessione, nel 2024 crescita al rialzo secondo Amchor IS

Pubblicato 08.01.2024, 11:04
Aggiornato 08.01.2024, 11:04

Investing.com – Altro che recessione, “se il significativo allentamento delle condizioni finanziarie registrato negli ultimi mesi si rivelasse persistente, le nostre previsioni di crescita economica per il 2024 dovrebbero essere riviste al rialzo”, parola di Alvaro Sanmartin, chief economist di Amchor IS.

Nel dettaglio, per gli Stati Uniti, al posto di un rallentamento più o meno sensibile, l’esperto prevede “tassi di crescita che potrebbero addirittura superare il 2%”. Nell'Eurozona, invece, “l'attività potrebbe accelerare sensibilmente, fino a raggiungere tassi di crescita economica nettamente superiori all'1%”.

Rischi al rialzo per l’inflazione

Per quanto riguarda l'inflazione di fondo, secondo Sanmartin, “sebbene sia probabile che continui a diminuire nel breve termine, sembra anche chiaro che, ancora una volta, una domanda aggregata più forte, a seguito del rinnovato allentamento delle condizioni finanziarie, genererebbe alcuni rischi al rialzo per l'andamento dei prezzi nel corso di quest’anno”.

Performance interessanti nelle economie emergenti

Per il resto, al di fuori dell'Europa e degli Stati Uniti, l’economista per il 2024 vede performance macro interessanti nelle economie emergenti, “tra cui la Cina, dove potremmo assistere a una crescita di circa il 5%”, e la Banca del Giappone “che compie ulteriori passi verso la normalizzazione della politica monetaria, anche se lentamente e solo quando sarà confermato uno slancio salariale sufficientemente forte”.

In termini di posizionamento sui mercati, rivela il gestore, “manteniamo posizioni caute ma costruttive nell'azionario (soprattutto in Europa e nei mercati emergenti, con una preferenza per le posizioni cicliche/value); una visione ragionevolmente costruttiva sul credito e sul debito emergente in valuta locale e, ancora una volta, una forte preferenza per la duration, con una chiara propensione per la parte breve delle curve”.

L’allentamento delle condizioni finanziarie

“Nell'ultima parte del 2023 – ricorda Sanmartin - abbiamo assistito a un significativo allentamento delle condizioni finanziarie a livello globale: i tassi dei titoli di Stato a lungo termine sono diminuiti sensibilmente, anche gli spread di credito hanno continuato a restringersi e abbiamo assistito a un comportamento molto rialzista dei mercati azionari.

Sia negli Stati Uniti sia nell'Eurozona, i fondamentali della domanda aggregata rimangono solidi: i bilanci delle famiglie e delle imprese sono generalmente sani; i salari crescono in termini reali; i livelli di disoccupazione rimangono molto bassi, generando sicurezza del posto di lavoro e desiderio di consumare; non vi è un significativo eccesso di offerta in nessun settore, il che tende a limitare il rischio di ribasso per quanto riguarda l'evoluzione degli investimenti delle imprese; la prevedibile fine dell'aggiustamento al ribasso delle scorte industriali potrebbe rilanciare l'attività in questo segmento di attività per tutto l'anno; la spesa pubblica associata alla transizione ecologica e alla difesa rimarrà prevedibilmente forte.

Tagli dei tassi meno ambiziosi del previsto nel 2024

In questo contesto di solida domanda aggregata e, molto probabilmente, di un output gap chiaramente positivo, un eccessivo e persistente allentamento delle condizioni finanziarie nel tempo potrebbe mettere a rischio il rapido processo di disinflazione in cui è attualmente immersa la grande maggioranza delle economie sviluppate”, spiega l’analista.

“Alla luce di tutto ciò – ragiona -, è abbastanza probabile che i tagli dei tassi che potremmo vedere nel corso del 2024 da parte delle banche centrali finiranno per essere molto meno "ambiziosi" di quanto attualmente scontato. A sua volta, è anche prevedibile che questo minore "attivismo monetario" sarà accompagnato da revisioni al rialzo delle stime dei tassi neutrali, sia a breve sia a lungo termine”.

View di mercato

Delineato il quadro macro nel quale gli investitori dovranno opera nel 2024, Sanmartin passa a delineare l’outlook dell’anno prossimo.

Titoli di Stato

“Dopo il forte calo dei tassi a lungo termine sia negli Stati Uniti sia in Europa, siamo ancora una volta molto cauti nei confronti del rischio di duration e preferiamo quindi concentrare le nostre esposizioni sulla parte breve della curva. Per quanto riguarda il Giappone, prevediamo che il rendimento dei titoli decennali tenderà a salire sensibilmente tra 3-6 mesi”.

Azioni

“Poiché i dati macro sembrano suggerire che non sia imminente una recessione né negli Stati Uniti né in Europa e in un contesto in cui pensiamo che i tassi reali rimarranno ragionevolmente elevati su base strutturale, continuiamo a ritenere che il segmento di mercato value/ciclico, comprese le banche europee, dovrebbe fare meglio di quello growth/difensivo. Dal punto di vista geografico, alla luce di quanto sopra e dei livelli di valutazione relativi, preferiamo i mercati europei e asiatici a quelli statunitensi”.

Credito

“Continuiamo a preferire le obbligazioni societarie perché nel nostro scenario macro centrale i tassi di default non dovrebbero aumentare troppo. In ogni caso, dato che gli spread non sono particolarmente elevati, continuiamo a ritenere che abbia senso combinare l'esposizione al credito con posizioni ben selezionate in titoli di Stato emergenti in valuta locale. Quest'ultima classe d'investimento ci attrae per due motivi principali: in primo luogo, perché offre ottime prospettive di rendimento, soprattutto in termini di carry, ma forse anche grazie a possibili movimenti di apprezzamento dei tassi di cambio; in secondo luogo, perché attualmente esiste un gruppo di Paesi emergenti per i quali prevediamo elevati tassi di crescita relativa e che beneficiano anche di una solida governance economica, di bassi deficit pubblici e di un'inflazione ragionevolmente bassa. Queste caratteristiche, a nostro avviso, fanno sì che l'esposizione al debito in valuta locale di questi Paesi sia oggi meno rischiosa di quanto possa sembrare a prima vista”.

Valute

“Continuiamo a detenere solo posizioni moderate in dollari perché riteniamo che il differenziale di crescita tra Stati Uniti ed Europa si ridurrà sensibilmente nel 2024. Allo stesso tempo, manteniamo una visione positiva su valute come corona norvegese, dollaro neozelandese e dollaro australiano. Continuiamo inoltre a preferire le valute dei mercati emergenti con una buona governance macro e prospettive di crescita economica favorevoli (real brasiliano, rupia indiana, peso messicano, rupia indonesiana). Inoltre, visti i buoni segnali macro che il Giappone sta generando, riteniamo che lo yen, in dosi prudenti, possa rappresentare una buona posizione di protezione per i prossimi mesi”.

Informazioni PRO

Ecco i nostri consigli sulle azioni preferite a gennaio 2024.

Potete iscrivervi gratuitamente al prossimo webinar del 10 gennaio "Identificare potenziali inversioni di tendenza e punti di ingresso/uscita" a QUESTO LINK.

Inoltre, scopri come Battere S&P 500 con azioni selezionate dall’Intelligenza Artificiale grazie al nostro ultimo strumento ProPicks.

CODICE SCONTO

Per analisi approfondite su oltre 180.000 titoli e per accedere a tutte le funzioni di InvestigPro clicca su QUESTO LINK: scegliendo il piano biennale otterrai un ulteriore sconto sul piano full!

Ultimi commenti

una incredibile crescita economica nettamente superiore al 1% ???
quando si fa uso di sostanza allucinogeni, escono questi articoli.
spiegatemi meglio. la morale non vogliono più fare i tagli di interesse ???
Qui non c'è domani. Qando sono in utile ,porto a casa .
Ma in che film...forse Usa e resto UE non certo P.zza Affari con investirori lobbisti e analisti che ci azzeccano per caso...forse...
👍
Questi analisti suppongono che le persone credano a tutte le loro frottole. Dovrebbero spiegare come si farà l'economia a crescere con prezzi al consumo oramai rincarati del 30% e costo del credito al picco del 20% sulle carte revolving, l'inflazione potrà rimanere stabile al 3% ma il costo della vita non si abbasserà sia in USA come in EU. Certo per i redditi medio alti non si pone il problema ma per il 70% dei consumatori saranno necessari tagli e rinunce.
Basta fate il contrario come ho sempre fatto per guadagnare
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.