Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Crisi chip, CNH chiude stabilimenti in Europa

Mercato azionario14.10.2021 09:43
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Di Alessandro Albano 

Investing.com - CNH Industrial (MI:CNHI) non si salva dalla crisi di semiconduttori che sta attanagliando l'economia globale, un giorno dopo l'annuncio di Apple (NASDAQ:AAPL) di un taglio alla produzione di 10 milioni di nuovi iPhone per problemi sulle forniture di chip.

Il gruppo quotato a Milano e New York ha comunicato che chiuderà "temporaneamente diversi dei propri siti produttivi di macchine agricole, veicoli commerciali e sistemi di propulsione in Europa", come diretta conseguenza "delle interruzioni alla catena di fornitura e alla carenza di componenti chiave, in particolar modo semiconduttori", si legge nella nota diffusa. 

La società dei veicoli industriali, spiega la stessa, rivede "costantemente i propri piani di produzione per rispondere a questo contesto altamente volatile" e programma di chiudere gli impianti interessati "per non più di otto giorni lavorativi nel mese di ottobre", con l’Azienda che "rimane costantemente impegnata a ottimizzare le operazioni produttive al fine di rispondere alla continua forte domanda".

Crisi chip colpisce più del Covid

Nella galassia Agnelli, anche Stellantis (MI:STLA) sta soffrendo molto per il contesto globale dei semiconduttori che, secondo le stime della società, causerà un calo della produzione di 1,4 milioni di vetture e la riduzione di importanti siti produttivi come Cassino, Pomigliano e Melfi.

Come comunicato dal sindacato Uilm ad inizio ottobre, il sito produttivo di Mefli funzionerà per soli 6 giorni ad ottobre, con una produzione di soli 8.000 veicoli e altrettanti problemi per i 7.300 dipendenti, mentre secondo la fotografia scattata da Fim e Cisl la produzione di autovetture sarà superiore del solo 14,2% rispetto al 2020.

“Un dato - ha spiegato Ferdinando Uliano, segretario della Fim prima dell'incontro con il Mise avvenuto lunedì - che è in negativo rispetto al 2019, anno prepandemico, con un calo del 16,3% rispetto al 2019. Per la prima volta sono negativi anche i veicoli commerciali, cosa mai successa negli ultimi 12 anni".

"La sofferenza riscontrata nei primi 6 mesi del 2021 - ha aggiunto il segretario - si è aggravata nell’ultimo trimestre causando numerosi blocchi produttivi che stanno colpendo più del lockdown del 2020". A salvarsi, ha precisato Uliano, è il polo torinese e "in particolare la produzione della 500e, che non può fermarsi per i vincoli sul Co2, per evitare le salatissime sanzioni”.

Crisi chip, CNH chiude stabilimenti in Europa
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (3)
Jover Serafino
Jover Serafino 14.10.2021 14:59
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Già prima devono sbarazzarsi delle migliaia e dozzina di migliaia di auto a combustione per vendere tutte le macchine che saranno obsolete per la scusa dei microchip mandando la colpa sempre a qualcuno per i loro interessi interni
Emanuele Paris
Bigmème 14.10.2021 10:40
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
i concessionari non stanno più prendendo ordinazioni, le consegne sono rimandate, ed intanto stellantis è sui massimi di periodo! ..non c'è nulla da fare... in economia e nella finanza nulla si crea. Aspettiamo la trimestrale e vediamo come risponderà il titolo, però mi chiedo: quelli che oggi comprano stellantis cosi come tutti i titoli automotive sanno che ancora mesi e sine die, non si tornerà alla produzione potenziale? ..non ci si lamenti poi se il settore crolla
Daniele Intorcia
Daniele Intorcia 14.10.2021 10:40
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
ma se la vedo a 10 giorni probabile rosso fuoco.... ma da qui a 7 anni l investimento vale
Rim Sev
Rim Sev 14.10.2021 10:40
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Buongiorno, se in economia e finanza nulla si crea allora tutto si trasforma?
angelo luca Iannaccone
angelo luca Iannaccone 14.10.2021 10:40
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
concordo al 100% , solo bolle speculative finanziarie , stellantis ormai ha stabilimenti fantasma, persone che conoscono e lavorano come dipendenti in uno stabilimento vicino da me dicono che non producono più nulla , le uniche novità sono un aumento dei licenziamenti e una dismissione continua della capacità produttiva, prima o poi la bolla speculativa esploderà
Urio Inzolia
Urio Inzolia 14.10.2021 10:40
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Sui massimi ?In quale film ?Era a 20 non molto tempo fa o era un'impressione ?Allora si vende visto che è al massimo ?Mahhhh
Emanuele Paris
Bigmème 14.10.2021 10:40
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Urio Inzolia  difatti, ho scritto, massimo di periodo... avrei dovuto chiedere: "di che periodo parli"? ..diversamente la mia dicitura è corretta
AA VV
AA VV 14.10.2021 10:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Netlist...il futuro
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email