Sblocca dati premium: Fino al 50% di sconto InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Il caso SVB è chiuso, ma non si ferma la richiesta di liquidità delle banche

Pubblicato 31.03.2023, 08:53
© Reuters
GS
-

Di Yasin Ebrahim 

Investing.com - Sono diminuiti le richieste delle banche all'interno della cosiddetta discont window della Federal Reserve rispetto ai livelli record la scorsa settimana, ma dall'altra parte è accelerato il ritmo dei prestiti dal nuovo programma della banca centrale, secondo i dati pubblicati giovedì dalla Fed.

Nella settimana terminata mercoledì, le banche hanno preso in prestito una media di 105 miliardi di dollari overnight, in calo di 12 miliardi di dollari rispetto al precedente record di 117 miliardi di dollari della settimana precedente. 

Le richieste restano quindi ancora elevate, ma il rallentamento registrato in questa finestra di sconto - un programma che offre prestiti overnight, sebbene solitamente evitato dalle banche in quanto se sfruttato tende a segnalare difficoltà - indica un attenuamento dei timori per una crisi diffusa nel settore bancario.

Al contrario, i prestiti richiesti tramite il Bank Term Funding Program della Fed, un nuovo programma di prestiti di emergenza lanciato dopo il crollo della Silicon Valley Bank, hanno preso piede balzando da 10,7 miliardi di dollari a 64,4 miliardi di dollari.

Dati contrastanti che evidenziano come se da una parte siano raffreddate le preoccupazioni dall'altra segnala come le banche stiano correndo per recuperare liquidità  e garantire quindi i depositi dei propri clienti in un momento in cui sono attese nuove normative sui prestiti. 

Giovedì il presidente Joe Biden ha invitato le autorità di regolamentazione a intensificare la supervisione sulle banche, esortandole a ripristinare quelle regole che sono state annullate dall'amministrazione Trump in seguito al crollo della Silicon Valley Bank e della Signature Bank.

Gli investitori stanno osservando da vicino le tendenze dei prestiti bancari e dei flussi di deposito per valutare la salute del settore bancario, dopo che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha accennato la scorsa settimana che condizioni di credito più restrittive potrebbero "sostituire gli aumenti dei tassi".

"[Stiamo] guardando cosa sta succedendo tra le banche e chiedendoci, ci sarà un inasprimento delle condizioni del credito?" Powell ha detto alla conferenza stampa del 22 marzo. “E poi ci stiamo pensando come fare effettivamente la stessa cosa che fanno gli aumenti dei tassi. Quindi, in un certo senso, ciò sostituisce gli aumenti dei tassi", ha aggiunto.

"Continuiamo ad aspettarci un freno dallo 0,25% allo 0,5% sulla crescita del PIL nel 2023 a causa di un calo del credito bancario", ha affermato Goldman Sachs (NYSE:GS), aggiungendo che l'impatto porterà probabilmente a "investimenti aziendali più deboli da parte del settore manifatturiero, immobiliare commerciale e dell'informazione settori”.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.