Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Italia, per Bce balzo spread giustificato ma raffreddare dibattito su Pepp - fonti

Pubblicato 09.10.2023, 14:23
Aggiornato 09.10.2023, 15:09
© Reuters. Insegna all'esterno dell'edificio della Banca centrale europea (Bce) a Francoforte, Germania, 21 luglio 2022. REUTERS/Wolfgang Rattay

di Balazs Koranyi e Francesco Canepa

FRANCOFORTE (Reuters) - I banchieri centrali della Bce ritengono che il recente balzo dei rendimenti dei titoli di Stato italiani sia giustificato dalla revisione al rialzo delle stime sul deficit da parte del governo, ma lo considerano un segnale di allarme che dovrebbe raffreddare il dibattito sulla fine dei reinvestimenti in ambito Pepp.

E' quanto hanno riferito sei fonti.

I rendimenti dei titoli di Stato italiani la scorsa settimana sono saliti sulla scia delle copiose vendite da parte degli investitori, provocando un allargamento del premio al rischio con la controparte tedesca al massimo di dieci mesi dopo che il governo a guida Giorgia Meloni ha deciso di alzare le stime sul deficit per quest'anno e i prossimi.

Poiché rendimenti più alti fanno salire la spesa per i costi di finanziamento, l'ondata di vendite ha sollevato dubbi sulla sostenibilità nel lungo periodo dell'enorme debito pubblico italiano.

Questa situazione ha spinto alcuni investitori e analisti a ipotizzare che la Bce possa essere costretta a intervenire per tenere a bada i mercati ed evitare la cosiddetta frammentazione, ovvero quando i costi di finanziamento di un certo Paese della zona euro non sono più in linea con quelli degli altri.

Dalle conversazioni con sei fonti a diretta conoscenza della discussione è emerso che cinque di loro non hanno fretta di intervenire, in parte perché considerano i problemi dell'Italia per lo più questioni provocate dalla politica interna e perché ritengono che la reazione finora dimostrata dai mercati sia proporzionata.

Tutte le fonti hanno chiesto l'anonimato.

"Credo che i problemi dell'Italia siano provocati da Roma, pertanto la reazione dei mercati è abbastanza giustificata. Ma c'è una lezione da annotare: la flessibilità del Pepp è preziosa e non dovremmo rinunciarci senza un'analisi approfondita", ha spiegato una delle fonti.

La Bce lo scorso anno ha chiuso il programma Pepp, lanciato durante la pandemia da Covid, ma ha detto che i reinvestimenti sarebbero continuati almeno fino alla fine del 2024.

Francoforte ha modificato le regole di questo programma in modo che i reinvestimenti - definiti dalla presidente Bce, Christine Lagarde, la prima linea di difesa in caso di turbolenza sui mercati - possano essere indirizzati verso quei Paesi che affrontano un aumento sproporzionato dei rendimenti.

Solo una delle fonti ha detto che lo spread Italia-Germania, che recentemente ha superato i 200 punti base, sta raggiungendo un livello in cui potrebbe valere la pena prendere in considerazione ulteriori acquisti di titoli di Stato.

© Reuters. Insegna all'esterno dell'edificio della Banca centrale europea (Bce) a Francoforte, Germania, 21 luglio 2022. REUTERS/Wolfgang Rattay

Tuttavia, questo non appare un punto di vista ampiamente condiviso.

Un portavoce della Bce non ha commentato.

(Versione italiana Sara Rossi, editing Sabina Suzzi)

Ultimi commenti

Quindi EUR/CHF sell e CHF/JPY buy
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.