Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

Le azioni di ExxonMobil, Chevron e ConocoPhillips in calo dopo il taglio del prezzo del petrolio saudita

EditorRachael Rajan
Pubblicato 08.01.2024, 19:57
Aggiornato 08.01.2024, 19:57
© Reuters.

NEW YORK - Le azioni delle principali compagnie petrolifere ExxonMobil (NYSE:XOM), Chevron e ConocoPhillips (NYSE:COP) hanno subito un calo in seguito all'annuncio dell'Arabia Saudita di tagliare i prezzi di esportazione del petrolio di 2 dollari al barile. La decisione di uno dei più grandi esportatori di petrolio al mondo ha provocato un'ondata di ribassi sul mercato, con un conseguente calo significativo dei benchmark del greggio. Il greggio West Texas Intermediate (WTI) è sceso di oltre il 4% a poco meno di 71 dollari, mentre il Brent è sceso del 3,5% a circa 76 dollari al barile.

I prezzi delle azioni di ExxonMobil, Chevron e ConocoPhillips ne hanno risentito: le azioni di ExxonMobil sono scese del 2,68%, quelle di Chevron dell'1,65% e quelle di ConocoPhillips del 2,84%. Questa flessione si è verificata nonostante i recenti upgrade delle società di servizi finanziari Truist e Piper Sandler, che avevano alzato gli obiettivi di prezzo di queste major petrolifere in previsione di prezzi del petrolio stabili o in miglioramento.

Nonostante la reazione immediata del mercato, gli analisti rimangono ottimisti sulle prospettive del settore petrolifero. Truist prevede che il greggio WTI avrà una media di 78 dollari al barile nel 2024 e sottolinea i sostanziali rendimenti che queste società hanno generato in precedenza. Collettivamente, ExxonMobil, Chevron e ConocoPhillips hanno guadagnato 55,5 miliardi di dollari e le proiezioni indicano che i profitti potrebbero raggiungere circa 74 miliardi di dollari per l'anno in corso se i prezzi del petrolio si stabilizzeranno.

Gli analisti sottolineano anche la potenziale sottovalutazione dei titoli energetici, dato l'attuale rapporto prezzo/utili (P/E). Gli analisti consigliano agli investitori di mantenere le loro partecipazioni durante le fluttuazioni del mercato, segnalando di credere nella capacità di recupero e nella redditività a lungo termine del settore energetico nonostante la volatilità dei prezzi a breve termine.

Questo articolo è stato generato e tradotto con il supporto dell'intelligenza artificiale e revisionato da un redattore. Per ulteriori informazioni, consultare i nostri T&C.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.