Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Musk fa ricorso per mettere fine al controllo della SEC sul suo profilo Twitter

Pubblicato 15.06.2022, 16:54
Aggiornato 15.06.2022, 16:44
© Reuters.

Di Michael Elkins

Il CEO di Tesla (NASDAQ:TSLA), Elon Musk, questo mercoledì ha presentato ricorso contro il rifiuto di un giudice di mettere fine ad un accordo del 2018 con la U.S. Securities and Exchange Commission. L’accordo era scaturito da una causa con i regolatori federali circa delle dichiarazioni fuorvianti postate da Musk su Twitter. Musk aveva scritto di avere i fondi per privatizzare la società.

La sentenza prevedeva che Musk si dimettesse da presidente del consiglio di amministrazione, pagasse 20 milioni di dollari di multa e rispettasse le nuove procedure della società per qualsiasi nuova comunicazione legata a Tesla, comprese quelle tramite il suo profilo Twitter. In base alle nuove procedure, un avvocato di Tesla deve controllare i tweet che potrebbero contenere informazioni importanti sulla società prima che possano essere pubblicati.

Musk ha reso noto che chiederà alla Corte d’Appello del II Circuito degli Stati Uniti a Manhattan di ribaltare la decisione di aprile del giudice distrettuale Lewis Liman a favore dell’accordo.

A marzo Musk aveva chiesto al giudice Liman di mettere fine al decreto di autorizzazione. Musk ha dichiarato di essere stato costretto all’accordo con la SEC, affermando di “non aver mai mentito agli azionisti” col suo tweet.

Secondo il giudice Linman, “Musk, accettando il decreto di autorizzazione nel 2018, ha accettato anche la clausola riguardante la pre-approvazione di qualunque comunicazione scritta che contenga, o possa contenere, informazioni importanti per Tesla o i suoi investitori”.

“Ora non può lamentarsi che questa clausola viola i diritti del Primo Emendamento. La tesi di Musk che la SEC abbia usato il decreto per vessarlo e per analizzare le sue parole è infondata e, in questo caso, particolarmente ironica”, aggiunge.

Musk al momento è in trattativa per acquisire Twitter per 44 miliardi di dollari. L’accordo è sospeso e ci si chiede se verrà mai concluso, considerate le critiche dello stesso Musk riguardo ai problemi con i bot di Twitter.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.