1 titolo da comprare, 1 da vendere questa settimana: Caterpillar, Peloton

Pubblicato 30.01.2023, 11:30
DJI
-
CAT
-
IXIC
-
PTON
-
  • Riflettori accesi su decisione sui tassi della Fed, utili delle mega-cap tech e report sull’occupazione USA.
  • Le azioni di Caterpillar sono un buy grazie alla forte crescita di profitti e vendite.
  • Il titolo Peloton dovrebbe avere una performance inferiore, tra risultati e prospettive deboli.
  • L’azionario a Wall Street è salito venerdì, con i principali indici che hanno chiuso un’altra settimana forte.

    Fonte: Investing.com

    A prescindere dalla direzione che prenderà il mercato, di seguito parleremo di un titolo che probabilmente sarà richiesto e di un altro che potrebbe vedere ulteriori ribassi.

    Ricordate però che la nostra tempistica si riferisce solamente alla settimana in apertura.

    Il titolo da comprare: Caterpillar

    Dopo aver chiuso ad un nuovo massimo record venerdì, mi aspetto che il titolo Caterpillar (NYSE:CAT) continui il rally questa settimana, in quanto dovrebbe riportare una forte crescita di profitti e vendite quando pubblicherà i risultati finanziari, grazie al miglioramento dei fondamentali.

    Il colosso industriale è schizzato di oltre il 10% finora a gennaio, nell’ottimismo per la resilienza dell’economia globale.

    Il titolo CAT, che ha battuto il Dow di un ampio margine nell’ultimo anno, ha chiuso a 264,54 dollari venerdì, sopra il precedente massimo record di chiusura di 262,12 dollari del giorno prima. Ai livelli attuali, la società di Deerfield, Illinois, ha una market cap di 137,8 miliardi.

    Fonte: Investing.com

    Gli utili del Q4 di Caterpillar arriveranno domani prima della campanella di apertura.

    I trader mettono in conto un possibile movimento di ben il 4% in entrambe le direzioni per il titolo CAT dopo il report.

    Non sorprende che le stime sui profitti siano state riviste al rialzo 20 volte negli ultimi 90 giorni prima del report, secondo InvestingPro.

    Le stime indicano che gli utili accelereranno per il sesto trimestre di fila a 4,03 dollari per azione, con un miglioramento del 49,8% rispetto agli EPS di 2,69 dollari dell’anno prima. Intanto, il fatturato dovrebbe balzare del 14,7% su base annua a 15,8 miliardi di dollari, rispecchiando la robusta domanda per la sua ampia gamma di attrezzature per edilizia, estrazione mineraria ed energia.

    Fonte: InvestingPro

    Il titolo da vendere: Peloton

    Malgrado il recente rialzo, credo che Peloton (NASDAQ:PTON) avrà una performance inferiore questa settimana in quanto il suo ultimo report sugli utili probabilmente rivelerà un altro forte rallentamento della crescita del fatturato, alimentando i timori per le sue prospettive di crescita a lungo termine.

    In base ai movimenti sul mercato delle opzioni, i trader si aspettano una forte oscillazione delle azioni PTON dopo il report, con un possibile movimento di circa il 18,7% in qualsiasi direzione.

    I risultati arriveranno mercoledì prima dell’apertura dei mercati USA.

    Peloton ha deluso le stime sui risultati per sei trimestri di fila, rispecchiando l’impatto negativo delle varie difficoltà per la sua attività.

    Come prevedibile, un sondaggio di InvestingPro sulle revisioni sugli utili degli analisti indica un crescente pessimismo in vista del report, con gli analisti che hanno tagliato le stime sugli EPS di circa l’87% rispetto alle aspettative iniziali negli ultimi 90 giorni.

    Fonte: InvestingPro

    Le aspettative indicano una perdita di 0,64 dollari per azione per il secondo trimestre fiscale, tra i costi di ristrutturazione nell’ambito del piano per un’inversione di rotta.

    I ricavi dovrebbero crollare del 37% rispetto allo stesso periodo dell’anno prima, a 712,3 milioni di dollari.

    Mi aspetto allora che i dirigenti di Peloton mantengano un tono cauto nelle previsioni sull’anno, in un macro-contesto difficile.

    Fonte: Investing.com

    Il titolo PTON ha chiuso la seduta di venerdì a 12,65 dollari, il massimo dal 5 dicembre, con una valutazione di 4,3 miliardi di dollari.

    Le azioni, schizzate all’inizio del 2023 insieme al Nasdaq, segnano ben +59,3% nei primi 27 giorni dell’anno. Malgrado questo recente rialzo, il titolo, che ha registrato -77,8% nel 2022, resta ancora circa il 93% al di sotto del record del gennaio 2021 di 171,09 dollari.

    Nota: Al momento della scrittura, sono long su S&P 500 e Nasdaq tramite SPDR S&P 500 ETF (SPY) e Invesco QQQ ETF (QQQ). Sono long anche su XLK, il Technology Select Sector SPDR ETF. Ribilancio regolarmente il mio portafoglio di singoli titoli ed ETF in base alla valutazione del rischio attuale sia del contesto macroeconomico che dei dati finanziari delle compagnie.

    Le opinioni presentate in questo articolo sono unicamente l’idea dell’autore e non devono essere considerate un consiglio di investimento.

    ***

    Il mercato attuale rende più difficile che mai prendere la giusta decisione. Pensiamo alle sfide:

    • Inflazione
    • Trambusti geopolitici
    • Tecnologie rivoluzionarie
    • Aumenti dei tassi di interesse

    Per gestire tutti questi fattori, sono necessari dati buoni, strumenti efficaci per valutarli e dettagli su quello che implicano. Bisogna eliminare l’emozione dall’investimento e focalizzarsi sui fondamentali.

    Per farlo, c’è InvestingPro+, con tutti i dati e gli strumenti professionali necessari per prendere decisioni di investimento migliori. Scopri di più »

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.