Ricevi uno sconto del 40%
🚨 Mercati volatili? Trovare le gemme nascoste per ottenere una seria sovraperformanceTrova subito azioni

2 ETF legati ai servizi per avere profitti stabili anche se il mercato si contrae

Pubblicato 31.08.2020, 12:23
Aggiornato 02.09.2020, 08:05

Data la recente volatilità dei mercati in generale, molti investitori cercano stabilità.

Le compagnie di servizi pubblici sono considerate una solida scelta difensiva data la persistente domanda di acqua, gas ed elettricità a prescindere dalle condizioni dei mercati. Nella maggior parte dei paesi, queste compagnie hanno business model regolati, che solitamente rendono modesti ma costanti profitti.

La loro forte tendenza a generare denaro si traduce in flussi di cassa regolari. Di conseguenza, i titoli delle compagnie di servizi pubblici di solito offrono dividendi robusti, particolarmente allettanti considerato che un alto numero di compagnie di vari settori ha tagliato o del tutto eliminato i dividendi da marzo. Nel cercare compagnie che più probabilmente pagheranno dividendi nei prossimi trimestri, è essenziale capire se gli utili di una data compagnia possono supportare il payout.

Un altro fattore positivo per le compagnie di servizi: i tassi di interesse più bassi negli USA e in altri paesi. Dal momento che le compagnie di servizi pubblici tendono ad avere alti livelli di debito nei loro bilanci, dei tassi di interesse più bassi possono aiutare la riga dei risultati, aumentando il loro appeal come investimento rifugio.

Gli ETF consentono agli investitori di avere esposizione ad una gamma di compagnie di servizi pubblici, evitando al contempo i rischi specifici delle singole compagnie. Eccone due da prendere in esame.

1. Utilities Select Sector SPDR Fund 

  • Prezzo attuale: 59,07 dollari 
  • Range su 52 settimane: 43,44-71,10 dollari
  • Rendimento dividendo: 3,29%
  • Percentuale spesa: 0,13% all’anno, o 13 dollari su un investimento di 10.000 dollari
Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

L’Utilities Select Sector SPDR® Fund (NYSE:XLU) offre esposizione a compagnie del settore dei servizi pubblici, produttori di energia indipendenti e trader degli energetici. Il fondo è stato quotato per la prima volta nel dicembre 1998.

XLU, che replica l’indice Utilities Select Sector Index, comprende 28 proprietà. I settori più importanti (per peso) sono: servizi elettrici (62%), multi-servizi (32%), servizi idrici (3%), servizi gas (1,5%) e produttori indipendenti di energia ed elettricità da fonti rinnovabili (1,5%).

XLU Weekly

I primi dieci titoli rappresentano circa il 65% degli asset netti totali, pari a quasi 12 miliardi di dollari. Le cinque maggiori compagnie del fondo sono NextEra Energy (NYSE:NEE), Dominion (NYSE:D), Duke Energy (NYSE:DUK), Southern Company (NYSE:SO) ed American Electric Power Company (NYSE:AEP).

Finora, sull’anno, il fondo registra -8,5%. Tuttavia, è schizzato di circa il 40% dai minimi di marzo. I rapporti P/E forward e P/S si attestano rispettivamente a 18,57 e 2,06. Gli investitori a lungo termine possono pensare di comprare sul calo, soprattutto se il fondo dovesse muoversi verso il livello di 55 dollari.

2. iShares Global Infrastructure ETF

  • Prezzo attuale: 40,14 dollari
  • Range su 52 settimane: 28,19 - 49,93 dollari 
  • Rendimento dividendo: 3,04%
  • Percentuale spesa: 0,46% all’anno, o 46 dollari su un investimento di 10.000 dollari

IGF Weekly

L’iShares Global Infrastructure ETF (NASDAQ:IGF) offre esposizione a compagnie che forniscono servizi di trasporto, comunicazione, acqua ed elettricità a livello globale. IGF investe su titoli di infrastrutture in tutto il mondo, dal momento che in molti paesi la crescita dei servizi è una parte fondamentale dello sviluppo delle infrastrutture di una regione. Il fondo è stato lanciato nel 2007.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

IGF, che segue l’indice S&P Global Infrastructure, ha 75 possedimenti. La composizione settoriale (per peso) è: servizi pubblici (40,4%), trasporti (30,4%) ed energia (19,8%). Il resto (0,40%) è formato da contanti e strumenti derivati. Detto in altre parole, IGF offre esposizione ai servizi pubblici nell’ambito di un fondo più ampio che comprende anche titoli del settore dei trasporti e dell’energia.

I primi dieci titoli rappresentano circa il 40% degli asset netti totali, pari a poco più di 3 miliardi di dollari. Le cinque principali compagnie sono NextEra Energy, Enbridge (NYSE:ENB), Aena SME (MC:AENA), Transurban Group (ASX:TCL) e TC Energy (NYSE:TRP).

In termini di suddivisione geografica, gli USA (37,3%) sono in cima alla lista, seguiti da Canada (11,1%), Australia (10,7%), Spagna (8,4%) ed Italia (7,9%).

Sull’anno in corso, IGF è crollato del 16,4%. Questo dato non include il pagamento dei dividendi. I rapporti P/E e P/S si attestano rispettivamente a 17,31 e 1,75. Gli investitori a lungo termine e contrari potrebbero cominciare a trovare valore se il prezzo dovesse scendere ancora verso il livello di 37 dollari.

Morale della favola

Sebbene molti titoli di Wall Street abbiano recuperato le perdite dal calo di marzo, gli investitori sono ancora incerti circa l’eventualità che l’economia veda una piena ripresa. Settembre potrebbe essere un momento appropriato per i partecipanti dei mercati per esaminare i propri portafogli e capire se siano o meno composti nel modo giusto per sopportare una potenziale contrazione.

Per chi crede che ci apprestiamo a vivere un periodo di rallentamento economico, vale la pena prendere in considerazione gli ETF legati ai servizi pubblici.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Nota dell’editore: Non tutti gli asset descritti sono necessariamente disponibili su tutti i mercati regionali. Consultate un broker accreditato o un consulente finanziario per trovare strumenti simili che possano essere adeguati alle vostre esigenze. Questo articolo è a solo scopo informativo. È opportuno condurre una due diligence prima di prendere qualsiasi decisione di investimento.

Ultimi commenti

Grazie, precisa e corretta come sempre
ciao
🙋
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.