Ultime Notizie
0

4 cose da seguire sul mercato del greggio questa settimana

Da Ellen R Wald PhDMaterie prime13.09.2018 11:30
it.investing.com/analysis/4-cose-da-seguire-sul-mercato-del-greggio-questa-settimana-200222435
4 cose da seguire sul mercato del greggio questa settimana
Da Ellen R Wald PhD   |  13.09.2018 11:30
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

La versione originale di questo articolo, in inglese, è stata pubblicata il 13.09.2018

All’inizio di questa settimana, i mercati hanno visto un rimbalzo significativo del prezzo del greggio. Inoltre, i segnali tecnici del greggio potrebbero indicare che la materia prima ha raggiunto il fondo. Tuttavia, i fondamentali geopolitici probabilmente continueranno a causare volatilità. Ecco cosa potrebbe influire sul prezzo del greggio questa settimana e la prossima:

1. Il prezzo del greggio è salito questa settimana ma non è qualcosa di indicativo per il futuro

Il prezzo del greggio questa settimana è salito sulla notizia che le scorte statunitensi sono scese nella settimana precedente. Il Brent ha brevemente toccato gli 80 dollari al barile mercoledì 12 settembre. Un altro fattore che ha spinto al rialzo i prezzi sono le aspettative dei trader che le nuove sanzioni contro l’Iran avranno un effetto molto maggiore sul mercato petrolifero rispetto a quanto previsto in precedenza. Gli analisti prevedono ora che dal mercato mancheranno ben 1,5 milioni barili al giorno di greggio iraniano, che l’Arabia Saudita non aumenterà la sua produzione quanto previsto precedentemente e che la produzione di petrolio da scisto USA resterà essenzialmente stagnante fino quando non sarà disponibile una maggiore capacità degli oleodotti nel 2019. Queste supposizioni stanno facendo salire il prezzo del greggio con consegna ad ottobre. Gli osservatori dei mercati dovrebbero ricordare che si tratta solo di previsioni. La produzione di petrolio da scisto continua a crescere, anche se non tanto velocemente quanto previsto prima. Inoltre, l’Arabia Saudita potrebbe ancora decidere di aumentare le esportazioni di greggio.

2. Le scorte galleggianti dell’Iran sono tornate

Le sanzioni USA contro il settore petrolifero iraniano non entreranno in vigore prima di inizio novembre. Tuttavia, Tanker Trackers riporta che l’Iran sta già conservando greggio sulle petroliere a largo della sua costa. Secondo l’analisi di Tanker Trackers, conservare temporaneamente il greggio sulle petroliere è una pratica comune per i produttori petroliferi. La differenza in questo caso è che queste petroliere, che in totale conservano 15,3 milioni di barili di greggio e condensati, non hanno una destinazione precisa. In base al report di Tanker Trackers, l’Iran avrebbe conservato 40 milioni di barili di greggio e condensati durante le sanzioni precedenti. Alla fine delle sanzioni, l’Iran aveva svenduto l’intera scorta galleggiante. Si sospetta che l’Iran abbia venduto clandestinamente le sue scorte galleggianti mentre erano in vigore le sanzioni precedenti. Stavolta, gli osservatori del mercato del greggio dovrebbero seguire da vicino la quantità di greggio e condensati che l’Iran sta mettendo da parte e vedere se viene esportato greggio derivante dalle scorte galleggianti, in violazione delle sanzioni. Quando e se le sanzioni finiranno, l’Iran probabilmente cercherà di vendere questo greggio il più rapidamente possibile, il che dovrebbe spingere l’aumento dei prezzi causato dalle sanzioni.

3. Lo spread WTI/Brent sta salendo ed è un bene per le esportazioni petrolifere USA

La differenza tra il WTI e il Brent si attesta ora a quasi 10 dollari al barile. E questo ha reso le esportazioni petrolifere USA particolarmente allettanti soprattutto per Corea del Sud e Giappone, che stanno cercando di rimpiazzare le importazioni di greggio iraniano. I produttori petroliferi statunitensi stanno offrendo sconti. I compratori asiatici al di fuori della Cina (al momento implicata in uno scontro commerciale con gli Stati Uniti) ne stanno approfittando. Questo non farà che aumentare le pressioni sui produttori USA per esportare più greggio, malgrado gli sconti. L’aumento dello spread viene inoltre alimentato dai timori che la Brexit possa comportare una carenza di lavoratori nella produzione petrolifera del Mare del Nord. Tuttavia, i parlamentari di Aberdeen (dove si trova il grosso dell’industria petrolifera britannica) hanno definito questi timori “allarmisti” ed hanno dichiarato che sono infondati.

4. L’uragano Florence è in arrivo, ma i prezzi della benzina in generale non dovrebbero essere colpiti

Le parti settentrionali degli oleodotti Colonial e Plantation - che trasportano prodotti petroliferi - passano dalle zone che potrebbero essere colpite dalle alluvioni causate dall’uragano Florence quando colpirà la Carolina del Nord e del Sud. Ciò potrebbe causare una mancanza di elettricità che potrebbe bloccare le sezioni settentrionali degli oleodotti. Carolina del Nord, Virginia, Washington DC, Maryland, Delaware e forse il New Jersey potrebbero essere colpiti e potrebbero di conseguenza vedere temporaneamente dei prezzi elevati della benzina.

4 cose da seguire sul mercato del greggio questa settimana
 

Articoli Correlati

4 cose da seguire sul mercato del greggio questa settimana

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email