Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Bce pronta a tagliare i tassi

Pubblicato 28.05.2024, 08:31
MSFT
-
GOOGL
-
VIX
-
GOOG
-
ENX
-

La vita può essere capita solo all’indietro, ma va vissuta in avanti" (Sören Kierkegaard)


Bce rule. La prossima settimana la Banca centrale Europea con molta probabilità abbasserà il tasso di interesse. Prima manovra dopo quasi 3 anni di rialzi consecutivi interrotti da alcuni mesi di attesa. Ma anche ora che siamo vicini al traguardo c’è chi invita a non cantare vittoria. Secondo Philip Lane, capo economista della Bce, intervenuto in occasione di un evento a Dublino, il probabile taglio dei tassi di interesse da parte di Francoforte, non sarà una dichiarazione di vittoria sull'inflazione. Secondo Lane c'è ancora molta pressione sui costi nell'economia europea. È possibile rimuovere il livello massimo di restrizione ma siamo ancora in mezzo una situazione inflativa. Lo dimostra anche il fatto che le materie prime, sebbene lontano dai massimi, restino particolarmente volatili. Ieri il petrolio è salito di questi il 2%, il prezzo del gas sulla Borsa di Amsterdam di oltre il 5%. Anche l’indice dei noli di trasporto marittimi, si muove vicino ai massimi di periodo. Le Borse hanno però festeggiato a modo loro l’avvicinarsi del momento della svolta sul fronte della politica monetaria: Piazza Affari la migliore in rialzo dello 0,79%, alle sue spalle l’Euro Stoxx 50 +0,46% e lo Stoxx 600 +0,32%. Wall Street invece ha chiuso piatta. Torna a farsi sentire la volatilità: +4% il Vix sull’S&P 500, in recupero dai minimi storici. Piatto forte del calendario macro di oggi: alle 16:00 il rapporto sulla fiducia dei consumatori a maggio in Usa.

Mister miliardo

La startup xAI di Elon Musk ha ottenuto $6 miliardi in un nuovo round di finanziamenti serie B, portando la sua valutazione complessiva a $24 miliardi. Gli investitori, tra cui Andreessen Horowitz e Sequoia Capital, stanno puntando molto su aziende come OpenAI man mano che la competizione nell'intelligenza artificiale si intensifica. Secondo un post dell'azienda di ieri, la valutazione pre-finanziamento di xAI era di $18 miliardi, come confermato da Musk su X. I fondi saranno destinati al lancio dei primi prodotti di xAI, alla costruzione di infrastrutture avanzate e all'accelerazione della ricerca e sviluppo di nuove tecnologie. Musk ha aggiunto in un altro post su X che ci saranno ulteriori annunci nelle prossime settimane. Nel frattempo, aziende come OpenAI, supportata da Microsoft (NASDAQ:MSFT), e Alphabet (NASDAQ:GOOGL) continuano a guidare la corsa all'intelligenza artificiale generativa, favorendo investimenti significativi e innovazioni in un settore in rapida evoluzione. Un contesto dove cerca di farsi spazio anche l’Italia come annunciato in occasione di una riunione del G7 a Presidenza italiana da parte del Presidente del Consiglio Giorgia Meloni. Il Paese investirà fondi pubblici per €1 miliardo in questa tecnologia sostenendo imprese locali. Tra queste ci sarà probabilmente Spindox, società quotata su Euronext (EPA:ENX) Growth Milan, Spindox, operatore nel mercato dei servizi e dei prodotti ICT destinati all’innovazione digitale nel business delle imprese. Spindox è tra i partner che si occuperanno di portare a termine due progetti finanziati dai fondi PNRR nell’ambito degli Ecosistemi dell’innovazione per la sostenibilità.

Retromarcia sull’auto elettrica?

A Mirafiori, lo stabilimento torinese simbolo della produzione di automobili in Italia, si riparte con la produzione della 500 ibrida, ma non dei veicoli elettrici. Questa decisione, se confermata, rappresenterebbe un'importante per le scelte di politica industriale del gruppo in Italia. Secondo Automotive News Europe la produzione della nuova 500 ibrida inizierà verso la fine del 2025. Il nuovo modello sarà basato sulla stessa piattaforma della 500 elettrica, mentre la vecchia versione, sia a benzina che ibrida, sarà gradualmente eliminata. La produzione annua a Mirafiori potrebbe raggiungere le 200.000 unità, di cui 125.000 ibride, un netto miglioramento rispetto alle 80.000 minicar prodotte l'anno scorso. Questa crescita si allinea anche con l'obiettivo del Governo italiano di raggiungere una produzione di almeno 1 milione di veicoli all'anno entro il 2030. La questione della produzione della 500 ibrida è stata discussa per mesi, ma grazie ai nuovi incentivi per le auto, il progetto potrebbe finalmente prendere il via. La decisione non lascia però completamente soddistatti gli stakeholders: la scelta di puntare su un motore a combustione appare come una marcia indietro rispetto alla tendenza verso i veicoli elettrici a livello mondiale. Inoltre per il rilancio di Mirafiori sarebbe stato meglio un nuovo modello ad alto volume e più economico, come la Panda, che verrà invece prodotta in Serbia.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.