Ultime Notizie
Chiusura
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Fai l’upgrade ora

Evergrande: il fallimento che potrebbe mettere in ginocchio la Cina

Da OraFinanza.it (Antonio Gamma)Panoramica mercato17.09.2021 12:34
it.investing.com/analysis/evergrande-il-fallimento-che-potrebbe-mettere-in-ginocchio-la-cina-200447956
Evergrande: il fallimento che potrebbe mettere in ginocchio la Cina
Da OraFinanza.it (Antonio Gamma)   |  17.09.2021 12:34
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Una drammatica crisi di liquidità rischia di travolgere il secondo gruppo immobiliare cinese oberato da debiti per 300 miliardi di dollari. In pericolo 3,8 milioni di posti di lavoro. Il rebus degli investitori: Pechino scenderà in campo con un salvataggio di Stato?

“Il test più difficile degli ultimi anni per il sistema finanziario cinese”.

Uno spettro si aggira per i mercati finanziari dell’Asia: è quello del possibile fallimento del colosso immobiliare cinese Evergrande e del rischio di sconquassi a catena che potrebbero travolgere investitori, fornitori e clienti in Cina, e al di fuori della Cina.

Fra gli esperti di politica ed economia cinese sono numerosi coloro che prevedono che il governo di Pechino farà di tutto per evitare una crisi dalla portata imprevedibile alla vigilia del XX Congresso del Partito comunista che avrà il compito di confermare la leadership di Xi Jinping per un ulteriore decennio. Però, non è chiaro che cosa il governo potrà fare, tenuto conto che la fiducia degli investitori internazionali resta un elemento chiave per le prospettive future di crescita della Cina.

Interpellato da Cnbc, Mark Williams, chief Asia economist di Capital Economics, società inglese di ricerca e consulenza, dice che il tracollo di Evergrande “sarebbe il test più difficile degli ultimi anni per il sistema finanziario cinese”.

Evergrande è il secondo gruppo di sviluppo immobiliare in Cina ma è il più indebitato al mondo, con un fardello di passività pari a 300 miliardi di dollari. Dopo anni di espansione a passo di carica, Evergrande è ora in difficoltà a pagare fornitori, dipendenti, a onorare gli impegni con i clienti, e nelle ultime due settimane ha avvertito gli investitori che potrebbe non rispettare le scadenze per il rimborso dei debiti.

Martedì 14 settembre ha affermato che le vendite di immobili continueranno a rallentare nel resto del mese di settembre proseguendo in un calo che dura da mesi, rendendo sempre più disastrosa la crisi di liquidità. Come sempre avviene in questi frangenti, i creditori reagiscono irrigidendosi e le loro scelte portano a ulteriori aggravamenti della situazione. Secondo Reuters, nelle scorse settimane alcune banche di Hong Kong, fra cui Hsbc e Standard Chartered (LON:STAN), hanno rifiutato di rinnovare i finanziamenti agli acquirenti di due progetti immobiliari residenziali che Evergrande ha in via di completamento.

La crisi di liquidità ha portato le agenzie di rating a operare ripetuti downgrade sui bond del gruppo. Alla Borsa di Hong Kong le azioni Evergrande sono crollate dell’80% dall’inizio dell’anno.

Il tracollo del bond Evergrande con scadenza marzo 2022

(quotazione in Usd, Isin XS1580431143)

evergrande titolo
evergrande titolo

Per afferrare le dimensioni del disastro bisogna avere in mente che Evergrande è uno dei principali attori dello scenario economico cinese. Secondo i dati raccolti da Cnbc, è il secondo sviluppatore immobiliare del Paese con oltre 1.300 progetti in corso in 280 città della Cina. A questo si affianca l’attività di servizi immobiliari che la vedono coinvolta in 2.800 progetti in oltre 310 città. Al gruppo fanno capo sette unità operative che spaziano dall’attività industriale (compresi i veicoli elettrici) ai servizi per la salute, dai prodotti di consumo alla realizzazione di viedo e produzioni televisive e nel paniere non manca un parco a tema. Il dato ufficiale dice che i dipendenti sono 200mila, ma sul sito di Evergrande si legge che i posti di lavoro complessivi coinvolti nelle attività del gruppo sono 3,8 milioni.

Uno tsunami che potrebbe travolgere banche, fornitori, famiglie e investitori.


Un default di Evergrande rischierebbe di essere uno tsunami nel sistema finanziario cinese, che potrebbe travolgere banche, fornitori, famiglie e investitori.
Nei giorni scorsi alcune centinaia di compratori di immobili e di sottoscrittori di obbligazioni hanno dato vita a manifestazioni di protesta davanti alla sede del gruppo a Shenzen e fra le preoccupazioni delle autorità di Pechino c’è anche quella che l’eventuale default del gruppo scateni disordini fra la popolazione.

C’è poi il capitolo doloroso dei fornitori. Secondo una stima di S&P dello scorso agosto, nei prossimi 12 mesi Evergrande dovrà fare fronte a pagamenti per circa 37,1 miliardi di dollari a fornitori e contractor, e il mancato rispetto di questi impegni potrebbe portare alla crisi numerose aziende.

Una possibile via di uscita sarebbe quella di offrire ai fornitori pagamenti in beni fisici, ovvero in immobili, ma anche facendo così la coperta risulterebbe troppo corta lasciando irrisolto il problema di come fronteggiare gli impegni con gli altri creditori.

I più esposti al rischio sembrano essere gli investitori internazionali che hanno sottoscritto i bond. Secondo TS Lombard, società inglese di consulenza e previsioni economiche, il rendimento sui bond offshore dell’Asia (in gran parte emessi da società del settore immobiliare) sono già schizzati al 13% medio. L’ipotesi più diffusa è che i tentativi di Pechino di evitare il fallimento di Evergrande porteranno a proteggere maggiormente gli interessi dei soggetti cinesi, banche e famiglie impegnate nell’acquisto di immobili, piuttosto che gli azionisti o i proprietari di bond.

Interpellato da Cnbc, Dan Wang, economista della Hang Seng bank, dice di aspettarsi misure di sostegno da parte del governo, o anche dalla banca centrale, per un salvataggio di Evergrande. Altri analisti pensano che la crisi si concluderà con una drastica ristrutturazione del debito in cui gli asset di Evergrande (terreni e progetti in via di completamento) saranno ceduti a gruppi immobiliari concorrenti.

Secondo Natixis, il governo di Pechino farà di tutto per evitare la diffusione di un rischio sistemico, ma questo non impedirà che molti soggetti dovranno sopportare pesanti perdite finanziarie, con conseguenze negative sulle future prospettive di sviluppo del Paese. Il tanto temuto “hard landing” della Cina potrebbe scaturire dal fallimento di Evergrande.

Evergrande: il fallimento che potrebbe mettere in ginocchio la Cina
 

Articoli Correlati

Evergrande: il fallimento che potrebbe mettere in ginocchio la Cina

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (2)
Mario Rossi
Mario Rossi 17.09.2021 14:10
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
La Cina fallirà solo se dovesse pagare per i danni che ha fatto al resto del mondo con il covid
Roi Baccini
Roi Baccini 17.09.2021 13:08
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
banale da un pero nascono le pere
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Le nostre Apps
Scarica l'AppApp store
Investing.com
© 2007-2022 Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
  • Iscriviti GRATIS e ricevi:
  • Allerte in tempo reale
  • Portafoglio avanzato
  • Grafici personalizzati
  • App completamente sincronizzata
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email