Ultime Notizie
Investing Pro 0
🚨 Il nostro dato Pro rivela il vero vincitore della stagione degli utili Accedi ai dati

I banchieri centrali on credono nel picco dell’inflazione

it.investing.com/analysis/i-banchieri-centrali-ancora-non-segnalano-il-cessato-pericolo-sullinflazione-200458611
I banchieri centrali on credono nel picco dell’inflazione
Da Darrell Delamaide/Investing.com   |  29.11.2022 15:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
  • Colombe e falchi della Fed vedono la necessità di ulteriori aumenti dei tassi per limitare i prezzi
  • Anche i policymaker della BCE prospettano altri aumenti, con i paesi che aiutano i consumatori
  • L’ex capo della Bundesbank Weidmann potrebbe ottenere un ruolo importante nel FMI

Scegliete un numero: proviamo ad indovinare dove sarà l’inflazione USA tra un anno.

John Williams, Presidente della Federal Reserve Bank di New York e vice-presidente del Federal Open Market Committee, dice che l’inflazione statunitense sarà ancora al 3% tra un anno.

In base all’indice PCE, l’inflazione potrebbe rallentare dal 6,2% di settembre a circa il 5%-5,5% entro fine anno, ma restare alta per la maggior parte del prossimo anno, ha detto ieri all’Economic Club di New York.

Mohamed El-Erian, economista che sta mettendo in guardia dall’inflazione persistente ormai da oltre un anno, afferma che il tasso di inflazione potrebbe restare intorno al 4%, con i continui sconvolgimenti delle filiere per un allontanamento dalla globalizzazione che lo mantengono alto. Questo allontanamento non è “temporaneo o rapidamente reversibile”, dice.

I sondaggi sulle aspettative dei consumatori sull’inflazione non sono molto più bassi, oscillando intorno al 3% in 3 o 5 anni.

I verbali del vertice FOMC di inizio novembre, pubblicati la scorsa settimana, hanno confermato le aspettative dei mercati che la Fed rallenterà il ritmo degli aumenti dei tassi, passando probabilmente ad un aumento da mezzo punto, rispetto ai tre quarti di punto degli ultimi quattro vertici.

Tuttavia, gli analisti si aspettano che il Presidente della Fed Jerome Powell metta i mercati davanti alla realtà, quando parlerà domani alla Brookings Institution. Proprio come aveva fatto al simposio di Jackson Hole ad agosto, probabilmente avviserà gli investitori che cavalcano un rally del mercato azionario che c’è ancora del lavoro da fare.

E Williams ha usato queste esatte parole ieri:

“Ma c’è ancora molto altro lavoro da fare”.

E lui tende ad essere cauto.

Loretta Mester, capo della Fed di Cleveland, molto più interventista, ha riferito al Financial Times ieri che pensa sia meglio restare prudenti. “Considerato dove ci troviamo in termini di letture sull’inflazione, le prospettive e i rischi, continuo a dare più peso al rischio maggiore o al costo maggiore di non fare abbastanza”, ha dichiarato.

Anche i falchi della Banca Centrale Europea si fanno sentire: gli investitori si aspettano che la banca moderi gli aumenti dei tassi e non replichi i due recenti grossi aumenti da 75 punti base il mese prossimo.

Isabel Schnabel, membro tedesco del consiglio direttivo, afferma che il consiglio ha poco spazio di manovra per rallentare gli aumenti dei tassi, perché gli aiuti governativi alle famiglie per il caro energia manterranno alta l’inflazione.

“Nel contesto attuale, c’è il rischio che le politiche monetarie e fiscali vadano in direzioni opposte, portando ad un mix subottimale”, ha avvertito giovedì. Ed ha aggiunto:

“Molte misure fiscali popolari tra l’elettorato, come rigidi tetti al prezzo o ampi incentivi, rischiano di alimentare ulteriormente l’inflazione a medio termine, il che potrebbe alla fine costringere la politica monetaria ad alzare i tassi di interesse oltre il livello che sarebbe considerato appropriato senza stimolo fiscale”.

Klaas Knot, capo della banca centrale olandese, spesso definito il policymaker più “falco” nel consiglio direttivo della BCE, ritiene “ridicoli” i timori che la BCE rischi di inasprire eccessivamente.

La recessione non è una conclusione scontata, ha dichiarato a Parigi, ma la BCE deve assicurarsi che la crescita rallenti.

“Per riportare l’inflazione all’obiettivo, avremo bisogno di un periodo prolungato in cui almeno la crescita sia sotto il potenziale, perché altrimenti la disinflazione non sparirà mai. La mia preoccupazione è sempre e solo l’inflazione”.

Parlando di falchi, l’ex capo della banca centrale tedesca, Jens Weidmann, probabilmente sarà il candidato di Berlino a capo del Fondo Monetario Internazionale: la Germania pensa che sia arrivato il suo turno al FMI. Weidmann, che ha spesso chiesto politiche restrittive alla BCE, ha lasciato la Bundesbank l’anno scorso e di recente è stato nominato presidente dell’organo di vigilanza di Commerzbank.

Kristalina Georgieva, attuale direttore generale del FMI, non se ne andrà prima di ottobre 2024, ma sembra che non avrà un secondo mandato e si sono già aperti i giochi per scegliere il suo successore.

I banchieri centrali on credono nel picco dell’inflazione
 

Articoli Correlati

I banchieri centrali on credono nel picco dell’inflazione

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (2)
Marco Azzalini
Marco Azzalini 01.12.2022 14:09
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Scusate ma negli ultimi 10 anni non ci si scervellava a come far ripartire l’inflazion? Ora che avremo un’inflazione intorno al 3% per i prossimi 10 anni non va piu bene? Mi sa che si cambia piu spesso idwa che mutande…
Enrico Saccheggiani
Enrico Saccheggiani 30.11.2022 6:46
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Very good article, thanks
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email